^

Salute

Trattamento delle emorroidi esterne

, Editor medico
Ultima recensione: 14.09.2022
Fact-checked
х

Tutti i contenuti di iLive sono revisionati o verificati da un punto di vista medico per garantire la massima precisione possibile.

Abbiamo linee guida rigorose in materia di sourcing e colleghiamo solo a siti di media affidabili, istituti di ricerca accademici e, ove possibile, studi rivisti dal punto di vista medico. Nota che i numeri tra parentesi ([1], [2], ecc.) Sono link cliccabili per questi studi.

Se ritieni che uno qualsiasi dei nostri contenuti sia impreciso, scaduto o comunque discutibile, selezionalo e premi Ctrl + Invio.

Le emorroidi non scelgono sesso o età. Una malattia spiacevole è persino diventata un nome familiare nel gergo moderno. Spesso si sente tra i giovani l'espressione "Perché ho bisogno di queste emorroidi?" (intendendo il problema). È davvero. Disagio, sensazione di pienezza nell'ano, dolore di varia intensità rovinano significativamente la qualità della vita e, se ignorati, minacciano ancora più problemi. Ci sono emorroidi interne (sottomucose) ed esterne (sottocutanee). Queste definizioni corrispondono alla localizzazione delle emorroidi. Tra queste patologie, quella esterna occupa più di un terzo dei casi e, ovviamente, richiede un trattamento.

Tratta i dossi esterni delle emorroidi con unguenti e supposte. Quali componenti dovrebbero contenere? Per sbarazzarsi del problema, i farmaci possono avere un effetto mono o complesso, tra cui:

  • antinfiammatorio;
  • analgesico (proctoglivenolo);
  • antibatterico (posterizan, levomekol);
  • venotonico (proxevasina).

Nel trattamento delle emorroidi trombizzate esterne, gli anticoagulanti (unguento di eparina) vengono utilizzati per prevenire la formazione di coaguli di sangue. In caso di sanguinamento, vengono prescritti emostatici (sollievo), il cui meccanismo d'azione è volto a rallentare la coagulazione del sangue.

Il trattamento dell'infiammazione delle emorroidi esterne viene effettuato con l'aiuto di farmaci antinfiammatori steroidei e non steroidei (aurobina, proctosano).

Il regime di trattamento deve essere determinato da un proctologo. [1]

Primo soccorso per le emorroidi esterne

Le azioni di primo soccorso dipendono dai sintomi. Il dolore acuto viene alleviato applicando ghiaccio sull'ano, prendendo antidolorifici. Svuotare l'intestino attraverso un clistere purificante, che include decotti di erbe medicinali e oli vegetali, può aiutare.

Per le ragadi anali, puoi usare supposte rettali con novocaina, in loro assenza, allegare una foglia di piantaggine ben lavata, Kalanchoe o un taglio di foglie di aloe.

Il sanguinamento è fermato da lozioni di decotti di calendula, corteccia di quercia, ortica. È anche bene prendere una compressa di vikasol che fermerà qualsiasi sanguinamento.

Il forte prurito nell'ano viene rimosso con l'aiuto di bagni caldi, in cui sono coinvolte le erbe, si può usare la soda. [2]

Metodi di trattamento per le emorroidi esterne

Esistono diversi trattamenti per le emorroidi esterne, tra cui:

  • conservativo, utilizzando un approccio integrato, che includa farmaci locali, mezzi alternativi, uno stile di vita sano e una corretta alimentazione; [3]
  • chirurgia mininvasiva - fotocoagulazione mediante un raggio di raggi infrarossi (efficace negli stadi 1-2 della malattia); sclerosi (una sostanza speciale viene iniettata nel lume nodale, a seguito della quale le pareti delle emorroidi si uniscono, il sangue smette di fluire e muore); legatura con anelli in lattice (il nodo viene posizionato in una punta cava e su di esso viene inserito un anello);
  • chirurgico - la trombectomia viene utilizzata quando ci sono segni di necrosi tissutale, lo sviluppo di un ascesso. Dopo l'anestesia, viene praticata un'incisione nel nodo e il trombo viene rimosso.

