^

Salute

A
A
A

Crepa nell'osso

 
, Editor medico
Ultima recensione: 16.07.2022
 
Fact-checked
х

Tutti i contenuti di iLive sono revisionati o verificati da un punto di vista medico per garantire la massima precisione possibile.

Abbiamo linee guida rigorose in materia di sourcing e colleghiamo solo a siti di media affidabili, istituti di ricerca accademici e, ove possibile, studi rivisti dal punto di vista medico. Nota che i numeri tra parentesi ([1], [2], ecc.) Sono link cliccabili per questi studi.

Se ritieni che uno qualsiasi dei nostri contenuti sia impreciso, scaduto o comunque discutibile, selezionalo e premi Ctrl + Invio.

Non sempre, con una lesione, l'osso si rompe completamente: è possibile anche un danno parziale, che viene diagnosticato come una crepa nell'osso. È quasi impossibile determinare in modo indipendente una tale violazione, poiché anche gli studi strumentali non possono sempre farlo. La decisione di questo problema è affrontata dal medico-traumatologo. [1]

Epidemiologia

Ogni anno aumenta il numero di pazienti che cercano assistenza medica per lesioni ossee. Tali lesioni occupano il terzo posto in una serie di patologie comuni comuni.

Gli uomini sono feriti circa il doppio delle donne: le fratture ossee sono particolarmente comuni in età lavorativa e le fratture sono più spesso diagnosticate nelle persone anziane.

Anche con una frattura parziale, circa il 5% delle vittime necessita di cure ospedaliere. [2].  [3]. [4]

Le cause crepe nell'osso

La comparsa di una crepa nell'osso è solitamente preceduta da tali motivi:

  • un forte colpo a o su qualcosa;
  • cadere, saltare da un'altezza (a volte anche da una piccola altezza, ma su una superficie scomoda);
  • compressione di un elemento osseo (pressione di varie strutture, frammenti, materiali da costruzione, ecc.);
  • movimento forzato eccessivo dell'arto (ad esempio, rotazione forzata del braccio o della gamba, ampiezza motoria eccessiva, ecc.).

In generale, le fratture ossee possono essere suddivise in due categorie:

  • danni derivanti da urti meccanici (dopo una caduta, urto, ecc.);
  • danno sorto a causa della debolezza e fragilità del tessuto osseo stesso (questo è tipico per alcune patologie, ad esempio per l'osteoporosi). [5]

Fattori di rischio

Molto spesso, le fratture ossee si trovano negli uomini in età lavorativa. Tuttavia, le donne durante il periodo di diminuzione dell'attività estrogenica sono anche soggette a vari problemi con l'apparato osseo - in primo luogo, ciò è dovuto allo sviluppo dell'osteoporosi e ai processi di ammorbidimento dei tessuti.

A rischio anche tutti gli anziani. È stato dimostrato che già dopo aver superato il traguardo dei cinquant'anni, nel corpo inizia una graduale perdita di massa ossea, di circa l'1% ogni due anni. Di conseguenza, con l'età, aumenta il rischio di fratture e crepe nelle ossa.

Chi altro è maggiormente a rischio?

  • Persone in sovrappeso, in cui il carico sull'apparato osseo aumenta in modo significativo.
  • Coloro che seguono diete rigide sono squilibrati e malnutriti (la carenza di nutrienti e calcio porta alla perdita e all'ammorbidimento del tessuto osseo).
  • Individui con una predisposizione ereditaria alle fratture.
  • Pazienti con cattive abitudini, in particolare coloro che abusano di alcol e fumano. Questi fattori portano a una graduale diminuzione della densità ossea, che aumenta il rischio di danni.
  • Pazienti con disturbi metabolici, con patologie del sistema endocrino (in questo caso, una violazione della struttura del tessuto osseo può essere causata da disturbi ormonali, glicemia alta, assorbimento ridotto di calcio e vitamina D).
  • Persone che assumono determinati farmaci da molto tempo, tra cui antiestrogeni, diuretici, eparina e preparati di alluminio.

Inoltre, i problemi vengono spesso diagnosticati in pazienti che prestavano poca attenzione all'attività fisica, abusando di forti bevande a base di caffè. [6]

Patogenesi

Una crepa nell'osso appare a causa di un carico eccessivo. La composizione del tessuto osseo è sempre diversa, che dipende dall'età, dalle caratteristiche individuali di una persona e da altri fattori.

I componenti inorganici dell'osso sono principalmente sali di calcio - cristalli submicroscopici di idrossiapatite.

La componente organica dell'osso è chiamata osseina. È una sostanza proteica strutturalmente simile al collagene e costituisce la base dell'elemento osseo. L'osseina è presente negli osteociti, le cellule del tessuto osseo.

La combinazione di fibre organiche e inorganiche fornisce le proprietà principali: forza ed elasticità. Se uno qualsiasi dei componenti viene violato, ad esempio vi è una carenza di componenti organici, la struttura diventa inutilmente fragile e soggetta a danni.

