^

Salute

A
A
A

Frattura dell'anca nell'anziano

 
, Editor medico
Ultima recensione: 28.07.2022
 
Fact-checked
х

Tutti i contenuti di iLive sono revisionati o verificati da un punto di vista medico per garantire la massima precisione possibile.

Abbiamo linee guida rigorose in materia di sourcing e colleghiamo solo a siti di media affidabili, istituti di ricerca accademici e, ove possibile, studi rivisti dal punto di vista medico. Nota che i numeri tra parentesi ([1], [2], ecc.) Sono link cliccabili per questi studi.

Se ritieni che uno qualsiasi dei nostri contenuti sia impreciso, scaduto o comunque discutibile, selezionalo e premi Ctrl + Invio.

Le fratture ossee e le lesioni dei tessuti molli si verificano spesso dopo i 50 anni. Ciò è dovuto non solo al fatto che una persona diventa meno attiva e più goffa. Questa età è spesso caratterizzata da beriberi, osteoporosi, carenza di minerali. Sì, e i banali cambiamenti legati all'età si fanno sentire. Di particolare pericolo è una frattura del collo del femore negli anziani. Questo è un infortunio di cui dovrebbero essere informati tutti i pazienti di età superiore ai 45-50 anni.

Epidemiologia

Una frattura dell'anca è una delle lesioni più devastanti per gli anziani. Inoltre, le persone subiscono tali danni non solo per strada, ma anche a casa, quindi anche un anziano sedentario può essere ferito.

Secondo le statistiche, più della metà dei casi di fratture del collo del femore si registra nella stagione calda: circa il 10% a maggio, e circa lo stesso numero nel periodo settembre-ottobre. Oltre il 75% delle fratture si verifica all'interno.

Le persone anziane sono più spesso ferite quando cercano di superare ostacoli o ostacoli lungo il percorso, che possono essere soglie, tappeti, ecc. (circa il 40% in casa e più del 55% fuori). Le cadute da sedie, letti, scale, ecc. Sono meno comuni.

Le cause frattura dell'anca negli anziani

Il femore è un elemento scheletrico abbastanza grande che deve affrontare ogni giorno un enorme carico, poiché si trova nel segmento superiore dell'arto inferiore. Secondo i dati anatomici, questo osso è diviso in tre parti: il corpo, il collo e la testa, localizzati nella cavità dell'articolazione. Si scopre che il collo del femore è una specie di "anello debole" in quest'area, quindi le fratture corrispondenti si verificano abbastanza spesso. [1]

L'osteoporosi fornisce uno speciale "contributo" negativo allo sviluppo di una frattura. Questa è una patologia inerente principalmente alle persone anziane (soprattutto donne), ed è associata a demineralizzazione e aumento della fragilità ossea. Oltre all'osteoporosi, ci sono altri fattori negativi: ad esempio, nelle persone anziane, l'afflusso di sangue al collo del femore è disturbato, il che non solo influisce sulla qualità del tessuto osseo, ma ne pregiudica anche il recupero se è già presente un danno.

Nella maggior parte dei pazienti, una frattura del collo del femore si verifica dopo una caduta laterale, perché in questo caso si verifica un potente colpo mirato direttamente nell'area dell'articolazione dell'anca. Ma con l'osteoporosi avanzata, anche un giro sbagliato del corpo o un'inclinazione scomoda è sufficiente per infortunarsi.

Aumenta la probabilità di una frattura e alcuni fattori di rischio.

Fattori di rischio

I fattori traumatici predisponenti sono spesso:

  • menopausa, problemi ormonali, aumento della lisciviazione di calcio dal tessuto osseo;
  • obesità, ipodinamia;
  • iperplasia prostatica;
  • abuso di alcol, cattiva alimentazione, ridotto assorbimento di vitamine e sostanze minerali.

Molte patologie croniche portano all'indebolimento delle ossa, in particolare il collo del femore. Pertanto, il rischio di lesioni aumenta in modo significativo nelle persone anziane che soffrono di artrosi, osteocondrosi, spondilolistesi o spondiloartrosi, ernia intervertebrale. La fragilità ossea aumenta sullo sfondo del diabete mellito, malattie renali ed epatiche e malattie della tiroide.

