^

Salute

A
A
A

Tipi di pleuropolmonite

 
, Editor medico
Ultima recensione: 10.09.2022
 
Fact-checked
х

Tutti i contenuti di iLive sono revisionati o verificati da un punto di vista medico per garantire la massima precisione possibile.

Abbiamo linee guida rigorose in materia di sourcing e colleghiamo solo a siti di media affidabili, istituti di ricerca accademici e, ove possibile, studi rivisti dal punto di vista medico. Nota che i numeri tra parentesi ([1], [2], ecc.) Sono link cliccabili per questi studi.

Se ritieni che uno qualsiasi dei nostri contenuti sia impreciso, scaduto o comunque discutibile, selezionalo e premi Ctrl + Invio.

La polmonite è divisa in base al grado di danno polmonare. Se il processo infiammatorio copre solo i lobi, senza diffondersi ai vasi e agli alveoli, allora si parla di pleuropolmonite o polmonite crouposa, una malattia infettiva che può essere innescata da virus, microbi o funghi. A loro volta sono noti diversi tipi di pleuropolmonite, che possono essere identificati solo da un medico specialista.

Ad oggi, ci sono un certo numero di pleuropolmoniti, che differiscono per alcune caratteristiche. Tale classificazione è necessaria, prima di tutto, per la scelta ottimale del trattamento per la malattia.

Forme

La divisione dei diversi tipi di pleuropolmonite si basa su segni clinici, eziologici e di altro tipo. Ad esempio, distinguono l'aspirazione, la pleuropolmonite post-traumatica, postoperatoria, nonché virale, batterica, fungina, ecc. Considera i tipi di base di pleuropolmonite, le loro caratteristiche e le caratteristiche principali.

Pleuropolmonite infettiva

Molti tipi di pleuropolmonite differiscono a seconda dell'agente eziologico del processo infettivo. L'identificazione dell'infezione è obbligatoria, poiché da essa dipendono il regime di trattamento, i metodi e i farmaci utilizzati. La pleuropolmonite infettiva è classificata come segue:

  • Pleuropolmonite virale - causata da virus, può essere una complicazione con trattamento improprio o influenza non trattata, SARS. Raramente è un'infezione primaria. È diagnosticamente difficile identificare il virus nella pleuropolmonite, pertanto per il trattamento vengono spesso prescritti agenti antivirali con un ampio spettro di attività, nonché vari farmaci sintomatici.
  • La polmonite da micoplasma si verifica dopo la penetrazione nel tessuto polmonare di un tipo speciale di microrganismi chiamato micoplasma. Questa malattia è più spesso risolta durante l'infanzia e l'adolescenza. Può essere nascosto, senza determinati sintomi, ma risponde bene al trattamento con farmaci antibatterici.
  • La polmonite fungina e la pleuropolmonite possono essere scatenate da vari tipi di infezione, incluso un agente patogeno fungino. La diagnosi di pleuropolmonite fungina viene effettuata solo dopo una diagnosi completa, poiché i sintomi clinici di questo tipo di malattia sono generalmente scarsi, i segni sono sfocati e indistinti e spesso non corrispondono alle manifestazioni classiche del danno microbico. La malattia può essere causata da funghi, Candida, funghi dimorfici endemici, pneumocystis. Molto spesso, il "colpevole" è la Candida albicans, così come l'aspergillus o le pneumocisti, cioè un'infezione focalizzata sul tessuto polmonare. Gli agenti patogeni possono entrare nel sistema respiratorio, sia da focolai esterni che da altri focolai micotici presenti nel corpo umano. Ad esempio, la Candida è un componente costante della microbiocenosi cutanea e delle mucose, ma in determinate circostanze può attivarsi e diventare patogena: di conseguenza si sviluppa la pneumomicosi. Il trattamento per un'infezione fungina nei polmoni è a lungo termine, utilizzando un potente decorso antimicotico.
  • Actinobacillus pleuropneumonia è causata da Actinobacillus, un bastoncino pleomorfo gram-negativo che forma capsule. Solo i ruminanti sono colpiti da questa malattia: bovini, suini, meno spesso pecore. Altri animali e umani sono immuni alle infezioni e non si ammalano. In precedenza, fino al 1983, la malattia era chiamata "pleuropolmonite emofila": al momento questo termine è considerato obsoleto, poiché il patogeno, che prima era considerato nel genere Haemophilus, è stato ora spostato nel genere Actinobacillus.

Un altro termine prevalentemente veterinario è "pleuropolmonite contagiosa". Questa è una varietà particolarmente contagiosa di polmonite, che si trasmette facilmente da un animale all'altro, causando una sconfitta generale della malattia. L'agente eziologico è solitamente Mycoplasma mucoides. Gli animali che si riprendono dalla pleuropolmonite contagiosa diventano immuni a questa infezione.

