^

Salute

Metodi di trattamento della schizofrenia negli uomini

, Editor medico
Ultima recensione: 06.05.2022
Fact-checked
х

Tutti i contenuti di iLive sono revisionati o verificati da un punto di vista medico per garantire la massima precisione possibile.

Abbiamo linee guida rigorose in materia di sourcing e colleghiamo solo a siti di media affidabili, istituti di ricerca accademici e, ove possibile, studi rivisti dal punto di vista medico. Nota che i numeri tra parentesi ([1], [2], ecc.) Sono link cliccabili per questi studi.

Se ritieni che uno qualsiasi dei nostri contenuti sia impreciso, scaduto o comunque discutibile, selezionalo e premi Ctrl + Invio.

Il trattamento della schizofrenia negli uomini non differisce dal trattamento delle donne, è solo che gli uomini hanno maggiori probabilità di ammalarsi più gravemente e, di conseguenza, per il loro trattamento sono necessari antipsicotici più potenti a dosi più elevate. In ogni caso, viene utilizzata la terapia principale con antipsicotici, la scelta del farmaco si basa sull'analisi delle caratteristiche della manifestazione dei sintomi produttivi e della forma del decorso della malattia. Vengono utilizzati altri metodi, ad esempio il coma insulinico e la terapia elettroconvulsiva. [1]

Nel periodo acuto viene utilizzata la terapia farmacologica attiva, dopo aver raggiunto l'effetto terapeutico, il paziente viene trasferito alla terapia di mantenimento con la nomina della dose minima efficace del farmaco al fine di prevenire le esacerbazioni e aumentare l'intervallo di stabilizzazione. [2]

La forma più grave della malattia - la schizofrenia continua maligna giovanile viene trattata con l'uso di potenti farmaci antipsicotici che possono indebolire e annullare gravi sintomi catatonici, ebefrenici, paranoici e misti. In questi casi vengono prescritti dosaggi elevati di neurolettici, che superano di due o anche cinque volte quelli standard. Ciò contribuisce, nella maggior parte dei casi, a un significativo indebolimento delle manifestazioni psicotiche.

L'aminazina rimane il farmaco di scelta. È prescritto a 0,6-0,8 g al giorno. Viene anche utilizzato azaleptina (in una dose giornaliera di 0,3-0,4 g), propazina (0,35 g), tizercina 0,2-0,3 g), aloperidolo o mazheptil (0,03-0,04 g), trisedil (0,01-0,015 g). La scelta del farmaco si basa sulla sua efficacia e sensibilizzazione ad esso nel paziente.

L'azione degli antipsicotici classici si basa sull'influenza sul sistema della dopamina, grazie alla quale affrontano efficacemente i sintomi allucinatori deliranti, eliminano i pensieri paranoici e maniacali, fermano l'agitazione psicomotoria e calmano gli impulsi aggressivi.

Tuttavia, questi farmaci hanno molti effetti collaterali da parte di quasi tutti gli organi e sistemi. Oltre al fatto che causano sintomi relativamente "innocui" come secchezza delle fauci, bruciore di stomaco, diarrea, nausea, sonnolenza, eruzioni allergiche, interrompono il cuore, causano disturbi disurici e infiammazioni del fegato e possono causare anafilassi, in linea di principio, come altri farmaci. I farmaci con azione antipsicotica causano anche la sindrome neurolettica associata al loro effetto sul cervello, il cui sintomo principale è l'iper- o l'ipocinesia, altri sono ansia, agitazione, convulsioni e altri disturbi del sistema nervoso centrale, cambiando essenzialmente un disturbo mentale in altro. [3]

Per neutralizzare le complicanze gravi che spesso si sviluppano durante il trattamento con neurolettici, ai pazienti vengono prescritti farmaci correttivi (antiparkinsoniani): un anticolinergico di azione centrale e periferica con effetto miorilassante Ciclodolo in una dose giornaliera di 0,012-0,014 g; Akineton anticolinergico centrale; nootropi.

La terapia antipsicotica a lungo termine crea dipendenza, il che riduce la sua efficacia. Per intensificare il trattamento, ricorrere a una varietà di tecniche. Ad esempio, viene praticata l'interruzione improvvisa della terapia antipsicotica seguita dalla ripresa del trattamento.

Una risposta positiva all'azione dei neurolettici migliora l'uso di immunostimolanti. In ospedale, due volte a settimana, al paziente vengono prescritte iniezioni di Decaris (0,15 g ciascuna). Per via orale, il dimefosfone può essere prescritto tre volte al giorno alla velocità di 0,03 g per chilogrammo di peso del paziente.

Oltre agli antipsicotici, viene utilizzata la terapia del coma insulinico forzato: una flebo di insulina prima dell'inizio del coma insulinico. Il corso del trattamento va da 25 a 30 procedure. [4]

La schizofrenia giovanile semplice viene trattata con antipsicotici classici che hanno un effetto psicostimolante. Triftazin è prescritto in una dose giornaliera di 0,02-0,025 g, Etaperazin (non più di 0,03 g), Mazheptil (non più di 0,015 g) e altri.