Patogenesi

Il collo e la testa del femore ricevono sangue principalmente attraverso rami arteriosi vascolari intraossea. Meno coinvolta è la rete vascolare del legamento della testa del femore, spesso obliterata nelle persone anziane.

Con una frattura intra-articolare del collo femorale, la rete intraossea di base delle arterie è disturbata, il che porta a un deterioramento dei processi trofici nel collo e nella testa del femore prossimale. Allo stesso tempo, i processi di guarigione peggiorano: con una frattura aumenta il rischio di necrosi avascolare.

È più probabile che la frattura del collo del femore si verifichi con una lesione da adduzione, cioè durante una caduta laterale. Il segmento periferico viene addotto e spostato verso l'alto e verso l'esterno. Il trauma abduttivo - enfasi e caduta con arti divorziati - è meno comune negli anziani. Allo stesso tempo, il segmento periferico rimane nello stato retratto, con uno spostamento verso l'alto, e in alcuni casi entra nel frammento centrale, formando una frattura impattata.

Condizioni negative per un'adeguata chiusura della frattura nell'anziano sono l'insufficiente afflusso di sangue al frammento prossimale, l'assenza di uno strato periostale nell'area del collo, un piano di frattura verticale, l'allineamento complesso dei frammenti e il loro contatto allentato, la demineralizzazione dei tessuti.

Sintomi frattura dell'anca negli anziani

A causa dell'estrema prevalenza e del pericolo di fratture dell'anca negli anziani, la maggior parte dei professionisti medici può facilmente identificare una lesione se sono presenti i seguenti sintomi:

  • Dolore costante prolungato all'inguine, non intenso, ma continuo. La vittima è in grado di sopportare tale dolore per diversi giorni, sperando nella sua autoeliminazione o assumendolo per una manifestazione di artrosi o artrite. Tuttavia, senza un trattamento appropriato, la sindrome del dolore aumenta gradualmente e diventa particolarmente evidente quando si cerca di camminare attivamente o quando si appoggia il piede sul tallone.
  • Il piede cambia leggermente, come se girasse verso l'esterno: questo è facile da determinare se si confrontano entrambi i piedi e si confronta la loro posizione rispetto all'articolazione del ginocchio.
  • In alcuni pazienti è presente un leggero accorciamento dell'arto interessato, non superiore a 40 mm. La causa di questo sintomo è la contrazione dei muscoli nell'area del danno, che è particolarmente tipica della lesione in varo.
  • Appare un sintomo caratteristico di “tallone bloccato”: si esprime nel fatto che l'arto non può essere appoggiato da una posizione in peso su un piano orizzontale, poiché sembra scivolare. Allo stesso tempo, è stata preservata la funzione di flessione ed estensione della gamba.

I primi segni di una frattura del collo del femore possono manifestarsi con uno scricchiolio, particolarmente evidente quando si cerca di girare una gamba orizzontale. Si può avvertire dolore anche sondando l'area lesa: quindi si può notare anche una forte pulsazione nell'area dell'arteria femorale. [2]

Altre caratteristiche sono:

  • se si preme o si tocca il calcagno del paziente, ci sono sensazioni scomode o addirittura dolorose;
  • se c'è una violazione da parte del grande trocantere, lo spostamento della linea di Shemaker attira l'attenzione: questa è una linea immaginaria che collega la punta del grande trocantere con la spina iliaca antero-superiore.

Qualche tempo dopo aver ricevuto una frattura del collo del femore, nell'area lesa può formarsi un ematoma, provocato da una violazione dell'integrità dei vasi profondi.

Forme

La frattura del collo femorale nell'anziano è suddivisa in diversi tipi, a seconda della localizzazione del danno, del suo livello, del tipo di spostamento e della natura.

Ad esempio, con una frattura in varo, la testa si sposta verso il basso e verso l'interno, con una frattura in valgo, la testa si sposta in alto e in fuori e con una frattura impattata i frammenti si spostano l'uno nell'altro.

Secondo le statistiche, la forma impattata di una frattura intra-articolare ha la prognosi più sfavorevole: se non trattata, il danno può trasformarsi (i frammenti ossei si separano e divergono, che possono essere corretti solo con un intervento chirurgico).

Esamineremo più in dettaglio altri tipi comuni di fratture.