Danni meccanici, traumi diventano i principali fattori nella formazione di una crepa nell'osso. [7]

Sintomi crepe nell'osso

Il quadro clinico di una frattura ossea in diversi pazienti può differire e in modo significativo. Dipende sia dal grado di danno che dalle caratteristiche individuali della vittima stessa, ad esempio dalla dimensione della soglia del dolore. Alcune persone avvertono immediatamente tutti i sintomi e si rivolgono immediatamente al medico. E a volte capita che una persona soffra di dolore, prendendolo per l'artrosi ordinaria e venga dal medico solo dopo alcune settimane di autotrattamento infruttuoso.

In generale, i primi segni che è apparso un problema nell'osso possono essere distinti nel seguente elenco:

  • Dolore: all'inizio è forte, acuto e successivamente si trasforma in un dolore sordo, aggravato dallo sforzo fisico.
  • Gonfiore, gonfiore - di solito rilevato e aumenta immediatamente dopo il danno.
  • Ematoma: appare se una crepa nell'osso è apparsa a causa di un grave livido, in cui la rete capillare è stata danneggiata.
  • Deterioramento della funzione dell'arto leso.

Non tutti i pazienti hanno tutti questi segni contemporaneamente: possono essere rilevati solo uno o due sintomi. Ecco perché, per fare una diagnosi di una crepa nell'osso, è necessario condurre una diagnostica aggiuntiva, in particolare la radiografia. [8]

  • Un osso rotto fa male?

Naturalmente, come con qualsiasi frattura e violazione dell'integrità dei tessuti, il dolore si verifica con una crepa nell'osso. Al momento dell'infortunio e per qualche tempo dopo, il dolore è molto pronunciato. A poco a poco, la sua intensità si trasforma, il dolore diventa opaco, dolorante. La ripresa della sindrome del dolore acuto è possibile sullo sfondo di un aumento del carico sull'osso danneggiato.

  • Un osso si rompe quando si rompe?

La sensazione di scricchiolio al momento dell'insorgenza del danno osseo non è il sintomo più caratteristico. Cioè, l'assenza di una tale sensazione non esclude o conferma la presenza di una crepa. Se il danno è forte, profondo, anche se non completo, allora è possibile uno scricchiolio. Tuttavia, molti pazienti con fratture diagnosticate nelle ossa non indicano la presenza di un tale segno.

  • Temperatura a una frattura ossea

Un aumento locale della temperatura nell'area del danno è normale dopo una lesione come una frattura dell'osso. Per quanto riguarda l'aumento generale della temperatura, questo a volte può indicare lo sviluppo di complicazioni.

In alcuni casi, gli indicatori di temperatura che non superano i 38 ° C possono essere registrati entro un paio di giorni dall'infortunio. Si ritiene che questa possa essere la reazione del corpo al danno. Se gli indicatori aumentano o vengono mantenuti per più di tre giorni consecutivi, questo è un motivo per sospettare lo sviluppo del processo infiammatorio. In una situazione del genere, dovresti consultare un medico per ulteriori misure diagnostiche.

Fasi

I medici specialisti condividono diverse fasi di rigenerazione di una frattura ossea:

  1. Fase del catabolismo: il tessuto osseo danneggiato muore, iniziano i processi di decadimento cellulare, si formano gli ematomi.
  2. Fase di differenziazione cellulare: inizia la fusione ossea primaria, che, con un sufficiente apporto di sangue, avviene attraverso l'osteogenesi primaria. La durata di questa fase è fino a due settimane.
  3. Lo stadio di formazione dell'osteone primario: si forma un callo sull'area danneggiata.
  4. Lo stadio della spongiolizzazione del mais: appare una copertura di plastica ossea, si forma una componente corticale e viene ripristinata la struttura danneggiata. Questa fase può durare da un paio di mesi a 2-3 anni.

La normale guarigione di una crepa nell'osso dipende da come procedono correttamente e costantemente le fasi indicate. [9]

Forme

Le crepe nell'osso sono traumatiche (dovute alla forza) e patologiche (come risultato di processi distruttivi patologici nel tessuto osseo).

Inoltre, le crepe si distinguono in base al tipo di osso.

