^

Salute

A
A
A

Ferita dopo la rimozione della verruca

 
, Editor medico
Ultima recensione: 24.07.2022
 
Fact-checked
х

Tutti i contenuti di iLive sono revisionati o verificati da un punto di vista medico per garantire la massima precisione possibile.

Abbiamo linee guida rigorose in materia di sourcing e colleghiamo solo a siti di media affidabili, istituti di ricerca accademici e, ove possibile, studi rivisti dal punto di vista medico. Nota che i numeri tra parentesi ([1], [2], ecc.) Sono link cliccabili per questi studi.

Se ritieni che uno qualsiasi dei nostri contenuti sia impreciso, scaduto o comunque discutibile, selezionalo e premi Ctrl + Invio.

Le verruche o altre escrescenze cutanee possono essere rimosse in vari modi, ad esempio possono essere distrutte mediante elettrocoagulazione o criodistruzione o "esfoliate" con un laser. Quest'ultimo metodo è considerato il più sicuro ed efficace: il raggio laser svolge il ruolo sia di strumento chirurgico che di antisettico, quindi la ferita guarisce più velocemente dopo aver rimosso la verruca.

Ma può succedere che la guarigione avvenga con problemi? E dopo quale periodo di tempo la ferita dovrebbe rimarginarsi dopo la rimozione? Come proteggersi da possibili spiacevoli conseguenze?

Quanto tempo ci vuole perché una ferita guarisca dopo la rimozione della verruca?

I metodi moderni per rimuovere le verruche sono considerati minimamente invasivi, ovvero praticamente non causano danni alla pelle sana. Tuttavia, sia con la rimozione della verruca laser che con la criodistruzione, c'è sempre una piccola ferita che guarisce in più fasi.

  1. La prima fase dura circa una settimana ed è caratterizzata dalla formazione di una crosta scura sulla ferita (non va toccata e danneggiata!). Tale crosta funge da sorta di protezione, impedendo all'infezione di entrare nella ferita e promuovendo un'adeguata crescita di nuovo tessuto nel sito dell'ex verruca.
  2. Il secondo stadio può essere osservato a partire dalla seconda settimana circa di guarigione e dura circa 4-7 giorni: la crosta viene strappata, la pelle rosata rinnovata è esposta. L'area di rimozione della verruca non deve ancora essere toccata, pettinata, bagnata o addirittura esposta alla luce solare.
  3. Il terzo stadio è la formazione di una pelle sana a tutti gli effetti. La completa guarigione della ferita dopo la rimozione della verruca viene rilevata dopo circa 3-4 settimane. Trascorso questo tempo, la pelle acquisisce un colore naturale, il luogo di rimozione viene levigato.

Circa tre mesi dopo, si osserva un segno arrotondato quasi impercettibile nell'area della ferita dopo la rimozione della verruca. Non dovrebbero esserci cicatrici, aree di oscuramento. In tal caso, possiamo parlare di guarigione delle ferite di alta qualità. [1]

Perché la ferita non guarisce dopo aver rimosso la verruca?

Di solito, la ferita dopo aver rimosso la verruca con un laser o azoto viene stretta in poche settimane. Come abbiamo già detto, questo processo di guarigione ha una certa sequenza e i tessuti vengono ripristinati in più fasi. La guarigione visibile può essere osservata già dopo lo scarico della crosta: una crosta superficiale secca.

È possibile che se il raggio laser o l'azoto penetrano troppo a lungo o in profondità, la ferita guarirà più lentamente dopo la rimozione. La violazione delle regole di assistenza post-procedurale per l'area del danno tissutale impedisce anche una rapida cura. Anche le caratteristiche individuali dell'organismo svolgono un ruolo significativo: ad esempio, una persona potrebbe avere difese immunitarie indebolite, potrebbero esserci focolai di infezione cronica, ecc.

Ognuno di questi fattori può provocare un ritardo nella guarigione delle ferite. Inoltre, possono svilupparsi complicazioni:

  • arrossamento, gonfiore della ferita, comparsa di suppurazione e dolore;
  • la formazione di una cicatrice ruvida, una cicatrice o un segno antiestetico dopo la rimozione della verruca;
  • febbre, debolezza generale e malessere;
  • la formazione di pelle iperpigmentata.

La ferita si è infettata dopo la rimozione della verruca: cosa fare?

Dopo aver rimosso la verruca, è importante garantire un'adeguata cura dell'area lesa, poiché esiste il pericolo di una complicazione infettiva, che si manifesta con suppurazione, gonfiore dei tessuti e dolore. Se viene trovata la suppurazione, la soluzione migliore sarebbe contattare il medico che ha eseguito la rimozione. Nella maggior parte delle situazioni, il medico prescriverà semplicemente l'uso di alcuni antisettici esterni, in combinazione con agenti rinforzanti generali (ad esempio, terapia vitaminica). [2]

Per una rapida guarigione della ferita è necessaria una ventilazione costante, quindi è assolutamente impossibile sigillarla, lubrificarla con unguenti o creme irritanti, nonché strappare la crosta formata (crosta).