Vengono utilizzati anche antipsicotici atipici, considerati meno pericolosi in termini di complicanze della loro azione: Risperidone in una dose giornaliera fino a 0,004 g; [5]Olanzapina (fino a 0,015 g); Seroquel (fino a 0,9 g). I farmaci di nuova generazione agiscono non solo sul sistema dopaminergico del cervello, ma anche sul sistema serotoninergico, che riduce la probabilità di sviluppare la sindrome neurolettica, tuttavia, non la esclude completamente. Inoltre, dopo l'assunzione di antipsicotici atipici molto più spesso di quelli classici, si sviluppano effetti collaterali come obesità e diabete mellito, nonché ictus. [6].  [7]. [8]

Gli antipsicotici tipici sono scelti anche per il trattamento della schizofrenia continua paranoica, il cui sintomo principale sono le delusioni e le allucinazioni. Gli schizofrenici con una predominanza della componente delirante sono prescritti etaperzina in una dose giornaliera da 0,06 g a 0,09 g, triftazin - circa 0,04-0,05 g ciascuno, aloperidolo (0,02-0,03 g), allucinatorio - dosi più basse di etaperazina (0,035 -0,04 g ) o Triftazina (0,03-0,035 g). Tra gli antipsicotici atipici, l'azaleptina è preferita. È prescritto in una dose giornaliera fino a 0,3 g. In generale, i farmaci vengono selezionati individualmente, così come i dosaggi. È necessario provocare un effetto terapeutico soddisfacente ed evitare il più possibile gravi effetti collaterali, per i quali il medico ha bisogno di un contatto costante con il paziente. [9]

Nelle fasi successive della schizofrenia paranoica, quando il corpo del paziente non risponde più adeguatamente alla terapia antipsicotica classica, si ricorre a forme iniettabili, ad esempio il farmaco a lunga durata d'azione Flufenazina (Moditen-Depot). Viene effettuata un'iniezione intramuscolare (0,025-0,075 g) a intervalli da una settimana a un mese (individualmente, empiricamente, a seconda della velocità di rilascio del principio attivo). Il farmaco ha un forte effetto antipsicotico, superando l'azione dell'aminazina (standard) e ha una minore probabilità di sviluppare sindrome neurolettica e complicanze somatiche. È anche usato con successo per trattare forme di schizofrenia maligna giovanile.

La schizofrenia paranoide risponde bene anche alla terapia iniettabile con Clopixol, uno dei neurolettici relativamente nuovi. Viene iniettato in profondità nel muscolo in una dose giornaliera di 0,1 g. È efficace sia nell'esordio di un attacco paranoico che nel trattamento delle ricadute. Viene anche utilizzata l'olanzapina. Questi farmaci, oltre a fermare i sintomi produttivi, alleviano anche le manifestazioni negative.

A volte vengono utilizzate combinazioni di neurolettici per stabilizzare la condizione e formare un lungo periodo di remissione, ad esempio Klopiksol-depot e Piportil L4.

Nel trattamento della schizofrenia simile alla pelliccia, l'obiettivo è fermare gli attacchi acuti di psicosi affettivo-delirante. Per fare questo, ricorrono alla terapia insulino-comatosa (con la manifestazione della malattia) o combinata (soprattutto con le ricadute): terapia antipsicotica con l'uso di Leponex (0,3 g al giorno), Propazina (0,35 g), Tizercin (0,2 g) in combinazione con l'assunzione di antidepressivi: la classica amitriptilina triciclica in una dose giornaliera fino a 0,3 g, Anafranil (fino a 0,3 g) o Ludiomil (fino a 0,2 g). La scelta del farmaco dipende dalla struttura dell'affetto. Con la predominanza della componente maniacale, gli antipsicotici sono combinati con i preparati al litio.

Il disturbo schizotipico (schizofrenia lenta) di solito richiede dosi più basse di neurolettici, sia tipici che atipici, in combinazione con tranquillanti. Si raccomanda di includere nel regime di trattamento preparati biotici che migliorano i processi metabolici nel cervello, aumentano la resistenza allo stress e le prestazioni, glicina o biotredin in una dose giornaliera fino a 0,8 g. Nelle forme lievemente progressive di schizofrenia, la terapia cognitivo-comportamentale può aiutare in alcuni casi anche senza l'uso di antipsicotici.

Nutrizione per la schizofrenia negli uomini

In linea di principio, gli schizofrenici possono mangiare qualsiasi cibo, la malattia non li obbliga a nessuna dieta. Tuttavia, si ritiene che un certo stile di alimentazione possa contribuire alla comparsa di sintomi schizofreniformi. Questa opinione è condivisa da molti medici. In generale, l'alimentazione per la schizofrenia dovrebbe essere completamente completa, varia, sana e gustosa. Devi solo seguire alcune restrizioni.