  • Una frattura dell'osso del braccio è un concetto che può implicare danni all'elemento della spalla, all'avambraccio, all'articolazione del gomito, nonché lesioni alla mano e alle dita dell'arto superiore. Molto spesso, viene chiesto aiuto a un traumatologo per lesioni delle ossa metacarpali o radio. La causa più comune di fratture ossee del braccio è una caduta su un braccio teso.
  • Una frattura nell'osso della gamba può includere danni al femore, alla parte inferiore della gamba, al piede (tarso, metatarsali, falangi digitali). Possono verificarsi lesioni quando si atterra senza successo, si cade, si pizzica la gamba, ecc.
  • Una frattura pelvica è una lesione che colpisce gli elementi pubico, iliaco o ischiatico. I pazienti vengono feriti principalmente durante le cadute, una forte compressione al momento di un incidente d'auto, ecc. L'impatto della forza, dopo di che appare una violazione, può essere laterale, anteroposteriore. Spesso la lesione è accompagnata da danni alle radici nervose e ai tronchi del plesso lombare, che si manifesta con vari disturbi neurologici.
  • Una frattura dell'ischio è una lesione comune quando una persona cade sulla regione glutea (questo può accadere su una strada scivolosa o durante sport attivi come il calcio). Tale danno guarisce a lungo - almeno un mese, soggetto al riposo a letto.
  • La fessura iliaca è una delle lesioni più "scomode", che è abbastanza difficile da rilevare. Pertanto, questa lesione si riferisce spesso alle cosiddette opzioni "nascoste": può verificarsi a causa di un colpo diretto o di una compressione dell'anello pelvico. Per la guarigione della violazione, è richiesto un rigoroso riposo a letto per 4 settimane.
  • Una crepa nell'osso pubico può formarsi sullo sfondo della compressione degli elementi pelvici o dopo un forte colpo in quest'area. Il danno all'anello pelvico richiede una diagnosi approfondita al fine di escludere disturbi combinati del sistema urinario e riproduttivo.
  • Una frattura dell'osso della gamba può includere danni parziali al collo e alla testa del perone, tuberosità e condili della tibia, caviglie, ecc. Tali lesioni si ottengono principalmente dopo una caduta dall'alto, con impatto diretto o indiretto.
  • Una fessura della tibia è la lesione più comune agli arti inferiori. Approssimativamente altrettanto spesso gli elementi tibiali piccoli e grandi sono danneggiati. La causa di una tale lesione può essere un forte colpo o una caduta.
  • Una frattura del femore può includere una lesione diafisaria, una lesione dell'estremità superiore o inferiore della coscia. La lesione può essere causata da un colpo diretto mirato, da una caduta. Soprattutto spesso tali disturbi si trovano negli anziani.
  • Una fessura della tibia è una lesione a un lungo elemento tubolare situato nell'area tra il ginocchio e il piede. Tali lesioni sono estremamente comuni e si verificano con una caduta e uno stress ripetuto sull'area ossea. La tibia svolge un ruolo fondamentale nella biomeccanica del movimento del corpo, quindi ci vuole molto tempo per ripristinarla, almeno un mese.
  • Una frattura del perone viene spesso rilevata contemporaneamente al danno dell'elemento tibiale: si trovano in stretta vicinanza l'una all'altra. Le cause più comuni di un tale infortunio sono cadute, incidenti, colpi diretti alle gambe.
  • Una crepa nelle ossa del cranio, di regola, è il risultato di colpi alla testa, cadute. Spesso una tale lesione è accompagnata da danni al cervello e alle meningi. Per questo motivo, il danno è classificato come una condizione pericolosa per la vita del paziente. Possono soffrire diversi elementi ossei del cranio. Ad esempio, una crepa nell'osso frontale è spesso depressa ed è combinata con danni ai seni paranasali e all'area delle orbite. Una frattura dell'osso temporale può essere accompagnata da una violazione del nervo facciale, dalla distruzione degli ossicini uditivi. Una lesione più rara è il danno alla piramide dell'osso temporale, che può essere combinato con una violazione della coclea e del labirinto. Una frattura dell'osso parietale si verifica più spesso durante l'infanzia: l'osso accoppiato del cervello cranico è ferito. L'osso parietale è collegato alle ossa occipitale, frontale, temporale e sfenoide, quindi non è esclusa la possibilità di una lesione combinata.
  • Una frattura dell'osso facciale può includere danni alle strutture ossee del naso, delle orbite, dell'osso zigomatico, della mascella superiore e inferiore. La frattura dell'osso zigomatico si riferisce a lesioni delle strutture ossee facciali. Il danno è provocato da colpi violenti, lesioni sportive o da trasporto della testa. Il problema richiede un trattamento a lungo termine, con la limitazione dell'apertura completa della bocca per due settimane. Una frattura dell'osso nasale occupa il primo posto tra le lesioni delle strutture facciali: tale lesione si verifica spesso durante i combattimenti, durante la boxe, il wrestling e le arti marziali. Abbastanza spesso, con una crepa nell'osso nasale, i pazienti non cercano assistenza medica, scambiandola per un grave livido.

Complicazioni e conseguenze

Una normale crepa nell'osso può essere facilmente curata se il paziente diagnostica il problema in tempo e segue tutte le raccomandazioni mediche. Di norma, nella maggior parte dei casi, la lesione guarisce bene e praticamente non si verificano complicazioni.

Se una persona ignora il consiglio di un medico, ad esempio continua a caricare l'arto ferito o non esegue il trattamento prescritto, la fessura nell'osso può aumentare e la frattura parziale diventa completa.

Se si è formata una violazione insieme a un ematoma dei tessuti molli, possono verificarsi infezione e suppurazione: si sviluppa un flemmone che, in assenza della terapia necessaria, può trasformarsi in un processo cancrenoso.