  • La frattura inclusa del collo femorale negli anziani ha spesso un carattere intra-articolare. Il dolore intenso e la mobilità ridotta non sono tipici per lui, quindi le vittime non cercano immediatamente assistenza medica. Spesso questo porta al fatto che frammenti e frammenti continuano a muoversi, causando ancora più danni, e la frattura impattata si trasforma in una forma non impattata. È interessante notare che, con una visita tempestiva dal medico, questo tipo di frattura è il più favorevole.
  • La frattura laterale del collo femorale nell'anziano è la più rara: la linea di lesione corre nettamente lungo il bordo laterale, penetrando alla base del collo e non raggiungendo la zona del trocantere. Il danno di solito non comporta lo spostamento; sono possibili la flessione rotazionale verso l'esterno e la posizione in varo. Se visto di lato, la posizione dell'asse è normale, tuttavia è possibile una curvatura anteriore o posteriore di varia gravità. La frattura laterale ha molto in comune con le fratture del trocantere in termini di clinica e trattamento e alcuni esperti identificano persino questo tipo di lesioni.
  • Una frattura pertrocanterica del collo femorale nell'anziano è una lesione che copre il segmento osseo dalla linea sottotrocanterica alla base cervicale. La lesione è solitamente il risultato di un sovraccarico del grande trocantere o di un movimento di torsione della gamba. Una frattura può essere accompagnata da grave perdita di sangue, edema dei tessuti esterni ed ematoma.
  • La frattura basale del collo del femore nell'anziano è caratterizzata dalla localizzazione della linea di faglia alla base del collo. La lesione si verifica in caso di caduta o a causa di un colpo diretto alla coscia.

Complicazioni e conseguenze

Secondo le statistiche, una frattura dell'anca negli anziani provoca spesso la morte dei pazienti, nonostante la morte non sia affatto una conseguenza diretta della lesione. Perché succede?

Con una lunga posizione sdraiata forzata nell'anziano, aumenta molte volte il rischio di problemi all'apparato respiratorio e cardiovascolare, aumenta il rischio di trombosi vascolare, infezioni e malattie della pelle.

L'infiammazione dei polmoni associata alla congestione e al continuo riposo a letto è spesso il punto killer per i pazienti.

Tra le altre spiacevoli conseguenze della "mentire" prolungata si possono chiamare depressione, disturbi mentali. Molte persone anziane, a causa di traumi e immobilità, perdono il senso della vita, la loro percezione della realtà è disturbata, la loro coscienza è confusa. Spesso i pazienti iniziano ad abusare di alcol, assumono farmaci forti (ad esempio tranquillanti, antidepressivi), il che aggrava facilmente la situazione deplorevole. [3]

Diagnostica frattura dell'anca negli anziani

La diagnosi di solito non è complicata, poiché se sono presenti sintomi appropriati, può essere diagnosticata una frattura dell'anca. Ma senza conferma, una tale diagnosi non è valida, quindi prima dovresti fare una radiografia: questo tipo di studio aiuterà a rilevare una crepa o uno spostamento delle ossa nel collo del femore.

Le analisi sono prescritte in aggiunta alla diagnostica principale:

  • analisi del sangue clinica, VES;
  • Analisi delle urine;
  • se necessario - analisi del liquido articolare, esame dei tessuti prelevati durante una biopsia.

Come abbiamo già detto, il metodo diagnostico di base per rilevare una frattura del collo del femore è la radiografia: nelle immagini vengono visualizzate sia le cricche che le linee di frattura. Ulteriori diagnosi strumentali possono essere collegate per chiarire alcuni dettagli del danno. Per questo viene utilizzata la tomografia computerizzata, uno studio diagnostico che consente una valutazione più accurata e dettagliata delle condizioni dell'osso. Un'alternativa alla TC può essere la risonanza magnetica.

Diagnosi differenziale

La diagnosi differenziale deve essere eseguita con un livido dell'articolazione dell'anca, lussazione dell'articolazione dell'anca. Con una lussazione sono presenti sintomi caratteristici: tensione elastica della gamba dolorante, spostamento della testa del femore e un notevole accorciamento dell'arto. Con un livido, si osservano dolore, gonfiore, ematoma; la funzionalità articolare è limitata o gravemente compromessa. La diagnosi finale viene effettuata dopo un esame radiografico.

Chi contattare?