Pleuropolmonite ascessiva

Parlando di pleuropolmonite ascesa, significano la presenza di focolai di distruzione infettiva purulenta-necrotica del polmone. Si tratta di molteplici aree purulente-necrotiche di decadimento tissutale e non vi è alcun confine chiaro con il tessuto polmonare sano. A causa della presenza di processi distruttivi caratteristici, molti esperti chiamano questa malattia il termine "pleuropolmonite distruttiva".

Nei polmoni si formano zone di fusione dei tessuti del tipo di drenaggio. Lo Staphylococcus aureus è considerato il principale agente eziologico della patologia, ma si verificano Klebsiella e altri enterobatteri, nonché streptococco emolitico, pneumococco e microbi anaerobici.

La causa più comune dello sviluppo della pleuropolmonite ascessiva è considerata l'aspirazione delle secrezioni orofaringee e la presenza all'interno del corpo di focolai di infezione purulenta adiacenti ai vasi linfatici e sanguigni.

La sintomatologia della malattia è simile a quella della polmonite totale.

Pleuropolmonite acquisita in comunità

La pleuropolmonite acquisita in comunità è una delle varietà di processi infiammatori polmonari in cui un agente infettivo entra nel sistema respiratorio al di fuori di un ospedale o di un'altra istituzione medica. Questa forma di pleuropolmonite è batterica o virale e la via di trasmissione è per via aerea.

Nella maggior parte dei pazienti, la reazione infiammatoria inizia dopo un'infezione da ARVI o influenza, tracheite o bronchite non trattata.

L'agente eziologico entra nei polmoni lungo un percorso discendente - dagli organi respiratori superiori. Se la difesa immunitaria è indebolita, diventa difficile per il corpo superare nuovi focolai infiammatori. Di conseguenza, l'infezione si deposita sul tessuto polmonare e si sviluppa pleuropolmonite acuta.

Spesso, i pazienti con pleuropolmonite acquisita in comunità hanno già varie condizioni respiratorie croniche, come la bronchite cronica. La malattia entra nella fase attiva quando si creano determinate condizioni, quando il sistema immunitario è indebolito. Se sei in ritardo con il trattamento o lo ignori completamente, potrebbe svilupparsi pleuropolmonite.

Polmonite ipostatica

Una forma speciale della malattia è la pleuropolmonite ipostatica, che è prevalentemente secondaria. Molto spesso, la malattia si sviluppa a causa del prolungato ristagno della circolazione sanguigna nel piccolo sistema circolatorio, che dovrebbe fornire trofismo al tessuto polmonare. Il flusso sanguigno alterato porta all'accumulo di prodotti di intossicazione nei polmoni. Si forma un espettorato viscoso, a cui si moltiplicano attivamente i microrganismi, di solito streptococchi e stafilococchi, che provocano un nuovo processo infiammatorio.

La pleuropolmonite ipostatica o congestizia si verifica di solito in pazienti a lungo termine che non sono in grado di muoversi e condurre una vita normale a causa di lesioni o patologie somatiche. Quindi, le malattie primarie possono essere infarti, ictus, diabete mellito, oncopatologia, ecc. Una lunga posizione orizzontale peggiora il flusso sanguigno e provoca il ristagno dei tessuti.

Tipi di pleuropolmonite a seconda dell'estensione della lesione

Ci sono tre lobi nel polmone destro e due lobi nel sinistro. A sua volta, ogni lobo è diviso in segmenti: zone parenchimali, ventilate da un bronco segmentale e da un certo ramo dell'arteria polmonare.

Quando la reazione infiammatoria si trova in un lobo polmonare, parlano di pleuropolmonite lobare e in entrambi i lobi - di pleuropolmonite bidoleica. Ci sono anche pleuropolmonite lobare unilaterale e bilaterale. Il quadro clinico e le misure terapeutiche sono simili ad altre varietà della malattia.

Inoltre, gli specialisti hanno identificato i seguenti tipi di patologia lobare:

  • pleuropolmonite segmentaria - caratterizzata da danno a un segmento del lobo polmonare;
  • pleuropolmonite polisegmentale: indica la sconfitta di più segmenti lobari contemporaneamente;
  • la pleuropolmonite del lobo superiore può essere di destra o di sinistra e indica un danno al lobo superiore del polmone;
  • anche la pleuropolmonite del lobo inferiore è destra o sinistra, a seconda della posizione del processo patologico;
  • la pleuropolmonite medio-lobare è un processo infiammatorio nel lobo medio del polmone destro (il lobo medio è assente nel polmone sinistro);
  • totale: procede con la sconfitta dell'intero campo del polmone (tutti i lobi sia del polmone destro che di quello sinistro);
  • pleuropolmonite subtotale - per questa forma, è tipico il danno a entrambi i lobi di un polmone;
  • pleuropolmonite focale indica una chiara localizzazione del focolaio infiammatorio, senza diffondersi a tessuti vicini;
  • la pleuropolmonite subpleurica è un processo infiammatorio localizzato nel polmone subpleurico;
  • pleuropolmonite basale - caratterizzata da una reazione infiammatoria nella parte inferiore del polmone.

