^

Salute

A
A
A

Cambiamenti diffusi nel cervello: cosa significa?

 
, Editor medico
Ultima recensione: 11.05.2022
 
Fact-checked
х

Tutti i contenuti di iLive sono revisionati o verificati da un punto di vista medico per garantire la massima precisione possibile.

Abbiamo linee guida rigorose in materia di sourcing e colleghiamo solo a siti di media affidabili, istituti di ricerca accademici e, ove possibile, studi rivisti dal punto di vista medico. Nota che i numeri tra parentesi ([1], [2], ecc.) Sono link cliccabili per questi studi.

Se ritieni che uno qualsiasi dei nostri contenuti sia impreciso, scaduto o comunque discutibile, selezionalo e premi Ctrl + Invio.

Il cervello è il più alto centro di regolazione di tutti i processi che avvengono nel corpo umano. Sono la sua struttura complessa e le sue caratteristiche di funzionamento che distinguono una persona dagli animali, la rendono più intelligente e ragionevole. È chiaro che qualsiasi cambiamento locale o diffuso nel cervello potrebbe non avere il miglior effetto sulle prestazioni di questo importante organo che controlla il lavoro di tutti gli altri componenti di un organismo vivente. Sebbene qui sia importante tenere conto del fatto che in diversi periodi di età si verificano regolarmente cambiamenti qualitativi e quantitativi nel cervello, che sono determinati fisiologicamente e non implicano patologia. Ma come capire a cosa sono associati i cambiamenti nella sostanza cerebrale e la sua attività, e vale la pena preoccuparsene?

Cervello umano

Quando si dice che l'uomo è l'essere più alto sulla Terra, non significa che sia più forte e più potente del resto del mondo animale. In una lotta con animali grandi e predatori, il vantaggio di potere spesso non è affatto dalla parte di una persona. Ma grazie alla complessa struttura del cervello e ai processi di analisi e sintesi delle informazioni che avvengono al suo interno, prendiamo decisioni che aiutano a resistere agli avversari molte volte più forti.

Mentre il comportamento degli animali è basato su istinti innati e bisogni elementari che consentono loro di sopravvivere e garantire la continuazione della specie, l'uomo è guidato dalla ragione, che gli conferisce determinati privilegi e gli consente di risolvere i problemi emergenti non solo attraverso la fuga o l'aggressività, ma anche attraverso la trasformazione del mondo.

Sembrerebbe che il cervello dell'uomo e degli animali superiori abbia una struttura e funzioni simili sulla base degli stessi principi, ma l'uomo ha imparato a controllare lo sviluppo del suo cervello. Dopo aver studiato i principi del suo lavoro, una persona può controllare questo processo e persino correggerlo.

Ma cos'è il cervello umano? Questo è il principale organo di regolazione del sistema nervoso centrale (SNC), che fornisce funzioni mentali superiori: percezione, attenzione, pensiero, memoria, controllo della sfera motoria ed emotivo-volitiva. Tutte queste funzioni iniziano a formarsi immediatamente dopo la nascita di un bambino. La violazione o il sottosviluppo delle funzioni mentali superiori avvicina una persona agli animali, fornisce un movimento in avanti indietro.

Le principali cellule del cervello - i neuroni - hanno un'incredibile capacità di trasmettere informazioni dall'ambiente dai recettori situati in tutto il corpo al cervello e al midollo spinale. Questo è possibile grazie agli impulsi bioelettrici generati dai corpi dei neuroni, che si propagano su lunghe distanze in una frazione di secondo, quindi rispondiamo quasi istantaneamente a qualsiasi cambiamento nel mondo esterno e nell'ambiente interno del nostro corpo.

Gli impulsi nervosi che formano catene di focolai di eccitazione e inibizione sono una sorta di codice che viene trasmesso lungo le fibre nervose, costituito da processi neuronali, e decifrato dal cervello come guida all'azione. Sono questi impulsi che una persona ha imparato a correggere con l'aiuto di attrezzature speciali (elettroencefalografi). Esaminando il passaggio degli impulsi attraverso diverse parti del sistema nervoso centrale, si può giudicare il funzionamento del cervello, ad es. Sua attività bioelettrica.

Cambiamenti locali o focali nella sostanza del cervello o nella sua corteccia causano disturbi nel funzionamento dei singoli organi e sistemi, a seconda della posizione della lesione. Le funzioni della vista e dell'udito possono risentirne, la sensibilità di aree limitate del corpo o degli organi potrebbe essere compromessa, potrebbero esserci problemi di coordinazione dei movimenti, ecc. Una grave disfunzione del SNC si basa solitamente su cambiamenti diffusi nel cervello, ad es. Disturbi comuni con localizzazione offuscata, quando non viene disturbata un'area specifica del cervello, ma il suo lavoro nel suo insieme, come un sistema organizzato.

Il cervello umano ha subito vari cambiamenti nel processo di evoluzione, quindi contiene formazioni più vecchie e più nuove. La parte più giovane del cervello è considerata la sua corteccia, che svolge funzioni più responsabili, distinguendo sempre di più una persona dagli animali, fornendo azioni coscienti. È chiaro che i cambiamenti sia locali che diffusi nella corteccia cerebrale influenzano in modo significativo il benessere di una persona, le sue capacità cognitive (che è particolarmente importante durante l'infanzia, quando si stanno ancora formando concetti sul mondo che lo circonda) e la capacità lavorativa. [1]

Considerando il ruolo della corteccia cerebrale, non dovrebbero mancare le funzioni che svolgono le formazioni sottocorticali. Importanti formazioni sottocorticali comprendono i nuclei basali nella composizione della sostanza bianca degli emisferi cerebrali, che sono responsabili delle nostre emozioni e della trasmissione degli impulsi motori lungo le vie (fasci di fibre nervose), che sono il risultato dell'analisi e della sintesi di informazioni sensibili trasmesse al cervello dai recettori.

Tra le strutture mediane vitali del cervello si considerano: il midollo allungato, il mesencefalo, il diencefalo (talamo, ghiandola pituitaria, ipotalamo, epifisi), ponte varolii, formazione reticolare, organi del sistema limbico con centri nervosi situati in essi. Questi centri regolano il lavoro degli organi della vista e dell'udito, l'apparato vestibolare, il sistema nervoso autonomo, la coordinazione dei movimenti, le reazioni emotive, ecc.

Maggiore è la profondità del danno cerebrale, più difficile diventa il suo lavoro analitico e sintetico, necessario per comprendere il mondo e la vita in esso. Grazie al metodo di ricerca elettroencefalografico, è possibile determinare sia l'entità che la profondità del danno cerebrale, che si riflette nella diagnosi.