In generale, si ritiene che le complicanze dopo una frattura ossea siano rare. Solo in alcuni casi si sviluppano in pazienti di età avanzata, sullo sfondo di altre malattie croniche, ad esempio con diabete mellito, obesità, ecc. [10]

Come guariscono le fratture ossee?

La guarigione delle fratture ossee può avvenire in diversi modi. La durata di questo processo dipende anche dalla complessità della lesione, dall'età e dallo stato di salute generale del paziente. È estremamente importante che la vittima segua tutte le raccomandazioni fornitegli dal medico.

Assicurati di prestare attenzione alla fisioterapia: tale trattamento può iniziare dopo 2-3 giorni dalla data dell'infortunio.

L'elemento osseo danneggiato deve essere caricato il più gradualmente possibile. In nessun caso dovresti rimuovere il gesso da solo o impegnarti in attività fisica in anticipo.

Per stimolare la guarigione, è necessario seguire i principi di una corretta alimentazione. Si consiglia di includere nella dieta prodotti ad alto contenuto di condroprotettori naturali: questi includono gelatina, gelatina, pesce grasso. Inoltre, non dobbiamo dimenticare la piena assunzione di calcio nel corpo, compresi i latticini, le noci. [11]

Quanto tempo guarisce una frattura ossea?

Di solito, ci vuole almeno un mese per la completa guarigione di una frattura ossea parziale (in media, 2-3 mesi). Questo periodo può variare a seconda dell'entità del danno, dello stato di immunità e della salute generale della vittima e della qualità del trattamento. Per accelerare la fusione, si consiglia di assumere integratori di calcio, nonché di non bere alcolici o fumare durante l'intero periodo di guarigione. [12]

Diagnostica crepe nell'osso

Come identificare una crepa nell'osso? È impossibile farlo da soli: devi assolutamente cercare l'aiuto di un medico. Il medico specialista eseguirà una prima valutazione visiva, sondando l'area danneggiata.

Per distinguere una crepa da una frattura, verrà prescritta una radiografia: questo metodo viene utilizzato a colpo sicuro. L'immagine a raggi X guarderà direttamente la crepa nell'osso. Inoltre, puoi stimarne le dimensioni e vedere altri danni che accompagnano questo infortunio.

Se la radiografia non ha fornito tutte le informazioni necessarie sulla frattura dell'osso, il paziente può essere indirizzato a una procedura di risonanza magnetica.

In generale, l'intera gamma di procedure diagnostiche di solito si presenta così:

  • Esami del sangue e delle urine (per valutare le condizioni generali del corpo, la sua capacità funzionale e per escludere i processi infiammatori). Con lo sviluppo di complicanze purulente, è possibile eseguire un'analisi del fluido prelevato durante la puntura (ascesso, osso, infiltrato), nonché lo studio dei tessuti rimossi mediante biopsia.
  • Diagnostica strumentale (il metodo principale è la radiografia, il metodo ausiliario è la risonanza magnetica).

La radiografia viene utilizzata per fare una diagnosi, nonché durante il trattamento per valutare la dinamica della guarigione di una crepa nell'osso. L'immagine viene acquisita in almeno due proiezioni. Ad alcuni pazienti può essere consigliato di condurre immagini aggiuntive in una proiezione obliqua o di altro tipo e posa. [13]

La diagnosi differenziale viene spesso eseguita tra una frattura parziale e una completa. Dovresti anche escludere la possibilità di infiammazione ossea, fibre nervose e tessuti molli vicini.

La differenza tra una crepa e una frattura è il più delle volte perfettamente visualizzata su una radiografia: è persino possibile determinare l'entità del danno e il grado di danno alle strutture tissutali più vicine. Nel caso in cui la linea di frattura non divida l'osso in due o più frammenti separati, al paziente viene diagnosticata una frattura nell'osso. Se l'osso è completamente diviso o, inoltre, i suoi frammenti vengono spostati, viene diagnosticata una frattura completa.

Chi contattare?

Trattamento crepe nell'osso

Dopo aver fatto una diagnosi di una crepa nell'osso, il medico procede a prescrivere il trattamento. Il punto principale della terapia è l'immobilizzazione delle articolazioni e delle ossa vicine, l'immobilizzazione dell'arto. Questo può essere fatto con l'aiuto del gesso (longuet) o di altri dispositivi che possono garantire l'immobilità dell'area danneggiata.

In alcuni casi, è possibile fare a meno dell'applicazione di un calco in gesso: al paziente viene offerto di indossare un'ortesi, uno speciale dispositivo medico che corregge, scarica e ripara l'articolazione e l'arto danneggiati.

Una persona ferita deve seguire una dieta speciale, con un alto contenuto di minerali e vitamine. Per il dolore vengono prescritti analgesici, per danni agli arti inferiori, riposo a letto.

In alcuni casi può essere necessario assumere agenti antinfiammatori e immunostimolanti. [14]

Cosa si fa con un osso rotto?