Se la suppurazione è già presente, la crosta dovrà comunque essere rimossa. Ma solo un medico dovrebbe farlo, dopo l'immersione preliminare in una soluzione di furacilina o perossido di idrogeno. Dopo aver ammorbidito la crosta, viene delicatamente sollevata con una pinzetta dal bordo esfoliato e rimossa - gradualmente, senza sforzi eccessivi, se necessario, tagliando con uno strumento sterile. Dopo la procedura, il medico spiegherà ulteriori dettagli sul trattamento della ferita dalla rimozione della verruca: ora dovrà essere lubrificato con Levomekol per cinque giorni, quindi con il liquido colorante Fukortsin. Sono possibili altri appuntamenti - a discrezione del medico curante. [3]

Come trattare la ferita dopo aver rimosso la verruca?

Molte soluzioni medicinali differiscono nelle proprietà disinfettanti: ad esempio, può essere una soluzione di verde brillante ("verde brillante"), iodio o permanganato di potassio. Dopo che la crosta è passata, il medico può raccomandare di lubrificare la ferita dopo aver rimosso la verruca con un unguento di idrocortisone all'1%: viene applicato due volte al giorno sulla superficie della pelle tesa. Tuttavia, tale appuntamento non viene effettuato da tutti e solo in casi eccezionali.

Durante la riparazione dei tessuti, si raccomanda di aumentare la capacità rigenerativa della pelle, migliorare l'immunità locale. Le vitamine A ed E sono perfette per questi scopi.Le sostanze utili che entrano nell'organismo contribuiscono alla più rapida rigenerazione dei tessuti possibile.

Puoi evitare complicazioni se segui rigorosamente tutte le prescrizioni mediche, cura attentamente la ferita dopo aver rimosso la verruca. [4]

Come prendersi cura della ferita dopo aver rimosso la verruca con laser e azoto?

Le caratteristiche della cura delle ferite dopo la rimozione della verruca laser possono essere descritte come le seguenti raccomandazioni:

  • Il sito di rimozione deve essere protetto dalla luce solare, quindi non è consigliabile prendere il sole e visitare un solarium per 1-2 mesi dopo la procedura.
  • Eventuali traumi e danni aggiuntivi nell'area della procedura di rimozione della verruca dovrebbero essere evitati. Eventuali lividi, lividi, abrasioni influiscono sempre negativamente sul processo di guarigione.
  • Dopo aver rimosso una verruca nella zona del viso, è importante non coprire l'area danneggiata con prodotti per il trucco (fondotinta, cipria, ecc.). È meglio lasciare l'area danneggiata da sola fino a quando non guarisce completamente.
  • Non è desiderabile bagnare i tessuti danneggiati entro 14-20 giorni dalla rimozione della verruca. L'umidità impedirà la formazione di una crosta, creando condizioni favorevoli per la macerazione - allentamento e gonfiore dei tessuti, che, a loro volta, possono causare suppurazione. È ottimale iniziare a lavare l'area della verruca dopo la completa rigenerazione dei tessuti.
  • È impossibile raffreddare e surriscaldare la pelle nell'area di rimozione della verruca, almeno per 2-3 settimane. Il risultato di forti sbalzi di temperatura può essere un rallentamento nella guarigione delle ferite, la formazione di iperpigmentazione o una traccia ruvida dalla procedura.
  • Se il medico ha prescritto il trattamento del sito di rimozione della verruca con qualsiasi preparato, questo trattamento deve essere eseguito a colpo sicuro per prevenire lo sviluppo di complicanze.

Un altro modo comune per rimuovere le verruche è la criodistruzione o la rimozione con azoto. [5]Dopo questa procedura, si raccomanda di attenersi alle seguenti regole per la cura delle ferite:

  • Qualche tempo dopo l'esposizione all'azoto liquido, si forma una bolla nell'area della verruca e viene rilevato un gonfiore. Una tale bolla non dovrebbe essere aperta, anche se all'interno non è visibile un icore, ma sangue. Se la bolla viene aperta, il processo naturale di guarigione della ferita verrà interrotto.
  • È consentito applicare una speciale benda asettica farmaceutica sulla ferita dopo la rimozione della verruca, nonché il trattamento con tamponi con alcol salicilico al 2% o una soluzione di permanganato di potassio. Il trattamento viene ripetuto sistematicamente fino alla comparsa del peeling sulla zona danneggiata della pelle. Questo può accadere in circa una settimana.

Non sono necessarie altre misure di cura aggiuntive. È importante seguire le regole igieniche, non danneggiare o bagnare la zona interessata: la ferita dopo aver rimosso la verruca dovrebbe guarire da sola.

Translation Disclaimer: The original language of this article is Russian. For the convenience of users of the iLive portal who do not speak Russian, this article has been translated into the current language, but has not yet been verified by a native speaker who has the necessary qualifications for this. In this regard, we warn you that the translation of this article may be incorrect, may contain lexical, syntactic and grammatical errors.

You are reporting a typo in the following text:
Simply click the "Send typo report" button to complete the report. You can also include a comment.