Le cause cambiamenti diffusi nel cervello:

Le cause dei cambiamenti diffusi nella conduzione nervosa del cervello negli adulti possono essere considerate lesioni organiche del cervello di grado moderato e grave, quando è interessato più del 20% del tessuto cerebrale, che porta a vari disturbi dell'attività nervosa e neuropsichiatrica disturbi. I fattori di rischio per le patologie organiche del cervello - un concetto che combina una serie di disturbi caratterizzati da alterazioni distrofiche nel midollo con ridotta conduzione neuronale - sono difetti cerebrali acquisiti associati a:

  • lesioni craniocerebrali, che possono essere di varia gravità, quindi la violazione della conduzione bioelettrica da esse causata può essere di diversa natura, intensità e durata (i traumi del cranio e del cervello possono essere caratterizzati da cambiamenti sia locali che diffusi nel midollo), [2]
  • varie intossicazioni (tutto qui dipende sia dalla natura delle tossine e dei veleni, sia dalla durata della loro esposizione al corpo),
  • radiazione che interrompe i processi metabolici nei tessuti cerebrali e provoca la morte delle sue cellule,
  • ipossia cerebrale (il cervello è uno dei primi a sentire una mancanza di ossigeno e più a lungo sperimenta la fame di ossigeno, più forte e persistente sarà il danno alle cellule nervose),
  • processi infiammatori nei tessuti e nelle membrane del cervello, che nella maggior parte dei casi sono di natura infettiva (meningite, encefalite, meningoencefalite, che spesso si verificano come complicanza delle malattie del rinofaringe a causa della vicinanza dei suoi organi al cervello),
  • disturbi circolatori estesi nel cervello (patologie vascolari associate a una diffusa diminuzione del diametro dei vasi cerebrali, come l'aterosclerosi vascolare)
  • malattie degenerative (ne abbiamo scritto sopra).

Non dovremmo escludere tali disturbi che, a quanto pare, non hanno nulla a che fare con il cervello, sebbene, secondo le statistiche, raramente portino a gravi disturbi del cervello. Ad esempio, un basso livello di emoglobina o anemia, in cui diminuisce il livello di globuli rossi ed emoglobina, che forniscono ossigeno ai tessuti del corpo, e in particolare al cervello. In questo caso, anche il cervello sperimenterà una mancanza di ossigeno, come nell'ipossia causata dal soffocamento, ma in misura minore, quindi i cambiamenti nella sostanza del cervello e la sua attività saranno meno pronunciati (leggeri).

I disturbi metabolici nel corpo, il beriberi, i disturbi delle ghiandole endocrine portano ad una crescente fame del cervello e la mancanza di sonno (mancanza di riposo normale) porta al suo superlavoro. Non sorprende che le persone con questi problemi possano anche avere un'attività cerebrale irregolare e un declino reversibile delle capacità intellettive, sebbene non ci siano cambiamenti nell'ecografia o nell'imaging cerebrale.

Cambiamenti nell'attività bioelettrica del cervello di natura regolatoria implicano violazioni del piano funzionale e sono solitamente associati a disfunzioni delle strutture mediane che controllano l'attività cerebrale, per cui l'eccitazione o l'inibizione possono predominare nel SNC. Queste strutture includono la ghiandola pituitaria, l'ipotalamo, la ghiandola pineale, il cervelletto. Allo stesso tempo, i cambiamenti distrofici o degenerativi non saranno necessariamente diagnosticati nel midollo.

Patogenesi

Abbiamo già notato che il nostro cervello subisce vari cambiamenti in diversi periodi di età. E questo è scientificamente spiegabile, perché con la formazione di funzioni mentali superiori, l'attività del cervello cambia. Si sviluppa a causa della creazione di molteplici connessioni riflesse condizionate che si formano nel corso della vita del sistema nervoso centrale, dalla nascita di una persona alla sua morte. È sulla formazione di connessioni così utili che aiutano il cervello a lavorare più attivamente e rapidamente a prendere le giuste decisioni che si basa il processo di apprendimento. Sulla base degli insegnamenti di I.P. Pavlov sull'attività nervosa superiore (HNA), il detto "vivi per un secolo, impara per un secolo" assume un significato chiaro.

Le connessioni riflesse condizionate si formano a causa della capacità dei neuroni di trasmettere gli impulsi nervosi. Diverse combinazioni di impulsi causano reazioni diverse nel cervello. Con la loro frequente ripetizione, si forma uno stereotipo dinamico che facilita il lavoro del cervello.

In violazione dell'attività bioelettrica (BEA) del cervello, il suo lavoro analitico e sintetico diventa più complicato. Gli stereotipi sviluppati si perdono lentamente e non se ne formano di nuovi. Reagendo a ogni stimolo nuovo e anche già conosciuto (e ce ne sono moltissimi intorno e dentro il nostro corpo), il sistema nervoso centrale deve affaticarsi molto, analizzare costantemente la situazione e prendere decisioni che prima venivano effettuate quasi istintivamente su alla base degli stereotipi formati. Ad esempio, se abbiamo bisogno di scrivere qualcosa, iniziamo istintivamente a cercare una penna, una matita o un gessetto, carta, ad es. Ciò che è necessario in questa situazione, senza affaticare il cervello. Se la conduttività bioelettrica è disturbata, anche un compito così semplice causerà tensione nel cervello, che porta al suo rapido affaticamento, una diminuzione dell'attività fisica e intellettuale.

Più esteso è il danno al cervello con ridotta conduzione bioelettrica, più difficile sarà per una persona far fronte ai suoi compiti abituali, più difficile sarà formare nuovi riflessi condizionati che garantiscano lo sviluppo di una persona e il più velocemente le abilità e le abilità precedentemente acquisite andranno perse. Così si associano le diagnosi di “demenza” (demenza, che spesso si sviluppa in età avanzata, ma a volte viene diagnosticata anche nei bambini di età superiore ai 2 anni) e di “oligofrenia”, considerata una patologia congenita che limita lo sviluppo dell'intelligenza con una pronunciata interruzione del lavoro dei neuroni.

I cambiamenti diffusi nei tessuti del cervello sono considerati processi così comuni associati a una ristrutturazione qualitativa e quantitativa delle strutture cellulari dell'organo. Questo può essere edema cerebrale o alterata circolazione del sangue nei suoi tessuti, causando morte cellulare, cicatrici dovute a traumi e processi tumorali che comprimono i vasi cerebrali e di nuovo portano all'ischemia di vaste aree della sostanza cerebrale. Tali cambiamenti influenzano sia le prestazioni delle cellule nervose (la capacità di generare segnali elettrici) sia la capacità di condurre gli impulsi nervosi da un neurone all'altro.

Cambiamenti diffusi nel tessuto cerebrale, che vengono rilevati dagli ultrasuoni, così come dalla radiografia e dalla tomografia del cervello, possono essere innescati sia da traumi o infezioni, sia da malattie vascolari, processi tumorali nel cervello, malnutrizione del tessuto nervoso (ipossia, anemia, ecc.). Sono caratteristici delle malattie degenerative ereditarie provocate da mutazioni genetiche (neurofibromatosi di tipo 1 e 2, sindrome di Louis-Bar, sclerosi tuberosa) e patologie neurodegenerative associate a disordini metabolici (demenza, atrofia multisistemica, morbo di Parkinson, morbo di Wilson e di Farah). [3]

I cambiamenti nella struttura del tessuto cerebrale influenzano la sua capacità di generare e condurre impulsi nervosi. Cambiamenti diffusi nel cervello (qualitativo e quantitativo), identificati nella prima infanzia, possono agire come una caratteristica distintiva dello sviluppo individuale di una persona o essere il risultato di processi patologici nel cervello. Pertanto, è possibile giudicare la loro patogenesi e influenza sullo sviluppo neuropsichico di un bambino solo in combinazione con un'analisi degli indicatori di conducibilità bioelettrica nei neuroni cerebrali. Lievi cambiamenti possono essere sia una variante della norma che un indicatore di disturbi patologici persistenti o in via di sviluppo. Alcuni di essi vengono rilevati immediatamente dopo la nascita di un bambino, altri in età avanzata. [4]

Sintomi cambiamenti diffusi nel cervello:

I cambiamenti diffusi nel cervello e nel suo BEA non sono una diagnosi, ma solo il risultato di un esame che aiuta a capire se c'è una patologia e a determinare la diagnosi. Non può essere considerato separatamente dalle altre manifestazioni della malattia e da quei processi che si sono verificati con una persona prima che iniziassero i cambiamenti nel cervello.