È dubbio che la vera schizofrenia possa essere curata solo con la correzione nutrizionale, ma in ogni caso dovrebbe esserci un indubbio beneficio.

Nella schizofrenia, i processi biochimici che avvengono nel cervello cambiano e ci sono cibi che possono influenzare il metabolismo. Pertanto, se aderisci a determinati principi di nutrizione, non sarà sicuramente peggio.

La dieta antischizofrenica consiglia praticamente di non mangiare cibi che contengono caseina e glutine. La maggior quantità di caseina si trova nel latte, nelle capre e nelle vacche, in gran parte nei formaggi e in altri latticini. Questa è una proteina facilmente digeribile necessaria per la crescita del tessuto muscolare e osseo. Tuttavia, negli schizofrenici, soprattutto se c'è un'intolleranza al lattosio acquisita con l'età, questi prodotti provocheranno non solo disturbi digestivi, ma anche attacchi di schizofrenia. Un paziente con un eccesso di caseina può lamentare visione offuscata, vertigini, avrà spesso ansia e disturbi disforici. Gli schizofrenici non dovrebbero abbandonare completamente i latticini, ma è meglio usarli in forma fermentata (kefir, latte cotto fermentato, latte cagliato, yogurt naturale) e non più di un bicchiere al giorno, l'uso di formaggi (ricotta) è limitato a porzioni da 30 grammi tre volte a settimana.

Gli schizofrenici e le persone predisposte alla malattia dovrebbero monitorare il consumo di dolci, cioè cibi ricchi di zuccheri, e controllare i livelli di glucosio nel sangue, mantenendolo normale. Non eliminare completamente i dolci e non mangiare troppo. Ad esempio, le bevande gassate zuccherate dovrebbero essere completamente rimosse dalla dieta, i succhi acquistati in negozio in scatole di cartone possono essere eliminati, anche torte, pasticcini e dolci non appartengono al cibo sano. Non puoi mangiare miele e marmellata in cucchiai, frutta e bacche con un alto contenuto di zucchero - in chilogrammi. Nella nostra zona - si tratta di uva, ciliegie, mele dolci, esotici - fichi, litchi, mango, ananas. Allo stesso tempo, è meglio sostituire lo zucchero con una piccola quantità di miele, frutta secca, bacche. Non è necessario rinunciare completamente ai dolci, basta controllarne il consumo.

Il glutine si trova nei cereali. Questi sono cereali e tutti i tipi di dolci. Se si escludono gli alimenti contenenti glutine dalla dieta, le condizioni dei pazienti migliorano, gli attacchi scompaiono con sintomi più lievi e la remissione si verifica più rapidamente.

Il cambiamento della dieta dovrebbe essere fatto anche nella direzione di un maggiore consumo di acidi grassi mono e polinsaturi, che sono coinvolti nel rinnovamento di tutte le membrane cellulari, compresi i neuroni cerebrali. Questi sono oli vegetali: girasole, mais, oliva, semi di lino, colza, frutti di mare e crostacei, pesce e olio di pesce, noci, semi di lino, zucca, semi di sesamo, cereali germinati, verdure a foglia verde. Ci sono molti di questi prodotti.

Gli acidi grassi saturi si trovano nella carne, nelle frattaglie, nel burro. Questi alimenti possono e devono essere consumati, ma non mangiare troppo. Ad esempio, carne rossa magra - una volta alla settimana, con contorno di verdure (ma non patate), burro - circa cinque grammi al giorno.

Alimenti con proprietà antidepressive - pesce (salmone), alghe, mandorle, carne di tacchino e coniglio, banane, mirtilli, fragole aiuteranno a migliorare l'umore e ridurre l'ansia.

La dieta dovrebbe contenere vitamine, acido ascorbico (cipolle, verdure fresche, frutti di bosco e frutta), vitamine del gruppo B (uova, carne, fegato, legumi, verdure, pesce, patate, pomodori), vitamina E (oli vegetali, olive, semi, noci, albicocche secche).

Inoltre, quando possibile, è necessario utilizzare prodotti biologici naturali. La dieta dovrebbe contenere più frutta e verdura, fresca, in inverno - appena congelata. Il pane è preferito integrale o di segale e in quantità limitate. Niente alcol, caffè e tè forte, lo stesso vale per salsicce, carni affumicate e sottaceti. Dai cereali, la preferenza è data a farina d'avena, grano saraceno e miglio. Si consiglia di utilizzare crusca e chicchi di grano germinati. Ogni giorno ci sono noci e semi da 20 a 50 g.

Translation Disclaimer: The original language of this article is Russian. For the convenience of users of the iLive portal who do not speak Russian, this article has been translated into the current language, but has not yet been verified by a native speaker who has the necessary qualifications for this. In this regard, we warn you that the translation of this article may be incorrect, may contain lexical, syntactic and grammatical errors.

You are reporting a typo in the following text:
Simply click the "Send typo report" button to complete the report. You can also include a comment.