Questa classificazione si basa sul grado di diffusione della reazione infiammatoria. In questo caso, la gravità dei sintomi dipende dall'entità della lesione: più estesa è l'infiammazione, più profondo e luminoso sarà il quadro clinico. [1]

Pleuropolmonite confluente

Con una forma confluente di pleuropolmonite, i disturbi dolorosi coprono diverse sezioni del polmone contemporaneamente o persino il lobo polmonare. C'è un ritardo pronunciato nel processo di respirazione dal lato colpito, i sintomi di insufficienza respiratoria (mancanza di respiro, cianosi) si intensificano.

La pleuropolmonite confluente è caratterizzata da cambiamenti infiltrativi, contro i quali ci sono zone compattate di infiltrazione e (o) cavità distruttive. Il termine "confluente" in questo caso significa la fusione di piccoli focolai patologici multipli o singoli in formazioni più grandi. Data questa caratteristica dello sviluppo della pleuropolmonite, è considerata dagli esperti una forma relativamente peculiare del processo infiammatorio polmonare.

Complicazioni e conseguenze

Se le misure terapeutiche sono state prescritte in modo tempestivo e il trattamento stesso era competente, il decorso della pleuropolmonite di solito perde la sua tipica ciclicità e viene interrotto nella fase iniziale dello sviluppo.

Se il processo di riassorbimento dell'essudato è disturbato, si sviluppano complicanze della pleuropolmonite. In alcuni casi, il tessuto connettivo cresce nel focus patologico: la carnificazione si verifica con un'ulteriore cirrosi polmonare. In alcuni pazienti si osservano processi purulenti con la distruzione (scioglimento) dei tessuti e la pleuropolmonite si trasforma in un ascesso o cancrena del polmone.

Con la pleuropolmonite, ci sono manifestazioni della forma secca della pleurite con stratificazione fibrinosa e formazione di aderenze. La diffusione linfogena dell'infezione porta allo sviluppo di mediastinite e pericardite purulente. Se la diffusione dei microbi avviene attraverso il sistema circolatorio, allora

Focolai purulenti metastatici nel cervello e in altri organi e tessuti: inizia lo sviluppo di meningite purulenta, peritonite, endocardite acuta da poliposi-ulcera o ulcera, artrite purulenta.

Spesso i pazienti sono preoccupati per la domanda perché, durante l'assunzione di antibiotici per la pleuropolmonite, la temperatura non scende: può indicare lo sviluppo di complicanze? Con la pleuropolmonite, gli indicatori di temperatura di solito vanno da 37-38 ° C. Sullo sfondo della terapia antibiotica, è possibile mantenere una temperatura elevata per 2-3 giorni e con un processo patologico bilaterale - fino a 10-14 giorni (allo stesso tempo, il segno di 38 ° C non viene superato). Se gli indicatori superano il confine di 39-40 ° C, ciò indica un aumento della reazione infiammatoria e la perdita della capacità del corpo di combattere l'agente patogeno. In una situazione del genere, il medico dovrebbe rivedere immediatamente il trattamento ed eventualmente cambiare l'antibiotico. [2]

Diagnostica pleuropolmonite

L'esame di un paziente con sospetta pleuropolmonite viene effettuato secondo un piano individuale redatto da un medico. Questo piano in genere include:

Esami del sangue generali, urine, espettorato, biochimica del sangue (determinazione delle proteine totali, elettroforesi proteica, determinazione del contenuto di bilirubina, fibrinogeno);

Espettorato bakposev con la determinazione della sensibilità della flora batterica alla terapia antibiotica;

ECG.