Cambiamenti diffusi nei biopotenziali cerebrali possono essere dovuti alla normale fisiologia. Quando una persona si addormenta, diminuisce, con il superlavoro o sullo sfondo di un grave shock nervoso, l'attività cerebrale diminuisce.

Ma i cambiamenti nelle strutture cerebrali determinati da ecografia e tomografia sono già un concetto più specifico, restringendo la gamma delle possibili diagnosi. È vero, quando non si parla di una lesione locale, ma diffusa (vaga, senza confini chiari, quando c'è un grande focus con confini sfocati o molti degli stessi sfocati in tutto il cervello), è impossibile dire inequivocabilmente cosa l'ha causato e in cosa potrebbe trasformarsi...

Cambiamenti diffusi nelle strutture del tronco cerebrale, che includono il midollo allungato, che è una continuazione del midollo spinale, il ponte, il mesencefalo, a volte il cervelletto (il centro per la regolazione del tono muscolare, l'equilibrio, la coordinazione dei movimenti) e il midollo allungato sono inclusi anche qui. Attraverso tutte queste strutture passa una formazione reticolare, contenente molti centri nervosi responsabili delle funzioni vitali dell'organismo: masticazione, deglutizione, respirazione, digestione, battito cardiaco, ecc. A coronare il tronco cerebrale c'è il sistema limbico, che è responsabile, tra le altre cose, delle emozioni umane. Si dice che un cambiamento diffuso si verifica quando non è possibile indicare esattamente quale parte del tronco cerebrale è danneggiata anche dopo un esame strumentale completo.

In tali situazioni, il complesso dei sintomi è molto eterogeneo, perché tutto dipende da quali reparti sono coinvolti nel processo patologico. Una persona può avere problemi di appetito, ritmo cardiaco, respirazione, deglutizione, pressione sanguigna (se la formazione reticolare è coinvolta nel processo), sviluppare atassia e atonia (ridotta coordinazione dei movimenti e diminuzione del tono muscolare con danno al cervelletto). Con danni al diencefalo (talamo, ipotalamo, ghiandola pituitaria, ghiandola pineale), possono verificarsi disturbi del sonno, interruzione dei bioritmi, interruzione delle ghiandole endocrine, diminuzione delle capacità intellettive, affaticamento e disturbi dell'udito e della vista. Possibili violazioni della funzione sessuale.

Quando si parla di danno funzionale, di solito è possibile determinare il focus della malattia dai sintomi, ad es. La struttura del cervello che ha fallito. Cambiamenti diffusi nel cervello sono accompagnati da disfunzioni di diverse strutture coinvolte nel processo patologico contemporaneamente, quindi può sembrare che i sintomi non siano correlati.

I cambiamenti distrofici diffusi nel cervello sono accompagnati da un cambiamento nella sua attività bioelettrica, a seguito della quale l'elaborazione delle informazioni ricevute viene interrotta. Con l'aumento dell'attività cerebrale, una persona sperimenta un rapido affaticamento, una diminuzione dell'attenzione, improvvisi cambiamenti di umore, la comparsa di una sindrome convulsiva e lo sviluppo dell'epilessia. Se la BEA è ridotta, una persona esegue il suo solito lavoro più lentamente, perde interesse per i suoi precedenti hobby e l'ambiente e si nota una diminuzione del livello intellettuale. In entrambi i casi si può osservare una diminuzione dell'autostima, soprattutto quando si tratta di adolescenti e giovani che conoscono il proprio potenziale. Il mal di testa è possibile in entrambi i casi, ma con un aumento della BEA vengono diagnosticati più spesso.

Alcune patologie si sviluppano a seguito di cambiamenti diffusi moderati o gravi nel cervello. Quindi, nella demenza, si notano cambiamenti atrofici diffusi nel cervello, caratterizzati da molteplici focolai, dove si nota la morte delle cellule nervose, che praticamente non vengono ripristinate. La prevalenza del processo influisce anche sui sintomi, quindi una persona ha disturbi del linguaggio, problemi intellettuali (prima di tutto, memoria e pensiero logico soffrono) e deviazioni comportamentali. Allo stesso tempo, le cause della demenza possono essere diverse: patologie congenite, lesioni cerebrali, aterosclerosi, ipertensione, ecc. [5], [6]

Con l'aterosclerosi dei vasi cerebrali, che a sua volta è la causa di cambiamenti diffusi e possibili ictus, è possibile determinare più focolai con alterato afflusso di sangue al cervello a causa del restringimento dei suoi vasi. Le placche di colesterolo sulle pareti dei vasi sanguigni impediscono il flusso sanguigno e ne interrompono l'elasticità. In questo caso possono verificarsi mal di testa, sbalzi di pressione arteriosa e intracranica, visione doppia, vertigini e altri sintomi, a seconda di quali parti del cervello sono più colpite dalla carenza di ossigeno.

Con l'epilessia, i cambiamenti diffusi nel cervello potrebbero non essere presenti, ma è sempre presente un sintomo come le convulsioni convulsive. I cambiamenti organici nelle strutture del cervello causano l'epilessia se, nel sito dell'edema causato da un processo infettivo o traumatico, si forma un focus di maggiore eccitabilità dei neuroni, il cui lavoro non viene completamente ripristinato anche dopo la scomparsa dell'edema.

Le violazioni dei processi metabolici e della regolazione ormonale possono essere considerate segni di disorganizzazione dell'attività bioelettrica del cervello. Ad occhio nudo, tali disturbi nel corpo non sono visibili. Ma alcuni sintomi possono chiaramente indicarli. Vale la pena prestare attenzione al deterioramento dei capelli, alla loro perdita, ai cambiamenti nell'aspetto e nella pulizia della pelle, all'aumento della fragilità delle unghie, ai disturbi delle feci. Tali sintomi non indicano sempre malattie del cervello, ma in combinazione con mal di testa, disturbi della memoria, sbalzi di temperatura, ecc. Dovrebbe farti pensare.

Alcuni pazienti lamentano una diminuzione del desiderio sessuale, mentre altri sono dominati da un'eccitazione sessuale incontrollata. Il secondo è più caratteristico dei pazienti con lesioni irritative ed è associato all'irritazione dei neuroni responsabili della funzione sessuale (i neuroni non sono danneggiati, ma sono costantemente in uno stato eccitato). Un'altra causa di disfunzione sessuale può essere uno squilibrio del background ormonale (il sistema nervoso centrale, e in particolare l'ipofisi, è anche responsabile della sua regolazione).

Molti notano fluttuazioni di peso, anche nei casi in cui l'appetito non è disturbato. Con lesioni cerebrali, c'è spesso una diminuzione dell'appetito. Ma per la demenza progressiva, l'insaziabilità è più caratteristica, sembra a una persona che non mangi costantemente, mangi peggio degli altri, una sensazione di pienezza si verifica solo quando non c'è più spazio nello stomaco. In entrambe le categorie di pazienti, gli attacchi di vomito non sono rari.

Le reazioni nevrotiche con cambiamenti diffusi nel BEA cerebrale possono anche essere spiegate da una maggiore eccitabilità del sistema nervoso centrale. E la tendenza al raffreddore in questi pazienti non è dovuta a un'immunità indebolita a causa dello stress o del beriberi, ma a una regolazione insufficiente del sistema immunitario. Ecco perché non svolge completamente la funzione protettiva, sebbene sia in grado di farlo.