Trattamento frattura dell'anca negli anziani

Non puoi lasciare che la situazione faccia il suo corso e lasci una frattura dell'anca senza un trattamento adeguato: per le persone anziane, questo atteggiamento nei confronti del problema può essere fatale. Il trattamento è obbligatorio, sia che si tratti di metodi conservativi o di chirurgia.

Il trattamento chirurgico è considerato il più efficace e radicale, ma la necessità non è sempre presente. Ad esempio, con una frattura inclusa o se il segmento inferiore del collo è danneggiato, potrebbe non essere necessario l'aiuto di un chirurgo. Inoltre, la chirurgia per una persona anziana può essere semplicemente controindicata, ad esempio a causa della vecchiaia, con gravi disturbi degli organi interni. [4]

Il trattamento conservativo di solito consiste nei seguenti passaggi obbligatori:

  1. Esame del paziente con ulteriore collocamento in un reparto specializzato di ortopedia o traumatologia.
  2. Implementazione della trazione scheletrica durante le prime 8 settimane dopo la frattura.
  3. Terapia manuale, procedure di massaggio.
  4. Uso obbligatorio delle stampelle dopo la rimozione della trazione scheletrica.
  5. Tentativi di coinvolgere l'arto interessato per la deambulazione e il movimento sotto stretto controllo medico, non prima di 4 mesi dopo l'infortunio.

Se non stiamo parlando di un'operazione, la prima cosa che il medico offrirà è garantire l'immobilizzazione e la trazione scheletrica della gamba interessata. Come si svolge questa procedura?

  • L'area articolare danneggiata viene tagliata con anestetici locali (ad esempio a base di novocaina).
  • Impostare la trazione per un periodo massimo di dieci giorni.
  • Trascorso il tempo specificato, la struttura estraibile viene rimossa.
  • Girare il paziente da una parte o dall'altra, sollevare la testa, fornire una posizione semiseduta e seduta.
  • Circa tre settimane dopo, sotto la supervisione di un medico, si tenta di spostare il paziente con le stampelle.

Inoltre, in condizioni soddisfacenti, il paziente è preparato per la dimissione. Tuttavia, dovrebbe muoversi solo con le stampelle, accompagnato da un assistente. Solo il medico curante dovrebbe decidere sull'abolizione delle stampelle.

Chirurgia

La chirurgia è una decisione importante sia per il medico che per il paziente. Il medico deve essere sicuro che la persona anziana tollererà normalmente l'anestesia e l'intervento stesso.

In molti casi di fratture dell'anca, l'aiuto di un chirurgo è obbligatorio. La natura dell'operazione stessa dipende dal tipo di danno osseo, dalla sua scala. Molto spesso, il sito della frattura è rinforzato con un design speciale, che include elementi di fissaggio e / o viti a forma di raggio oa forma di asta. Nei casi più gravi, potrebbe essere necessaria la sostituzione dell'articolazione.

Se viene sollevata la domanda sull'operazione, si consiglia di eseguirla il prima possibile. L'unico fattore in cui l'intervento può essere trasferito è la presenza di controindicazioni temporanee.

I principi generali del trattamento chirurgico sono i seguenti:

  • tale trattamento viene sempre eseguito in anestesia;
  • in presenza di frammenti ossei si procede preliminarmente al loro riposizionamento;
  • in caso di semplici fratture del collo femorale, l'intervento può essere effettuato senza ricorrere all'apertura articolare, utilizzando il controllo radiologico;
  • nelle fratture complesse, la capsula articolare viene aperta.

L'endoprotesi viene utilizzata principalmente nei pazienti anziani, la cui lesione è stata accompagnata da spostamento di frammenti, nonché in caso di necrosi della testa dell'osso.

Cura per una frattura dell'anca negli anziani

Una cura adeguata e un buon atteggiamento delle persone vicine sono condizioni importanti per la pronta guarigione di una persona anziana che ha subito una frattura dell'anca. Oltre a stabilizzare lo stato della psiche, per accelerare il ripristino del tessuto osseo, è anche necessario eseguire speciali esercizi terapeutici. È importante prevenire e debellare lo sviluppo della depressione, la depressione: se necessario, puoi anche collegare uno psicoterapeuta al trattamento.

Le persone vicine dovrebbero fornire alla vittima un sonno sano, una dieta completa. Si raccomanda inoltre di condurre un corso di procedure di massaggio, per il trattamento di patologie croniche esistenti. Tutte le attività nel complesso aiuteranno ad affrontare rapidamente il problema.