Immediatamente dopo un infortunio, dovresti contattare la struttura medica più vicina, preferibilmente un centro traumatologico. Andando dal medico, è importante immobilizzare prima l'area interessata del corpo: ad esempio, puoi mettere una stecca da materiali improvvisati, o almeno una sciarpa (se la mano è danneggiata). Se possibile, applica un impacco di ghiaccio sulla zona lesa.

Con un infortunio all'arto inferiore, non puoi camminare da solo: affidarsi a un osso danneggiato può aggravare il problema e una frattura parziale si trasformerà in una frattura completa o addirittura scomposta. Se il piede è ferito, viene fissato e immobilizzato.

A tutte le vittime viene assegnata una diagnostica a raggi X per chiarire la natura del danno. [15]

Quanto tempo camminare con un gesso con una frattura ossea?

La durata del periodo di permanenza in gesso con una crepa nell'osso non è la stessa per tutti i pazienti. Dipende da molti fattori: dall'entità del danno, dalla localizzazione, dallo stato generale di salute e dall'età della vittima.

In media, il gesso deve essere indossato per 20-35 giorni. In caso di danno al piede, questo periodo può essere esteso fino a 5-7 settimane.

Se il paziente soffre di diabete mellito, aumenta anche la durata della permanenza in un gesso con una frattura ossea, da un paio di mesi a sei mesi.

Cercare di sbarazzarsi del calco in gesso in anticipo non dovrebbe essere: anche una crepa nell'osso è una frattura, anche se parziale. Per la sua guarigione, è essenziale garantire l'immobilità della zona lesa. Solo in tali condizioni si verificherà una normale fusione dei tessuti. [16]

Farmaci che un medico può prescrivere

Affinché la crepa nell'osso guarisca più velocemente, un gesso non è sufficiente: è necessario utilizzare determinati farmaci che alleviano il dolore e accelerino il ripristino del tessuto osseo.

Di quali farmaci stiamo parlando?

  1. Analgesici: sono usati per alleviare il dolore.
  2. Complessi vitaminici e minerali: aiuteranno a reintegrare l'apporto di nutrienti nel corpo.
  3. Condroprotettori: sono prescritti se è necessario ripristinare il tessuto cartilagineo.
  4. Immunostimolanti: rafforzano il sistema immunitario, promuovono una rapida guarigione.
  5. Farmaci diuretici - sono necessari se si verifica un accumulo di liquidi (edema) nell'area dell'elemento osseo danneggiato.
  • Analgesici, antidolorifici:
    • Ketanov è una preparazione di ketorolac, che viene prescritta per eliminare il dolore acuto per un breve periodo. Ketanov prende una compressa ogni 5 ore. Non dovresti bere il rimedio per più di cinque o sette giorni consecutivi, a causa del suo effetto negativo sulla mucosa del tubo digerente.
    • L'ibuprofene è un noto farmaco antinfiammatorio non steroideo, che viene assunto 400-600 mg 2-3 volte al giorno. Il trattamento a lungo termine con il farmaco può causare bruciore di stomaco, diarrea, disturbi del sonno; si notano spesso lesioni erosive e ulcerative del tubo digerente.
    • Pentalgin è un farmaco combinato basato sull'azione di metamizolo, paracetamolo, caffeina e altri ingredienti. Le compresse vengono assunte una alla volta fino a tre volte al giorno (gli intervalli tra le dosi sono di almeno quattro ore). Il trattamento con Pentalgin è talvolta accompagnato da effetti collaterali come indigestione, affaticamento, irritabilità. Il farmaco non viene prescritto se il paziente, insieme a una frattura ossea, ha una lesione cerebrale traumatica o se la pressione intracranica è aumentata.
    • La solpadeina è un farmaco combinato disponibile in comode compresse effervescenti che vengono sciolte in un bicchiere d'acqua. L'assunzione standard prevede l'assunzione di 2 compresse ogni quattro ore (ma non più di otto compresse al giorno). Gli effetti collaterali durante il trattamento sono limitati a una possibile allergia al farmaco.
  • Farmaci diuretici per eliminare il gonfiore:
    • Veroshpiron è un diuretico a base di spironolattone, somministrato per via orale a 0,05-0,3 g / die (più spesso - 0,1-0,2 g in tre dosi). La cancellazione avviene gradualmente. Il trattamento può essere accompagnato da vertigini, sonnolenza, iponatriemia e iperkaliemia.
    • Diacarb è una preparazione di acetazolamide. Per eliminare l'edema in caso di frattura ossea, vengono prescritti 0,125-0,25 g 1-2 volte al giorno, per 1-2 giorni. Un uso prolungato può causare mal di testa con vertigini, parestesie, allergie.
  • Prodotti contenenti calcio, preparati vitaminici:
    • Il gluconato di calcio è il sale di calcio dell'acido gluconico. Assumere le compresse prima dei pasti, 1-3 g fino a tre volte al giorno. Con una tendenza alla trombosi, l'uso del farmaco è controindicato.
    • Calcemin Advance - contiene un'efficace combinazione di calcio e vitamina D, nonché altri oligoelementi. Con una crepa nell'osso, il farmaco viene assunto due compresse al giorno, con acqua (mattina e sera). Non assumere più di 3 compresse al giorno, poiché ciò può causare disturbi digestivi e allergie.
    • Calcium D 3  Nycomed - comode compresse masticabili con calcio e colecalciferolo. Con una crepa nell'osso, è opportuno utilizzare il farmaco 2-3 volte al giorno, una compressa. Il trattamento è generalmente ben tollerato, solo in rari casi si notano nausea, perdita di appetito.
  • Preparati per rafforzare la difesa immunitaria:
    • Immuno-tone - sciroppo con estratti di eleuterococco, echinacea ed erba di San Giovanni. Si assume con il cibo, o subito dopo: al mattino, 1 cucchiaio, durante la settimana. Non è consigliabile assumere il farmaco più a lungo, a causa del rischio di un calo dell'attività immunitaria.
    • Le compresse di Echinacea sono un preparato erboristico con proprietà emostatiche, antinfiammatorie, rigeneranti e immunostimolanti. Le compresse vengono assunte al mattino e alla sera, una alla volta, per una o due settimane. Controindicazioni all'uso del farmaco è l'ipersensibilità a qualsiasi pianta della famiglia Compositae (ad esempio camomilla, dente di leone, calendula).
    • Immunoflazid è un estratto vegetale dolce e liquido con una spiccata proprietà immunostimolante. Gli adulti assumono questo farmaco 9 ml due volte al giorno per 1-4 settimane. L'allergia al farmaco è rara.
  • Preparativi per il ripristino del tessuto cartilagineo:
    • Complesso di condroitina con glucosamina - prescritto nel periodo di riabilitazione per una crepa nell'osso, una capsula due volte al giorno per tre settimane. Quindi passare a una dose di mantenimento di una capsula una volta al giorno. La durata totale del trattamento è di 2 mesi. Il farmaco non è raccomandato per l'uso con tendenza al sanguinamento.
    • Teraflex - viene utilizzato per fratture complete e parziali, per accelerare il processo di rigenerazione e la formazione del callo. Per 21 giorni, il farmaco viene assunto 1 capsula tre volte al giorno, quindi - 1 capsula due volte al giorno. La durata del trattamento è di 2-3 mesi.