Quanti giorni vengono trattate le emorroidi esterne? I sintomi della malattia scompaiono in media dopo 7-10 giorni. [4]

Trattamento conservativo delle emorroidi esterne

Il trattamento conservativo delle emorroidi esterne è possibile a casa. Oltre a unguenti, gel, supposte, farmaci per alleviare il dolore, vengono utilizzati con successo mezzi alternativi. Puoi usare le ricette qui sotto.

  • Bagni per emorroidi esterne: ci sono diverse opzioni per la procedura. I più popolari sono caldi, con una temperatura vicina allo stato del corpo, con l'uso di decotti medicinali, permanganato di potassio. Si rilassano bene, alleviano il prurito, riducono il dolore, disinfettano e curano le crepe, rafforzano i vasi sanguigni.

Un bagno più caldo, ma non superiore a 40ºС, sarà utile in una forma lieve di patologia cronica in remissione. Ci sono anche vapore e fumo, ma è usato raramente a causa della complessità dell'organizzazione.

Un bagno freddo (viene utilizzata acqua bollita fino a 20º) aiuterà nella fase acuta della malattia, smetterà di sanguinare, aumenterà la microcircolazione sanguigna;

  • Le lozioni per le emorroidi esterne sono una sorta di impacchi che alleviano i sintomi acuti della malattia: il dolore si attenua, il gonfiore diminuisce, l'elasticità della pelle aumenta, il bruciore e il prurito scompaiono. Non è superfluo eseguirli durante la remissione per prevenire la formazione di nodi. La garza o la benda viene utilizzata come materiale e inumidita in una soluzione pre-preparata, per la quale vengono prese le infusioni curative.
  • Trattamento delle emorroidi esterne con ghiaccio: in questo caso, viene attivato l'effetto di bloccare la sensibilità delle terminazioni nervose, si verifica il congelamento, il dolore si interrompe. Il freddo smette anche di sanguinare se il nodo scoppia, perché i vasi e le vene si restringono e anche il flusso sanguigno al bacino diminuisce.

Come si applica a freddo? È meglio fare candele usando coni di carta, in cui versare decotti di erbe e congelare. Dopo averli tolti dal congelatore, li hanno messi nell'ano per un paio di minuti. Puoi anche usare un cubetto di ghiaccio avvolto in un panno per pulire.

  • Trattamento delle emorroidi esterne con miele - apiproduct ha un eccellente effetto ammorbidente, cicatrizzante e disinfettante. Devi usarlo come un unguento, lubrificando l'area interessata durante la notte. Puoi formare candele da canditi densi e congelarli, metterli prima di andare a letto dopo aver lavato e asciugato accuratamente l'area dell'ano. L'aggiunta di burro aumenterà l'effetto terapeutico della supposta.
  • Il trattamento delle emorroidi esterne con le patate è un rimedio provato e testato. Da una patata sbucciata viene ritagliato un cono lungo 3-4 cm e di 1,5 cm di diametro. Mettilo dopo un movimento intestinale. L'amido ha un effetto analgesico, allevia il prurito, l'infiammazione. Le vitamine in esso presenti (C, gruppi B, E rafforzano i vasi sanguigni, rigenerano i tessuti danneggiati), il silicio, insieme all'acido ascorbico, esibiscono un effetto antibatterico.
  • Trattamento con olio di olivello spinoso: le bacche di questa pianta sono un prodotto unico per le loro proprietà medicinali. La sua ricca composizione chimica gli consente di essere utilizzato in vari settori della medicina, anche nel trattamento delle emorroidi, poiché aumenta l'elasticità dei vasi sanguigni, favorisce la rigenerazione cellulare, previene la formazione di coaguli di sangue e rafforza il sistema immunitario.