Nel tronco encefalico sono presenti centri nervosi responsabili della regolazione della respirazione, del battito cardiaco, della temperatura corporea, ecc. Se la funzione dei nuclei nervosi è compromessa, si possono avvertire mancanza di respiro, aritmie, brividi, dolori alle ossa e ai muscoli senza una buona ragione. In questo caso, il danno organico al cervello porta a disturbi funzionali quando l'organo è sano, ma non funziona correttamente.

Il fatto è che la regolazione del lavoro del nostro corpo, compresi i processi metabolici, avviene a causa del trasferimento di impulsi bioelettrici sullo stato di omeostasi (l'ambiente interno del corpo) al sistema nervoso centrale. Il cervello elabora queste informazioni in dettaglio e, per mezzo degli stessi impulsi che vanno da neurone a neurone, avvia o rallenta determinati processi. Grazie alla regolazione centrale, è assicurata la costanza di un sistema biologico così complesso come il corpo umano.

Se la conduzione è disturbata in qualche collegamento di tale regolazione, l'organo, il sistema o la funzione, la cui azione è stata fornita dal circuito bioelettrico danneggiato dei neuroni, ne risentirà (qualcosa di simile accade quando il circuito elettrico è interrotto, quando il flusso di energia è interrotto). Con lesioni cerebrali diffuse, ci sono molti di questi disturbi, quindi il quadro clinico può essere piuttosto ampio e vario, sebbene il paziente stesso non comprenda la connessione tra i sintomi che compaiono da diversi organi e sistemi.

Come puoi vedere, determinare la presenza di cambiamenti strutturali nel cervello umano non è ancora sufficiente per fare una diagnosi definitiva. L'analisi dei reclami del paziente aiuta il medico a determinare l'ubicazione delle strutture danneggiate e le conseguenze, mentre gli studi dinamici e lo studio dell'anamnesi consentono di comprendere la natura della violazione (temporanea, persistente o progressiva).

Complicazioni e conseguenze

La presenza di cambiamenti diffusi nel cervello è un buon motivo per pensare alla propria salute, perché la capacità di svolgere le proprie funzioni da parte di vari organi del nostro corpo dipende in gran parte dalle prestazioni del cervello. Eventuali cambiamenti nel cervello prima o poi influiscono sul nostro benessere e questo, a sua volta, comporta una diminuzione della capacità lavorativa, un deterioramento dell'umore e delle condizioni generali. I cambiamenti strutturali e funzionali più pronunciati nel cervello, più influenzano il benessere e il comportamento di una persona.

Le conseguenze di tali cambiamenti dipendono dalla loro gravità e dalle misure che una persona adotterà per eliminare i difetti. Va detto che l'assunzione di analgesici con continui mal di testa, sebbene semplifichi la vita, non risolve il problema. Possono essere presi senza consultare un medico, ma la causa del dolore rimarrà un segreto dietro sette serrature. Ma un tale mistero, se non risolto in tempo, possibile solo con un esame completo, può dare serie complicazioni.

Molte persone sono in qualche modo superficiali riguardo a un livido o commozione cerebrale, che è il risultato di una lesione cerebrale traumatica. [7]Si ritiene che un certo tempo di completo riposo sia sufficiente per ripristinare la funzionalità delle strutture cerebrali danneggiate. Non è davvero così semplice, soprattutto se ignori del tutto l'infortunio e continui a lavorare. Ma il risultato di una lesione può anche essere emorragie nel cervello durante la rottura dei vasi sanguigni (ad esempio, con l'aterosclerosi, di cui una persona potrebbe non essere a conoscenza, i vasi cerebrali diventano meno durevoli e possono facilmente scoppiare all'impatto), e un aumento dell'attività neuronale, provocando spasmi e convulsioni e l'interruzione di alcune strutture cerebrali. Tutto ciò potrebbe non ricordare se stesso per un po' di tempo, e poi provocare ictus, trombosi dei vasi cerebrali, epilessia, ecc.

Il decorso prolungato del processo infiammatorio nel cervello, oltre al mal di testa, può avere altre conseguenze. Un cambiamento nella struttura dei tessuti infiammati, la loro compattazione comporta una violazione della conduzione nervosa. Allo stesso tempo, è praticamente impossibile ripristinare il tessuto cerebrale, riportandolo alle sue proprietà originali. I bambini che soffrono da molto tempo di meningite o encefalite hanno persistenti disturbi dello sviluppo psico-fisico, mentre gli adulti hanno una diminuzione dell'intelligenza e funzioni motorie compromesse.

Alcuni processi degenerativi nel cervello (soprattutto quelli ereditari) non possono essere fermati nemmeno con la loro diagnosi precoce. Ma nella maggior parte dei casi è possibile rallentare il processo. E prima si inizia il trattamento, più tempo una persona ha per un'esistenza più o meno a tutti gli effetti. Ma non c'è niente di più prezioso della vita umana, che, purtroppo, è fugace, quindi è importante goderne ogni momento.

Diagnostica cambiamenti diffusi nel cervello:

I cambiamenti diffusi nel cervello e la sua conduttività bioelettrica non ricordano immediatamente se stessi, quindi una persona potrebbe non sospettare nemmeno una patologia. Ma chi controlla la propria salute nota immediatamente cambiamenti di umore, disturbi della memoria, affaticamento, maggiore sensibilità ai cambiamenti naturali che ricordano i primi segni di disfunzione cerebrale. Forse tali sintomi hanno cause banali, ad esempio una mancanza di vitamine, ma se colpisce il cervello, dovrebbero essere prese alcune misure.

Inoltre, come puoi scoprire a cosa sono associati i sintomi se non consulta un medico. Anche se una persona ha subito una lesione cerebrale traumatica, ciò non lascerà necessariamente un'impronta seria sul funzionamento del cervello, forse la causa del malessere risiede nell'infezione o nell'intossicazione e la lesione passata ha solo creato le basi, causato una predisposizione alla malattia del cervello. [8]

Poiché i sintomi esistenti svolgono un ruolo importante nel fare una diagnosi, il medico chiederà sicuramente al paziente del suo benessere. Anche l'interesse per possibili lesioni, intossicazioni e infezioni non è casuale, perché il problema è tutt'altro che sempre visibile ad occhio nudo e la presenza di una protuberanza sulla testa non è ancora evidenza di un danno cerebrale diffuso.

Poiché i cambiamenti diffusi nel cervello sono spesso provocati dall'ipossia a causa della ridotta circolazione cerebrale (il cervello riceve ossigeno dal sangue), ha senso valutare immediatamente le caratteristiche qualitative e quantitative del sangue. Al paziente viene prescritto un esame del sangue generale e biochimico. L'ipossia può essere causata da un basso contenuto di globuli rossi ed emoglobina, aumento della viscosità del sangue, che rallenta la velocità del suo flusso attraverso i vasi e contribuisce alla formazione di coaguli di sangue.

Sappiamo che i sintomi delle lesioni cerebrali organiche, a seconda delle strutture coinvolte nel processo patologico e della gravità della situazione, possono differire notevolmente. Inoltre, il deterioramento del benessere non è sempre associato direttamente al danno cerebrale. Quindi un tumore dentro o vicino al cervello può irritare i neuroni vicini, e quindi stiamo parlando di cambiamenti irritativi diffusi nel cervello. Cioè, l'irradiazione dell'irritazione avviene qui, quando, sotto l'influenza di un tumore o di un altro fattore irritante, un neurone trasmette irritazione (eccitazione) a un altro. Di solito, rimuovendo l'oggetto di irritazione, è possibile ripristinare il normale funzionamento del cervello.