Unguenti per ossa screpolate

Per alleviare il dolore e accelerare la guarigione con una crepa nell'osso, è anche consentito utilizzare rimedi esterni sotto forma di unguenti o gel.

Unguenti che alleviano il disagio del dolore:

  • Diclofenac gel, che rappresenta la categoria dei farmaci antinfiammatori non steroidei. Adatto per eliminare dolori articolari e muscolari, fastidi dolorosi e dolorosi con crepe nell'osso.
  • La crema chetonale a base di ketoprofene ha un effetto analgesico e antinfiammatorio, allevia il dolore post-traumatico.
  • L'unguento con lidocaina 5% si riferisce ad anestetici locali di tipo ammidico. Può essere utilizzato per una breve anestesia locale.
  • Unguenti usati per gonfiore ed ematoma:
  • L'unguento eparina si riferisce agli anticoagulanti, viene utilizzato per l'edema che si verifica dopo le lesioni senza compromettere l'integrità della pelle.
  • Indovazin è un rimedio combinato che ha contemporaneamente un effetto decongestionante, analgesico e antinfiammatorio.
  • Il gel di Troxevasin è prescritto per eliminare gonfiore e dolore nella sindrome post-traumatica.
  • Unguenti riscaldanti prescritti durante il periodo di recupero:
  • Nicoflex è un farmaco locale con effetti analgesici, riscaldanti e vasodilatatori. Non applicare durante una reazione infiammatoria acuta.
  • Kapsikam è un agente combinato con un effetto irritante e vasodilatatore, migliora la circolazione sanguigna locale nei tessuti. Kapsikam non deve essere applicato sulla pelle danneggiata. Attenzione: il farmaco può causare allergie.

Vitamine e oligoelementi per una crepa nell'osso

Per rafforzare il tessuto osseo, il corpo ha bisogno di calcio e zinco, magnesio e fosforo. Tuttavia, queste sostanze non possono essere assorbite senza la presenza di alcune vitamine. Ad esempio, è importante un apporto sufficiente di vitamine del gruppo B, acido ascorbico e vitamina D. Un set completo di vitamine e sostanze minerali accelererà significativamente la guarigione di una crepa nell'osso.

Qual è il ruolo dei componenti utili sonori?