Le più utili sono le bacche crude, dalle quali puoi estrarre tu stesso il succo, aggiungere olio vegetale, lasciare fermentare per una settimana in un luogo caldo, quindi applicare. Ma non tutti hanno un cespuglio di olivello spinoso e il desiderio di fare casino. È meglio acquistarlo in farmacia e lubrificare l'area problematica più volte al giorno. È ancora meglio usare supposte già pronte con l'olivello spinoso.

  • Aloe con emorroidi esterne è un altro nome per essa "agave" e qualche decennio fa era considerata un rimedio alternativo universale che poteva aiutare nella cura di molte malattie. È infatti classificato come stimolante biogenico. Ha anche proprietà antinfiammatorie e antibatteriche, guarisce rapidamente, migliora l'immunità locale, allevia il dolore.

Il succo della pianta è facile da ottenere. Le foglie tagliate vengono lavate, asciugate, schiacciate e spremute il liquido. Usato per lozioni, impacchi. L'interno gelatinoso delle foglie è usato come parte di supposte e unguenti.

  • Il clistere con emorroidi esterne è un metodo comune per il suo trattamento, in particolare i microclisteri. Con l'aiuto di questa procedura, l'irritazione, l'infiammazione, il gonfiore vengono rimossi e le mucose vengono disinfettate.

Per la composizione di clisteri per le emorroidi vengono utilizzati decotti di erbe medicinali, soluzioni oleose, complessi vitaminici, miscele di amido. Non vengono iniettati più di 50 ml alla volta, una pera viene selezionata in base a questo volume. Il liquido deve essere caldo. Puoi farlo da solo a casa e sdraiato. [5]

Trattamento delle emorroidi esterne nelle donne

La terapia per le emorroidi esterne nelle donne dipende dallo stadio della malattia (ce ne sono quattro in totale), il più delle volte è conservatrice e include un approccio integrato (dieta, uso di farmaci esterni e interni, prescrizioni di medicine alternative).

Raramente si ricorre all'intervento chirurgico, solo se i metodi precedenti hanno fallito.

Spesso la malattia colpisce le donne durante la gravidanza. Contribuiscono a questi cambiamenti ormonali, pressione uterina sugli organi pelvici, diminuzione della mobilità. È impossibile lasciare il trattamento per il periodo postpartum, basta abbandonare alcune procedure, come i bagni, e selezionare più attentamente unguenti e supposte, scegliendo quelli che non hanno controindicazioni per tali pazienti (candele con olivello spinoso, posterizan, natalsid).

Non meno spesso, le esacerbazioni si verificano dopo il parto, perché una donna ha dovuto sopportare il peso per metà del termine e persino spingere durante il parto. L'allattamento al seno non dovrebbe essere un ostacolo al trattamento, ma non tutti i farmaci funzioneranno, nonostante l'applicazione topica.

Nel sito dello sfintere anale c'è un anello vascolare, quindi i farmaci applicati ad esso entrano rapidamente nel flusso sanguigno. Il trattamento deve essere prescritto da un medico, tenendo conto dello "stato" della donna. [6]

Trattamento delle emorroidi esterne negli uomini

Secondo le statistiche, le emorroidi colpiscono gli uomini più spesso delle donne. Ciò è facilitato da uno stile di vita sedentario (guidare un'auto, al computer), costipazione frequente da cibi abbondanti e carnosi, consumo di alcolici, sollevamento pesi (le specifiche del lavoro, palestre o sollevamento pesi), malattie della vescica e della ghiandola prostatica.

Se sintomi come dolore che si verifica stando seduti e camminando, svuotamento dell'intestino, pesantezza, sensazione di pienezza nell'ano, è necessario contattare un proctologo. Il trattamento tempestivo nelle prime fasi è più efficace, ha meno conseguenze e non differisce in alcun modo dal trattamento delle donne. L'unica differenza è che gli uomini sono più difficili da vedere da un medico e devono curare una patologia più complicata.

Trattamento alternativo

Le ricette di medicina alternativa utilizzate per il trattamento delle emorroidi esterne sono già state citate sopra. È ora di nominare le erbe che devi usare per la preparazione di pozioni curative.