Ciò che il medico non può vedere ad occhio nudo può essere visualizzato attraverso la diagnostica strumentale. Cambiamenti diffusi nel parenchima cerebrale, ad es. Le sue strutture cellulari, permette di determinare l'ecografia (ultrasuoni) e la tomografia (computer o risonanza magnetica). [9] Una radiografia del cranio è meno informativa, poiché riflette peggio le condizioni dei tessuti molli, ma può anche fornire determinate informazioni.

Se si sospetta l'aterosclerosi dei vasi e l'ischemia cerebrale, l'angiografia aiuta a confermare la diagnosi, ad es. Studio dei vasi cerebrali e valutazione del flusso sanguigno in essi. Nel caso di alterazioni irritative, un tomogramma cerebrale è più rilevante, sebbene gli ultrasuoni possano anche rilevare sigilli patologici.

I cambiamenti nella struttura del midollo di solito comportano un cambiamento nella sua conduttività elettrica. Per valutare tali disturbi, viene prescritto un elettroencefalogramma (EEG). È questo studio che aiuta a valutare le prestazioni del cervello e, tenendo conto dei cambiamenti diffusi e dei sintomi esistenti, determinare la causa della malattia, dargli un nome, valutare la gravità e prescrivere il trattamento appropriato.

La diagnosi differenziale nei cambiamenti cerebrali diffusi è di grande valore e si basa sull'analisi delle informazioni disponibili: i risultati di studi di laboratorio e strumentali, le informazioni ricevute dal paziente e come risultato dello studio dell'anamnesi. I cambiamenti nel cervello stessi non implicano ancora una diagnosi, il che significa che non possono dire al medico quale trattamento prescrivere.

Una diagnosi accurata è il risultato della diagnosi differenziale. È molto importante perché varie malattie in cui la struttura e la capacità lavorativa del cervello cambiano richiedono un approccio diverso al trattamento. La differenza è evidente se si considera la terapia delle malattie vascolari e degenerative, congenite (difficili da correggere) e acquisite.

Tale differenziazione è particolarmente importante quando si esaminano i bambini piccoli, perché la direzione non solo del lavoro medico, ma anche correttivo e di sviluppo con un bambino dipende da questo.

Cosa dicono gli ultrasuoni e l'encefalogramma?

I cambiamenti diffusi nel cervello sono un concetto medico utilizzato nella diagnosi differenziale per emettere un verdetto finale. Ma di per sé non è una diagnosi e non parla nemmeno di patologia. Tutto dipende dalla gravità dei cambiamenti cerebrali e dalle strutture che riguardano.

A seconda delle cause che causano una violazione della struttura del cervello e della sua conduzione, nonché del momento della lesione, la disfunzione cerebrale può essere persistente o progressiva. Nel caso in cui il fattore che ha influenzato l'attività cerebrale o lo sviluppo cerebrale abbia perso rilevanza (cessato di agire), ma permangano cambiamenti diffusi, si parlerà di una violazione persistente dello sviluppo psicofisico (come oligofrenia, demenza residua, ecc.). Con un trattamento professionale tempestivo delle malattie infiammatorie e oncologiche, la struttura e l'attività del cervello possono essere completamente ripristinate.

Se i cambiamenti diffusi nel cervello sono il risultato di una malattia attiva, è probabile che progrediscano, diffondendosi sulla superficie del cervello e in profondità. Ma per determinare la probabilità di ciò, è necessaria una diagnosi accurata e non un'affermazione del fatto della presenza di cambiamenti nello stato del cervello durante un'ecografia.

Lievi cambiamenti diffusi nel cervello (la sua attività bioelettrica misurata da un encefalografo) possono essere osservati anche in persone sane. Ciò può essere dovuto a superlavoro, basso livello di zucchero nel sangue (mancanza di carboidrati nel cibo), mancanza di sonno, malessere generale. Allo stesso tempo, la capacità di lavoro del cervello diminuisce e la persona si stanca rapidamente anche in assenza di grande stress fisico o mentale.

Ma a volte un tale verdetto è solo il primo segno, soprattutto se una persona nota frequenti mal di testa, vertigini e sbalzi di temperatura inspiegabili. Tali momenti dovrebbero essere prestati particolare attenzione a coloro che hanno subito un trauma cranico in passato. A volte le sue conseguenze ricordano a se stesse, dopo pochi mesi e anni.

Cambiamenti diffusi sfuocati nel cervello, scarsamente distinguibili durante la diagnostica ecografica, possono accompagnare disturbi nel funzionamento delle strutture mediane del cervello (ipotalamo, ghiandola pituitaria). La loro disfunzione è più pronunciata all'EEG ed è registrata come patologia di natura regolatoria.

Cambiamenti diffusi nelle strutture mediane del cervello possono essere accompagnati da cambiamenti nell'attività bioelettrica di gravità variabile. I sintomi che possono essere osservati in questo caso dipendono da quale parte del cervello è danneggiata e dal grado di danno ad essa. Con la patologia dell'ipotalamo, possono esserci sbalzi di temperatura, disturbi dell'appetito e dei cicli sonno-veglia, aumento o diminuzione del desiderio sessuale. Se la ghiandola pituitaria è danneggiata, potrebbero esserci disturbi nel lavoro di varie ghiandole endocrine (rispettivamente compaiono sintomi di diabete insipido, ipotiroidismo, iperprolattinemia), disturbi della crescita nei bambini, ritardo mentale, disturbi sessuali.

È probabile che moderati cambiamenti diffusi nel cervello indichino lo sviluppo di un processo patologico. Quindi, con la demenza e l'aterosclerosi, tutto inizia con lievi cambiamenti, che successivamente si aggravano, ad es. I cambiamenti moderati nel cervello sono solo una delle fasi del processo patologico. Ma con l'oligofrenia in un bambino, che è una patologia non progressiva, il grado di cambiamento cerebrale determina solo la gravità del disturbo e la possibilità della loro correzione.

Tali cambiamenti possono verificarsi anche con lesioni cerebrali o infiammazioni. In questo caso, è necessario tenere traccia del processo in modo dinamico per capire quanto possano essere persistenti tali cambiamenti. Tali osservazioni aiutano a determinare l'efficacia del trattamento.

Ma se parliamo di cambiamenti moderati nell'attività bioelettrica del cervello, la situazione qui è ancora più ambigua. Tale risultato in alcuni casi è considerato una variante della norma, mentre in altri indica un processo patologico. Tutto dipende dalle caratteristiche individuali del corpo umano, dal suo benessere e dai risultati dell'ecografia o della tomografia.

I pronunciati cambiamenti diffusi nel cervello sono una situazione inequivocabilmente spiacevole che indica un grave danno cerebrale e una diminuzione delle sue prestazioni. Tali cambiamenti sono sempre accompagnati da una violazione della conduzione nervosa, che influisce sia sul benessere che sulle capacità intellettuali di una persona. Spesso cambiano radicalmente il comportamento di una persona, causando isolamento o aggressività.

Chi contattare?

Trattamento cambiamenti diffusi nel cervello:

Il rilevamento di cambiamenti diffusi nel cervello durante l'esame è un'occasione per comprendere le cause di tali cambiamenti. È sulla base di ciò che viene fatta la diagnosi finale, dopo di che il medico prescrive il trattamento appropriato. L'approccio terapeutico dipenderà sia dalla diagnosi che dalle caratteristiche del corpo del paziente.