Una radiografia del torace è quasi sempre la linea di base per la diagnosi di tutti i tipi di pleuropolmonite. Lo studio si svolge in due proiezioni:

  • durante la fase della marea, c'è un aumento e un arricchimento del pattern polmonare, che è spiegato dall'iperemia tissutale;
  • il grado di trasparenza è normale o leggermente ridotto;
  • c'è un'ombra uniforme e la radice polmonare è leggermente espansa sul lato colpito;
  • se la reazione patologica è localizzata nel settore del lobo inferiore si ha una ridotta escursione della corrispondente cupola diaframmatica;
  • durante la fase di epatizzazione viene rilevata una pronunciata diminuzione della trasparenza del tessuto polmonare (in base all'area interessata);
  • l'area interessata del polmone ha una dimensione normale o leggermente ingrandita;
  • l'intensità dell'ombra aumenta leggermente verso la periferia;
  • nelle zone centrali di oscuramento si trovano aree di illuminazione;
  • la radice polmonare sul lato colpito è espansa, si distingue per l'uniformità dell'ombra;
  • si osserva la compattazione della pleura adiacente;
  • durante la fase permissiva si ha una diminuzione dell'intensità dell'ombra della zona patologicamente alterata;
  • l'ombra frammentata è ridotta, la radice polmonare è espansa.

Se si sospetta la pleuropolmonite, è preferibile eseguire un esame radiografico completo, piuttosto che la fluorografia standard, che è considerata più un metodo preventivo che terapeutico e diagnostico. La polmonite alla fluorografia non viene sempre tracciata correttamente, poiché dipende sia dalla gravità del processo patologico sia dalla condizione e dalla densità dei tessuti attraverso i quali penetrano i raggi X. Con l'aiuto della fluorografia, è possibile prevenire in anticipo lo sviluppo della polmonite cronica, per proteggere dal decorso atipico del processo infiammatorio, tuttavia, questa procedura non ci consente di notare la localizzazione dell'infiammazione e valutare il grado di complessità del processo.

Si consiglia ai pazienti con qualsiasi tipo di pleuropolmonite di indagare sulla funzione della respirazione esterna e, se indicato, viene eseguita una puntura pleurica.

La TC multistrato è indicata in questi casi:

  • se ci sono sintomi clinici evidenti di pleuropolmonite, ma non ci sono anomalie tipiche alla radiografia;
  • se durante la diagnosi di pleuropolmonite vengono rilevati disturbi atipici, come atelettasia ostruttiva, ascesso o infarto polmonare;
  • con un decorso ricorrente di pleuropolmonite, se si trovano infiltrati patologici nella stessa zona del polmone;
  • con pleuropolmonite prolungata, se gli infiltrati patologici non si risolvono entro un mese.

Ulteriori diagnostiche strumentali possono essere rappresentate dalla broncoscopia a fibre ottiche, dalla biopsia transtoracica, dall'aspirazione transtracheale. La presenza di versamento pleurico sullo sfondo della possibilità di una pleuropuntura sicura è un'indicazione per lo studio del liquido pleurico. [3]

In ogni fase della pleuropolmonite viene eseguita un'auscultazione obbligatoria:

  • nella fase della marea, si nota debolezza della respirazione vescicolare, crepitio;
  • nella fase di epatizzazione, è possibile ascoltare rantoli chiari e gorgoglianti, con aumento della broncofonia;
  • crepitus è presente anche nella fase permissiva.

Diagnosi differenziale

Diversi tipi di pleuropolmonite sono generalmente differenziati dalla broncopolmonite tubercolare (polmonite caseosa). La particolare complessità di tale diagnosi si osserva nei casi in cui la pleuropolmonite colpisce i lobi superiori e la tubercolosi colpisce i lobi inferiori: fatto sta che nella fase iniziale la tubercolosi non si rileva come micobatteri nell'espettorato, e i segni clinici e radiologici di queste patologie sono molto simili. A volte è possibile fare una diagnosi corretta di tubercolosi se c'è un tipico esordio precoce della malattia: debolezza precoce, aumento della sudorazione, costante affaticamento immotivato. La pleuropolmonite è caratterizzata da uno sviluppo acuto di sintomi, tra cui un forte aumento della temperatura, dolore toracico, tosse con espettorato. Per quanto riguarda l'infiltrato tubercolare, si differenzia da quello pleuropneumonico in quanto ha un profilo netto.

Un esame del sangue in pazienti con tubercolosi dimostra la leucopenia sullo sfondo della linfocitosi e la pleuropolmonite è caratterizzata da leucocitosi significativa e VES accelerata.

I test della tubercolina (+) sono considerati un'altra conferma delle lesioni tubercolari.

Vari tipi di pleuropolmonite sono anche differenziati dal cancro broncogeno e dall'embolia polmonare a piccoli rami.

Translation Disclaimer: The original language of this article is Russian. For the convenience of users of the iLive portal who do not speak Russian, this article has been translated into the current language, but has not yet been verified by a native speaker who has the necessary qualifications for this. In this regard, we warn you that the translation of this article may be incorrect, may contain lexical, syntactic and grammatical errors.

You are reporting a typo in the following text:
Simply click the "Send typo report" button to complete the report. You can also include a comment.