Non puoi lasciare solo un malato: dovrebbe sempre sentire il sostegno e la partecipazione dei suoi parenti. Per prevenire lo sviluppo della depressione, i medici raccomandano di trascorrere del tempo insieme, facendo progetti per il futuro. È positivo se il paziente è in grado di svolgere lavori domestici fattibili, oltre a servirsi autonomamente (ad esempio, con le stampelle o seduto su un letto). E l'esecuzione di semplici esercizi fisici con la musica consentirà al paziente di essere distratto e migliorare il suo umore.

Riabilitazione

La durata del periodo di riabilitazione per una frattura dell'anca negli anziani è difficile da determinare con precisione. Questo periodo dipende da molti fattori, come la complessità, il tipo di frattura, l'età e lo stato di salute generale della vittima. Tuttavia, i medici ritengono che la durata della riabilitazione non possa essere inferiore a sei mesi. [5]

In generale, il periodo di recupero può essere figurativamente suddiviso nelle seguenti fasi:

  1. A partire dal terzo giorno dopo l'applicazione del cerotto, si consiglia al paziente di iniziare le procedure di massaggio: in primo luogo, viene massaggiata l'area lombare, passando gradualmente a una gamba sana. Solo dopo 7-10 giorni iniziano a massaggiare l'arto danneggiato, senza dimenticare cautela e precisione.
  2. Dopo aver rimosso il gesso, è possibile spostare gradualmente l'articolazione del ginocchio, effettuando movimenti leggeri sotto la supervisione di un medico specialista. Dopo 4 settimane, tali esercizi possono essere eseguiti in modo indipendente, piegando e piegando la gamba al ginocchio. Non devono essere eseguiti movimenti extra non previsti dalle istruzioni mediche.
  3. Dopo circa tre mesi, il medico può permettere al paziente di alzarsi dal letto usando le stampelle. Allo stesso tempo, non è ancora consentito appoggiarsi alla gamba infortunata.
  4. Il carico viene gradualmente aumentato e dopo sei mesi il paziente può provare il movimento senza stampelle.

Prevenzione

Per prevenire lesioni così gravi come una frattura dell'anca, è prima necessario:

  • assicurarsi che una quantità sufficiente di calcio sia fornita con il cibo (per gli anziani, la norma giornaliera è 1200-1500 mg di calcio, tenendo conto del possibile assorbimento alterato);
  • fornire al corpo le vitamine e i componenti minerali necessari, in particolare sono necessari retinolo, acido ascorbico, vitamine D e K, zinco, fosforo e magnesio;
  • dare al corpo un'attività fisica regolare e fattibile, fornire attività motoria, rafforzare i muscoli.

Oltre al rafforzamento generale del corpo, è necessario ridurre al minimo la possibilità di cadute e lesioni. Ad esempio, a casa, devono essere prese misure per evitare che una persona anziana cada e si colpisca. È necessario che i pavimenti e i rivestimenti del pavimento siano antiscivolo, le soglie siano basse (o meglio eliminarle del tutto). Nel bagno, è preferibile installare corrimano speciali per i quali una persona può resistere.

Se la lesione esiste già, è necessario compiere sforzi per evitare lo sviluppo di complicazioni e accelerare il recupero. Consultare un medico e il trattamento dovrebbe seguire il prima possibile.

Previsione

Sebbene una frattura dell'anca negli anziani sia considerata una lesione molto difficile, le possibilità di cura sono ancora elevate. La patologia è completamente curabile, tuttavia è necessario dedicare più di un mese alla riabilitazione. È importante che l'efficacia del trattamento e la qualità del recupero dipendano in gran parte dall'atteggiamento positivo del paziente e del suo ambiente. Un vecchio ferito non può fare a meno dell'aiuto dei propri cari.

Translation Disclaimer: The original language of this article is Russian. For the convenience of users of the iLive portal who do not speak Russian, this article has been translated into the current language, but has not yet been verified by a native speaker who has the necessary qualifications for this. In this regard, we warn you that the translation of this article may be incorrect, may contain lexical, syntactic and grammatical errors.

You are reporting a typo in the following text:
Simply click the "Send typo report" button to complete the report. You can also include a comment.