Quindi, con l'aterosclerosi vascolare, viene prescritta una terapia complessa, che include la normalizzazione del metabolismo dei grassi e l'ottimizzazione dei vasi cerebrali. La prima direzione è fornita dall'acido nicotinico, che riduce il contenuto di colesterolo dannoso, fibrati, che riducono la sintesi dei propri grassi nel corpo, sequestranti degli acidi biliari, statine, che inibiscono la sintesi del colesterolo.

Per migliorare l'afflusso di sangue al cervello, vengono prescritti vasodilatatori, miorilassanti ad azione centrale che rilassano la coroide, angioprotettori, antiaggreganti e anticoagulanti che migliorano il flusso sanguigno e prevengono la formazione di coaguli di sangue.

Un ruolo importante è dato ai complessi vitaminici. Particolarmente utili sono le vitamine del gruppo B, che hanno un effetto positivo sul funzionamento del sistema nervoso, gli antiossidanti (vitamine A ed E), gli acidi grassi polinsaturi che riducono il livello di colesterolo cattivo nel sangue.

Con l'aterosclerosi vascolare e l'ischemia cerebrale, accompagnata da un aumento della pressione arteriosa e intracranica, perdita di memoria e ridotta concentrazione, i medici possono anche prescrivere farmaci antipertensivi e nootropi (farmaci che migliorano il trofismo e la funzione cerebrale, a seguito dei quali le funzioni cognitive vengono ripristinate un grado o l'altro). [10]

Se non è possibile ripristinare la pervietà di un vaso sclerotico, si ricorre al trattamento chirurgico. Il metodo più popolare di intervento sui vasi cerebrali è l'endoarteriectomia carotidea (dissezione del vaso e rimozione della placca di colesterolo).

Con l'infiammazione del cervello e delle sue membrane (meningite, encefalite, meningoencefalite), il trattamento sarà completamente diverso. Poiché l'infezione gioca un ruolo decisivo nella patogenesi di tali malattie, è obbligatoria la terapia antibiotica, che è combinata con l'uso di farmaci che aumentano la resistenza del corpo alle infezioni (interferoni). Inoltre, vengono prescritti diuretici (prevenzione dell'edema cerebrale) e infusi di farmaci che riducono l'intossicazione del corpo.

Nelle malattie causate dall'intossicazione del corpo (encefalopatia tossica), viene prima la terapia di disintossicazione, dopo di che vengono ripristinati i processi metabolici del cervello (nootropi, anticonvulsivanti, antipsicotici, antidepressivi, sessioni di psicoterapia).

Se si verificano cambiamenti diffusi a causa di una lesione cerebrale, il trattamento deve essere effettuato a seconda del tipo di lesione. In questo caso, la nomina della terapia farmacologica dovrebbe essere basata sulla gravità della lesione.

Il requisito principale per il trattamento della lesione cerebrale traumatica è il riposo per un certo tempo (con una leggera commozione cerebrale, questo potrebbe anche essere sufficiente per il recupero). Con l'infiammazione traumatica e il gonfiore del cervello, nonché per la sua prevenzione, vengono prescritti corticosteroidi e farmaci diuretici (diuretici).

Un'ulteriore terapia è intrinsecamente la prevenzione di possibili complicanze. Ai pazienti possono essere prescritti farmaci che migliorano la circolazione cerebrale, farmaci che stimolano i processi metabolici nel cervello, tonico generale. Terapia sintomatica: analgesici per il mal di testa, antiemetici (per la nausea), sedativi e sonniferi.

In gravi lesioni con violazione dell'integrità del cranio e danno assonale diffuso al cervello (spesso diagnosticato in DPT a causa di un colpo o di un forte movimento della testa), emorragie grandi e piccole, rotture multiple di assoni di neuroni, lungo il quale passano gli impulsi nervosi. Tali lesioni sono sempre accompagnate da gravi danni organici al cervello. Con danno assonale, il paziente cade in coma (la durata del coma varia).

Dopo aver lasciato il coma, vengono prescritte terapia psicostimolante e trattamento farmacologico per ripristinare il trofismo cerebrale e la circolazione sanguigna: nootropi, farmaci vascolari, farmaci anticolesterasici, neurotrasmettitori medicinali.

Il trattamento chirurgico per le lesioni cerebrali viene effettuato solo in caso di schiacciamento del cranio e compressione del cervello, formazione di ematomi.

Con la demenza persistente e progressiva, il regime di trattamento dipende dalle manifestazioni cliniche della malattia, dalla presenza di patologie concomitanti e dalle caratteristiche individuali del corpo del paziente. Ai pazienti vengono prescritti farmaci colinergici che migliorano la trasmissione degli impulsi nervosi nei punti di contatto dei neuroni (sinapsi), farmaci che interagiscono con i recettori NMDA (prevengono la disfunzione neuronale), nootropi, neuroprotettori, agenti immunomodulanti, antipsicotici (antipsicotici), vitamine.

Il trattamento fisioterapico per i cambiamenti diffusi nel cervello è prescritto con cautela e tiene conto dei disturbi esistenti. In caso di patologie vascolari e disfunzioni associate della BEA del cervello, vengono prescritti galvanizzazione, elettroforesi farmacologica (vasodilatatori e stimolanti cerebrovascolari), ultratonoterapia, terapia UHF e UHF, irradiazione ultravioletta, bagni di radon e conifere, idroterapia. Per migliorare il trofismo del tessuto cerebrale in varie malattie, è possibile prescrivere la stimolazione nervosa elettrica transcutanea e la terapia interferente. Terapia diademo e amplipulsa, darsonvalizzazione. La lotta contro i disturbi motori, che spesso si sviluppano sullo sfondo di danni cerebrali organici o funzionali, viene svolta attraverso massaggi, chinesiterapia, terapia fisica, procedure idriche e nuoto. I disturbi del linguaggio spesso richiedono il lavoro con un logopedista.

In ogni caso, l'approccio alla scelta delle procedure fisioterapiche dovrebbe essere strettamente individuale, tenendo conto delle patologie concomitanti, delle condizioni del paziente, delle caratteristiche dell'età.

Terapia medica

I neuroprotettori sono considerati farmaci specifici utilizzati per i cambiamenti diffusi nel cervello. Questo è un grande gruppo di medicinali, in cui ci sono:

  • farmaci che migliorano il trofismo dei tessuti cerebrali (nootropici),
  • antiossidanti con azione antiipossica, antistress, anticonvulsivante, ansiolitica (calmante),
  • farmaci che stimolano la circolazione cerebrale,
  • adattogeni

"Piracetam" è un noto farmaco legale del gruppo di nootropi e psicostimolanti, che viene venduto in farmacia senza prescrizione medica. Il farmaco è prescritto per migliorare le funzioni cognitive, ad es. Per combattere le conseguenze dei cambiamenti cerebrali diffusi o per prevenirli. Con la demenza, può essere prescritto solo come adiuvante, poiché non ha un effetto terapeutico pronunciato.

Il medicinale viene prodotto sotto forma di compresse, capsule, fiale con una soluzione al 20% somministrata per via endovenosa per flebo (fino a 12 g al giorno per patologie gravi) o assunta per via orale. La dose iniziale per la somministrazione interna del farmaco è di 4,8 g, rimane durante la prima settimana di trattamento, dopodiché può essere ridotta a 2,4 g, successivamente il dosaggio può essere dimezzato. Con la sindrome convulsiva, la dose deve essere aumentata di 1,5-2 volte.

Le compresse vengono assunte 2-3 volte al giorno, dividendo la dose giornaliera in 2-3 parti. Il trattamento per infusione viene effettuato due volte al giorno a dosi elevate. All'interno, una soluzione di piracetam viene assunta due volte al giorno, 1,5 fiale. La durata del trattamento dipende dalla diagnosi, dalle condizioni del paziente, dalla gravità della disfunzione cerebrale.