  • Il principale elemento costruttivo del sistema muscolo-scheletrico è il calcio: è lui che fornisce forza alle ossa.
  • Affinché il calcio sia completamente assorbito, è necessaria la presenza di vitamina D: se la sua assunzione non è sufficiente, il tessuto osseo non sarà forte.
  • Le vitamine del gruppo B sono coinvolte nella normalizzazione dei processi di crescita ossea, mantengono l'elasticità e aiutano a formare le fibre di collagene.
  • L'acido ascorbico accelera tutti i processi di recupero nel corpo, previene la demineralizzazione.
  • La vitamina K 2  è studiata per prevenire il "washout" del calcio dai tessuti.

Tutti questi componenti possono essere ottenuti sia dal cibo che dall'assunzione di preparati vitaminici e minerali complessi. Rimedi complessi come Vitrum Osteomag, Osteo Santum, Vitrum Calcium D 3 sono ampiamente conosciuti, ognuno di questi farmaci può essere assunto con una frattura ossea e persino con fratture.

Per quanto riguarda i prodotti alimentari, queste vitamine e minerali sono presenti in quantità sufficiente in verdure, erbe aromatiche, frutta, ricotta, semi di sesamo, grano saraceno, legumi. La vitamina D può essere ottenuta ottenendo una sufficiente esposizione al sole.

Trattamento fisioterapico per una frattura nell'osso

La fisioterapia può essere applicata già il secondo o il terzo giorno dopo l'infortunio. Molto spesso, con una frattura ossea, vengono prescritti UHF, elettroforesi, UVI. Per l'elettroforesi vengono utilizzati principalmente farmaci mirati: calcio, cloro, corticosteroidi, novocaina, preparati di iodio.

Il riscaldamento viene effettuato con l'aiuto di paraffina, ozocerite, fango terapeutico. L'essenza delle procedure termiche è accelerare il flusso sanguigno nell'area danneggiata, il che porterà a un miglioramento del metabolismo e dei processi di recupero, nonché alla rapida rimozione dei prodotti di decadimento dei tessuti.

La fangoterapia ha un effetto positivo sul sistema nervoso umano nel suo insieme. Le controindicazioni possono essere disturbi cardiaci scompensati, tubercolosi, patologie oncologiche.

Altri tipi ausiliari di terapia diventano spesso climatoterapia, massaggio, galvanizzazione (elettroterapia), balneoterapia, terapia fisica.

Trattamento alternativo per un osso fratturato

Con un'adeguata immobilizzazione, una frattura ossea guarisce da sola dopo un po'. Tuttavia, per accelerare questo processo, è possibile utilizzare trattamenti ausiliari, ad esempio mezzi alternativi. Portiamo alla vostra attenzione diverse ricette, la cui azione è stata testata da più di una generazione.

  • Prendono il guscio da un uovo di gallina, lo asciugano bene e lo riducono in polvere. La polvere risultante viene mescolata con il succo di limone e mangiata tutta. Un rimedio simile viene preparato ogni giorno, assunto per un paio di settimane.
  • Si mangiano due o tre noci al giorno.
  • Prendi un tuorlo d'uovo crudo, mescola con 1 cucchiaino. Gelatina secca. Mangia subito dopo aver mescolato, quindi non mangiare per mezz'ora. La procedura viene ripetuta quotidianamente, fino a un miglioramento permanente della condizione.
  • Raccogliete i gusci delle uova di gallina, asciugateli bene e riduceteli in polvere. Mangia ½ cucchiaino. Ricevuto polvere a colazione e cena.
  • Tratta l'area danneggiata con olio di abete - ogni giorno, fino a tre volte al giorno.

Trattamento a base di erbe

  • Zivokost.

Versare 1 cucchiaio. L. Larkspur 500 ml di acqua bollente, tenuta per 1 ora sotto il coperchio, filtrata. Bere 1 cucchiaio. L. Fino a 4 volte al giorno e lubrificare anche l'area danneggiata.

  • Consolida maggiore.

Versare 200 ml di acqua bollente 1 cucchiaio. L. Consolida, insistere finché non si raffredda, filtrare. Prendi 1 cucchiaio da dessert tre volte al giorno per quattro settimane. Inoltre, l'infuso può essere utilizzato per trattare un'area danneggiata del corpo. Il medicinale viene strofinato sulla pelle due volte al giorno, al mattino e alla sera.

  • Calendula.

Prendi un cucchiaio e mezzo di calendula secca, versa 500 ml di acqua bollente, tieni per un'ora sotto il coperchio. Filtrare e assumere 100 ml 4 volte al giorno.

  • Frutto di rosa canina.

I frutti nella quantità di 25 pezzi vengono versati in 500 ml di acqua bollente, conservati in un thermos per 15-20 minuti. Filtrare e assumere 150-200 ml fino a 4 volte al giorno, lontano dai pasti.

Queste piante stimolano i processi rigenerativi nel tessuto osseo, accelerano la guarigione delle ferite, migliorano la resistenza del corpo.

Omeopatia per una crepa nell'osso

I rimedi omeopatici possono essere utilizzati immediatamente dopo l'infortunio, così come in futuro, per accelerare la guarigione di una crepa nell'osso.