Calendula, camomilla, erba di San Giovanni, salvia, foglie di lampone aiuteranno a ridurre i sintomi del processo infiammatorio delle emorroidi, a ridurre l'intensità del dolore.

Il tono dei vasi aumenterà la tintura di ippocastano, un decotto di rosa canina, nocciola, assunto per via orale.

Smetti di sanguinare sotto il potere di decotti di ortica, ciglia di cetriolo, succo di barbabietola.

Omeopatia

Tra i preparati omeopatici, uno dei più utilizzati per le emorroidi senza complicazioni è l'unguento di Fleming. Un rimedio complesso a base di estratti di calendula, amamelide, ippocastano, ossido di zinco, mentolo. Con l'aiuto di un batuffolo di cotone, viene applicato sulla zona interessata tre volte al giorno. Indicato per l'uso dai 2 anni.

Si possono anche usare altri preparati, che includono acido solforico, nitroso, cloridrico; minerali: antimonio, arsenico; veleno di serpente; piante, ad eccezione dei citati lino, peonia, cardo, ecc.

Aesculus compositum, carbo vegetabilis, amamelide, nux vomica vengono assunti per via orale. Il dosaggio è determinato dall'omeopata. In media, la dose raccomandata per le gocce è di 10 gocce. Tre volte al giorno un quarto d'ora prima dei pasti, granuli - 8 pezzi. Sotto la lingua 3-4 volte.

Vitamine

Sono necessari per aumentare l'immunità, rafforzare i vasi sanguigni. L'elenco include le vitamine C, E, A, gruppi B, K, PP. Quando si sceglie il cibo, è necessario concentrarsi sulla loro disponibilità. Aiuteranno a saturare il corpo e i complessi vitaminico-minerali.

Dieta e nutrizione per le emorroidi esterne

Le emorroidi esterne non richiedono una dieta rigida, ma è comunque necessario seguire alcune regole dietetiche. Cosa non si può mangiare con le emorroidi esterne? Vietato piccante, piccante, salato, affumicato, alcol, carboidrati veloci. Nel menu dovrebbero prevalere verdure crude, frutta, pasti dietetici, carne e pesce magri, cereali diversi dal riso, latte acido e latticini, pane con crusca. È anche richiesto un regime di bere abbondante.

Colonscopia per le emorroidi esterne

Nelle fasi iniziali delle emorroidi, il quadro clinico della malattia può non essere chiaro e richiedere chiarimenti. I sintomi spiacevoli a volte indicano la presenza di neoplasie, morbo di Crohn, colite, ecc.

Per questo viene utilizzata una colonscopia, una procedura in cui viene utilizzato un tubo con ottica e una lampadina all'estremità per esaminare le condizioni del colon. Richiede una preparazione sotto forma di pulizia intestinale, dove viene quindi iniettata aria. In presenza di dolore, viene utilizzata l'anestesia locale. [7]

Massaggio delle emorroidi esterne

Il massaggio viene utilizzato per eliminare la congestione venosa nel retto inferiore. Prima della procedura, la vescica e l'intestino vengono svuotati, viene presa la posizione ginocchio-gomito. In presenza di crepe nelle pareti del retto, viene preliminarmente collocata una candela con belladonna.

Lo specialista indossa i guanti e inserisce l'indice nell'ano. Vengono eseguiti movimenti di carezza e pressione, i nodi esterni sono nascosti verso l'interno. Tali tecniche vengono ripetute 3-4 volte. Inoltre, il massaggio viene continuato con l'aiuto di un vibratore e completato con esercizi fisici.

Translation Disclaimer: The original language of this article is Russian. For the convenience of users of the iLive portal who do not speak Russian, this article has been translated into the current language, but has not yet been verified by a native speaker who has the necessary qualifications for this. In this regard, we warn you that the translation of this article may be incorrect, may contain lexical, syntactic and grammatical errors.

You are reporting a typo in the following text:
Simply click the "Send typo report" button to complete the report. You can also include a comment.