Il farmaco non è prescritto per insufficienza renale acuta, presenza di reazioni allergiche al farmaco (oltre a succhi ed essenze), accidente cerebrovascolare acuto (ictus). Per i bambini di età superiore a 1 anno, il medicinale viene somministrato solo su indicazione del medico.

Tra gli effetti collaterali del farmaco, il più delle volte citati sono uno stato mentale eccitato, aumento dell'attività motoria, squilibrio, una certa diminuzione dell'attenzione e disturbi del sonno. Potrebbero esserci anche reazioni dall'apparato digerente: dolore addominale, nausea, disturbi delle feci. In alcuni pazienti, il medicinale provoca mal di testa e vertigini, disturbi del movimento (movimenti automatizzati alterati), convulsioni, tremori nel corpo e negli arti, disturbi del ritmo cardiaco, iperattività sessuale.

"Mexidol" è un farmaco della categoria degli antiossidanti con un effetto neuroprotettivo. Disponibile sotto forma di compresse e soluzione per iniezione endovenosa e intramuscolare. Il medicinale migliora la nutrizione e la respirazione del cervello, nonché le caratteristiche qualitative del sangue, normalizza il comportamento e il sonno, ripristina le funzioni autonome disturbate, migliorando così il benessere del paziente.

Il farmaco in compresse è prescritto alla dose di 125-250 mg tre volte al giorno (non più di 800 mg al giorno). La durata del trattamento con il farmaco può raggiungere i 2 mesi.

La soluzione del farmaco è prescritta per patologie acute (sotto forma di iniezioni e infusi). Per gli ictus nei primi 2-4 giorni, il farmaco viene somministrato per infusione una volta al giorno, 200-300 mg. Successivamente, passano alla somministrazione intramuscolare (tre volte al giorno, 2 fiale). Corso terapeutico - 1,5-2 settimane.

In caso di lesioni craniocerebrali e loro conseguenze, la dose può essere aumentata a 500 mg (la frequenza di somministrazione è fino a 4 volte al giorno). La durata del corso è la stessa.

Nei disturbi gravi della conduzione nervosa, la dose giornaliera del farmaco per somministrazione endovenosa è di 300 mg per 2 settimane. Successivamente, passano alla somministrazione intramuscolare di una dose di mantenimento (100 mg).

Controindicazioni all'uso del farmaco sono: insufficienza renale acuta, grave patologia epatica, ipersensibilità al farmaco, gravidanza e allattamento. Non applicare al trattamento dei bambini.

Gli effetti collaterali sono limitati a mal di testa, reazioni del tratto gastrointestinale, reazioni allergiche, fluttuazioni di pressione.

"Cinnarizina" è un farmaco che migliora la circolazione cerebrale e riduce i gravi sintomi cerebrovascolari: mal di testa vascolari, acufene, diminuzione della memoria e dell'attenzione, alterazione dell'equilibrio e della coordinazione dei movimenti.

Le compresse sono prescritte a pazienti di età superiore ai 12 anni tre volte al giorno, 25 mg ciascuna. Nei casi più gravi, la dose può essere aumentata. La dose pediatrica è solitamente la metà di quella di un adulto.

Controindicazioni all'uso del farmaco sono, prima di tutto, la maggiore sensibilità del corpo ai componenti del farmaco. Non è raccomandato per le donne in gravidanza e le madri che allattano. Con estrema cautela prescritta per la demenza progressiva e il morbo di Parkinson.

Gli effetti collaterali del farmaco possono essere descritti da sintomi come affaticamento, sonnolenza, mal di testa e vertigini, disturbi dell'apparato digerente e funzionalità epatica (ittero), aumento di peso, ipotensione, iperidrosi, reazioni allergiche, disturbi del movimento.

Nel trattamento della demenza, i farmaci di scelta sono gli inibitori dell'acetilcolinesterasi e gli antagonisti dell'NMDA. I recettori NMDA regolano la permeabilità delle membrane cellulari per gli ioni potassio e sodio, che forniscono un potenziale bioelettrico. La memantina è un farmaco che influenza l'azione di tali recettori, migliora l'attività mentale ed elimina i disturbi del movimento.

Le compresse sono prescritte per essere assunte 1 volta al giorno alla stessa ora. Inizia con la dose attiva minima (5 mg) e portala gradualmente fino a 20 mg in 3 settimane.

Il farmaco non è prescritto solo in caso di intolleranza individuale e gravi patologie renali. Gli effetti collaterali del farmaco sono considerati aumento dell'eccitabilità mentale, ansia, affaticamento, aumento della pressione intracranica, nausea.

Trattamento alternativo

Quando notiamo un deterioramento delle capacità intellettive senza altri sintomi sospetti, non abbiamo fretta di consultare un medico, perché oggi ci sono molti rimedi sintetici ed erboristici pubblicizzati che stimolano le funzioni cognitive. In linea di principio, se una persona non ha gravi cambiamenti diffusi nel cervello, una tale soluzione al problema è abbastanza logica. Ma per scoprire se ce ne sono o meno, è possibile solo durante la diagnostica professionale.

Se la diagnosi ha dimostrato che ci sono cambiamenti diffusi in varie strutture cerebrali e una violazione della loro funzionalità, non si può fare affidamento solo sui farmaci. Le macedonie di frutta e verdura ei succhi naturali in una certa misura possono soddisfare il fabbisogno di vitamine dell'organismo, ma la terapia non può limitarsi a questo solo.

Deve essere chiaro che i rimedi alternativi per le malattie organiche del cervello sono impotenti. Aiutano a combattere le conseguenze della malattia, ma non la curano. È vero, con le lesioni cerebrali, quando è necessario il riposo, puoi usare la proprietà di alcune erbe per avere un effetto sedativo. Queste erbe includono valeriana, radice marina, motherwort, ruta, luppolo, cianosi blu, menta. Il trattamento a base di erbe in questo caso darà un certo effetto, ma non sempre può essere considerato sufficiente.

Un'altra cosa è che tali erbe aiutano a normalizzare lo stato neuropsichico dei pazienti, a migliorare il sonno, a ridurre l'eccitabilità del sistema nervoso e quindi a ridurre il dosaggio di alcuni farmaci prescritti.

Il massimo beneficio di ricette alternative può essere ottenuto con l'aterosclerosi dei vasi cerebrali. Con una tale diagnosi, la fitoterapia (preparati a base di erbe) ha un effetto veramente terapeutico.

Quindi, per normalizzare il metabolismo lipidico, puoi prendere una raccolta composta da parti uguali di tè al rene, foglie di betulla, erba di San Giovanni, successione e una doppia dose di menta e biancospino. 2 cucchiai della raccolta schiacciata vengono versati in 0,5 litri di acqua bollente, conservati per 2 ore, quindi filtrati e presi tre volte al giorno, 60-70 ml ciascuno.

Si ritiene che i succhi di verdura naturali appena spremuti possano essere utilizzati per pulire i vasi cerebrali dalle placche di colesterolo: zucca, barbabietola, patate, carote, nonché succhi di sedano e cavolo. È necessario consumare succhi o loro miscele nella quantità di 1-2 bicchieri al giorno, tenendo conto delle controindicazioni.

L'uso del pompelmo riduce il rischio di aterosclerosi e ne riduce le manifestazioni. Al melone è attribuita anche un'azione antisclerotica.