Per scegliere il rimedio giusto, è necessario rivolgersi a un medico omeopatico che può consigliare i seguenti rimedi:

  • L'arnica è indicata per il trattamento di fratture ossee parziali e complete di qualsiasi localizzazione e complessità.
  • Aconitum: combatte con successo contro uno stato di shock, dolore, normalizza lo stato del sistema nervoso.
  • Symphytum - adatto per accelerare la guarigione di ferite lievi; il trattamento inizia dopo la fissazione dell'osso danneggiato.
  • Calendula - è prescritta per ottimizzare i processi di guarigione nelle lesioni accompagnate da emorragie interne, ematomi.
  • Hypericum: aiuta se la lesione è accompagnata da una violazione della sensibilità nell'area interessata.
  • Ruta - adatto per il trattamento di fratture ossee, distorsioni e tessuti molli.
  • Calcarea phosphorica - è prescritto se la crepa non guarisce per molto tempo (entro 1-1,5 mesi).

Si consiglia di assumere 3 grani del rimedio selezionato in una potenza di 30 secondi, ogni 4 ore o più spesso (per il dolore intenso, fino a un miglioramento permanente della condizione).

Gli effetti collaterali durante il trattamento sono generalmente assenti. I rimedi omeopatici sono sicuri e non hanno controindicazioni per l'uso.

Trattamento chirurgico per una frattura nell'osso

Il metodo chirurgico di trattamento viene utilizzato esclusivamente per eliminare tutti i tipi di lesioni e deformità degli arti, della colonna vertebrale, del bacino. Ciò è particolarmente vero per le fratture ossee. Con le crepe nell'osso, tale trattamento spesso non è richiesto.

Prevenzione

La prevenzione delle lesioni ossee, comprese le fratture e le fratture, è una misura molto necessaria per bambini e adulti. Che cos'è? Prima di tutto, è necessario non solo evitare ogni tipo di caduta e ferita, ma anche prevenire lo sviluppo dell'osteoporosi, una condizione patologica in cui si osserva la perdita ossea. L'osteoporosi aumenta notevolmente l'incidenza di fratture nelle ossa.

Quali consigli offrono i medici a questo proposito?

  • Smetti di fumare: i fumatori perdono massa ossea molto più velocemente di altre persone. Le lesioni ossee in esse contenute guariscono più lentamente, c'è il rischio di una fusione scarsa e impropria del tessuto osseo nelle fratture.
  • È necessaria moderazione nel consumo di alcol: le bevande alcoliche influenzano negativamente il corso dei processi metabolici, la qualità dell'assorbimento del calcio nel corpo e la formazione del tessuto osseo.
  • È importante monitorare il proprio peso: è noto che i chili di troppo aumentano notevolmente il rischio di lesioni ossee. Tuttavia, un estremo come l'eccessiva magrezza è anche un punto negativo: la malnutrizione, l'adesione frequente a diete rigide portano a disturbi metabolici, al diradamento delle ossa. È particolarmente indesiderabile limitarsi alla nutrizione nell'adolescenza: durante questo periodo si forma la qualità dell'apparato osseo. Pertanto, è ottimale aderire al "mezzo aureo" per evitare sia la pienezza che l'eccessiva sottigliezza.
  • Non bisogna dimenticare i benefici della luce solare: bastano anche 15-30 minuti al giorno per dare all'organismo la dose necessaria di energia solare - in primis per un'adeguata produzione di vitamina D. Basta non abusare nemmeno dell'esposizione al sole : questo può portare ad un deterioramento delle condizioni della pelle fino allo sviluppo del melanoma.
  • È importante mangiare in modo completo e competente: un eccesso di alimenti proteici, l'abuso di caffè può causare carenza di calcio nell'organismo. Migliora la qualità delle ossa come noci, erbe aromatiche, frutti di bosco, tofu.
  • È necessario condurre uno stile di vita attivo: l'ipodinamia porta a un indebolimento dell'intero sistema muscolo-scheletrico. Non sono richieste attività sportive

Previsione

La prognosi dipende dall'età, dallo stile di vita del paziente, dalla posizione e dalla gravità della frattura nell'osso, dalla natura delle cure mediche fornite e dalla qualità della riabilitazione. Nei giovani, le lesioni ossee guariscono più velocemente che negli anziani. Di grande importanza anche lo stato generale della salute umana: la presenza di malattie croniche, processi metabolici disturbati, patologie ormonali rallentano la guarigione di una crepa nell'osso. [17] In generale, la prognosi per la guarigione della lesione può essere considerata favorevole, a condizione che vengano utilizzati i mezzi raccomandati di immobilizzazione e farmaci.

Translation Disclaimer: The original language of this article is Russian. For the convenience of users of the iLive portal who do not speak Russian, this article has been translated into the current language, but has not yet been verified by a native speaker who has the necessary qualifications for this. In this regard, we warn you that the translation of this article may be incorrect, may contain lexical, syntactic and grammatical errors.

You are reporting a typo in the following text:
Simply click the "Send typo report" button to complete the report. You can also include a comment.