È possibile prevenire gli spasmi dei vasi cerebrali e il suo danno ischemico con l'aiuto della melissa. Può essere consumato fresco o preso come infuso (1 cucchiaio di erba secca per bicchiere di acqua bollente).

Per ridurre la pressione intracranica e prevenire le emorragie cerebrali, sono utili le foglie di lavanda, piantaggine, ortica, spago, pioppo e gelso.

Aiuta anche a usare una medicina che è un infuso di aglio e limone (macina 1 testa d'aglio e limone, versa 700 ml di acqua calda bollita e lascia agire per 24 ore, prendi 4 volte al giorno per ¼ di tazza).

Per migliorare il funzionamento del cervello e le sue funzioni cognitive, puoi assumere erbe come il rosmarino, la salvia, il trifoglio, il S.

È importante capire che il trattamento alternativo dovrebbe essere considerato sintomatico e profilattico nella maggior parte delle malattie in cui si riscontrano alterazioni cerebrali diffuse. Può essere utilizzato come parte di una terapia complessa, ma non come trattamento indipendente.

Omeopatia

L'omeopatia è una branca relativamente giovane della medicina non tradizionale, che, tuttavia, ha già un'esperienza sufficiente nel trattamento e nella riabilitazione di pazienti con lesioni cerebrali organiche. Come nella medicina classica, gli approcci al trattamento di varie malattie in omeopatia hanno le loro caratteristiche. A rigor di termini, nella maggior parte dei casi non si tratta della cura delle malattie, ma della riabilitazione dei pazienti dopo un ciclo di cure mediche. La riabilitazione comprende assistenza psicologica, sedute di fisioterapia e cure omeopatiche finalizzate al ripristino delle funzioni perse a causa della malattia.

Per quanto riguarda i medicinali omeopatici, la loro scelta è in gran parte determinata dalla diagnosi effettuata in ospedale e dai risultati degli esami di laboratorio, ovverosia. Senza consultare un neurologo e l'esame è indispensabile.

Con cambiamenti atrofici nelle cellule cerebrali, i farmaci di scelta saranno: Agaricus muscarius, Calcarea carbonica, Capsicum annuum, Selenium metallicum, Tellurium metallicum, ecc.

Nelle malattie infiammatorie del midollo e delle sue membrane sono indicati: Aconite napellus, Apis mellifica, Ferrum jodatum, Gelsemium sempervirens, Rhus toxicodendron, Veratrum album e altri nosodi.

Con le neoplasie del sistema nervoso centrale, vengono spesso prescritti: Arnica montana, Arsenicum album, Bufo rana, Helonias dioica, Hura brasilensis, Sulfuris, Tarentula hispanica, Taxus baccata, ecc.

Alcuni preparati omeopatici non richiedono una rigorosa considerazione delle caratteristiche costituzionali e psicologiche del corpo del paziente, come è consuetudine in omeopatia. Possono essere prescritti da un neurologo. Questi fondi includono "Coenzyme compositum", "Traumeel S", "Engistol", "Polysponin", "Spaskuprel" e alcuni altri farmaci venduti nelle farmacie convenzionali.

I preparati di Ginkgo biloba hanno guadagnato particolare popolarità come mezzi efficaci per migliorare la memoria e l'attività cerebrale in generale. Sono venduti in farmacia senza prescrizione medica e anche in reparti speciali dei supermercati. Tali farmaci non possono essere considerati una cura per i cambiamenti diffusi e profondi nel cervello, ma aiutano nel periodo di riabilitazione, dopo aver subito un trattamento appropriato, a ripristinare le capacità intellettive e ripristinare le prestazioni cerebrali. Con lievi cambiamenti nel lavoro del sistema nervoso centrale, aiuteranno a ripristinarne le prestazioni anche senza un trattamento speciale.

Prevenzione

La prevenzione delle lesioni cerebrali diffuse è, prima di tutto, la prevenzione dei processi infettivi e infiammatori nel midollo e nelle sue membrane, ad es. Ricerca tempestiva di aiuto e trattamento di infezioni respiratorie, malattie infiammatorie del rinofaringe, delle orecchie e degli occhi. Ciò è particolarmente importante durante l'infanzia, perché tali malattie lasciano un'impronta sull'ulteriore sviluppo del bambino.

Il danno cerebrale traumatico, a differenza delle neuroinfezioni, non è sempre possibile prevenire. Tuttavia, l'assistenza sulle strade, a casa e al lavoro nella maggior parte dei casi consente di evitare gravi conseguenze. Durante la guida è necessario assicurarsi che non siano rimaste tracce di alcol e droghe nel sangue che possono avere un effetto deprimente sul sistema nervoso centrale, durante il viaggio è necessario essere il più concentrato possibile e non essere distratti da minori stimoli.

La demenza in età avanzata è un processo fisiologicamente determinato di affaticamento cerebrale. Puoi mantenere le sue prestazioni con l'aiuto della formazione (lavoro intellettuale regolare, lettura di libri, visione di film scientifici popolari, risoluzione di problemi logici). Aiuta a ritardare l'insorgenza della demenza; attività fisica, alimentazione razionale, assunzione di complessi multivitaminici, rinuncia alle cattive abitudini.

Previsione

I cambiamenti nello stato di varie strutture cerebrali e la sua attività bioelettrica possono essere diagnosticati in varie patologie. Ma la prognosi di tali malattie dipende non tanto dalla diagnosi, ma dal grado di prevalenza e dalla profondità del danno alle strutture cerebrali.

Forse qualcuno crede che il danno cerebrale locale influisca in misura minore sulla condizione umana. In effetti, i danni locali profondi possono avere conseguenze molto più irreversibili di quelli diffusi lievi o moderati.

Anche le lesioni assonali diffuse negli incidenti stradali, classificate come lesioni gravi, sono in molti casi accompagnate da compromissioni temporanee di varie funzioni del SNC. Tutto dipende dalla profondità del danno e dal trattamento.

Nelle malattie infettive e infiammatorie del cervello, tutto dipende dalla tempestività del trattamento iniziato e dall'età del paziente. La prognosi in questo caso è ambigua. È più grave in tenera età, poiché è irto di un deterioramento intellettuale irreversibile. La meningoencefalite, come complicanza delle infezioni nasofaringee, è considerata una delle cause più comuni di oligofrenia (ritardo mentale) acquisita nel periodo postnatale, paralisi cerebrale e demenza infantile.

La prognosi peggiore delle capacità intellettive e motorie nella demenza progressiva e nei processi atrofici nel cervello. Di solito non è possibile fermare tali processi, è possibile solo rallentarli con un regime di trattamento adeguatamente costruito.

I cambiamenti diffusi nel cervello sono una terminologia medica che indica il grado di diffusione dei cambiamenti strutturali e funzionali nella corteccia, negli emisferi cerebrali e nelle strutture della linea mediana del cervello. L'atteggiamento dei medici nei loro confronti dipende da quali sono questi cambiamenti, se sono legati ai periodi di età e come influiscono sul benessere e sulla realizzazione di sé di una persona. Possiamo solo ascoltare il loro verdetto e aderire alle raccomandazioni professionali e non avanzare le nostre ipotesi su ciò che sta accadendo.

Translation Disclaimer: The original language of this article is Russian. For the convenience of users of the iLive portal who do not speak Russian, this article has been translated into the current language, but has not yet been verified by a native speaker who has the necessary qualifications for this. In this regard, we warn you that the translation of this article may be incorrect, may contain lexical, syntactic and grammatical errors.

You are reporting a typo in the following text:
Simply click the "Send typo report" button to complete the report. You can also include a comment.