^

Salute

A
A
A

Schizofrenia negli uomini: cause, tipi, diagnosi, prognosi

 
, Editor medico
Ultima recensione: 08.05.2022
 
Fact-checked
х

Tutti i contenuti di iLive sono revisionati o verificati da un punto di vista medico per garantire la massima precisione possibile.

Abbiamo linee guida rigorose in materia di sourcing e colleghiamo solo a siti di media affidabili, istituti di ricerca accademici e, ove possibile, studi rivisti dal punto di vista medico. Nota che i numeri tra parentesi ([1], [2], ecc.) Sono link cliccabili per questi studi.

Se ritieni che uno qualsiasi dei nostri contenuti sia impreciso, scaduto o comunque discutibile, selezionalo e premi Ctrl + Invio.

È passato più di un secolo dal momento in cui la schizofrenia è stata individuata come una malattia indipendente, ma continuano ancora le discussioni non solo sulla sua natura, ma anche sulla sua stessa esistenza come malattia separata. Molti psichiatri, tra cui E. Bleuler, l'autore del termine "schizofrenia", sono inclini a credere che si tratti di un gruppo di malattie mentali unite da una caratteristica comune: il processo mentale del paziente è disturbato, l'unità di percezione, pensiero ed emozioni scompare sullo sfondo del progressivo indebolimento dell'attività mentale. Comunque sia, le forme più maligne e rapidamente progressive della malattia si manifestano nell'adolescenza e nell'adolescenza e, tra i pazienti giovani, la maggior parte sono pazienti di sesso maschile. Pertanto, la schizofrenia negli uomini, in generale, è più grave e ha una prognosi meno favorevole rispetto alle donne. Anche se in alcuni casi è vero il contrario.

Un impoverimento abbastanza rapido, spesso entro dieci-quindici anni, dell'intera vita psichica dei pazienti, un "esito fatale nella demenza" in età abbastanza giovane era considerata la principale proprietà della malattia, che alla fine del XIX secolo era descritta da E. Kraepelin come un'unità nosologica indipendente, che combina patologie mentali separate precedentemente considerate: dementia praecox, catatonia, herbefrenia e paranoia. Era il prototipo della schizofrenia. E. Kraepelin ha lasciato il nome "dementia praecox", poiché tutti questi disturbi mentali si sono manifestati nell'adolescenza e nell'adolescenza e sono progrediti rapidamente con l'esito della demenza. Era questa malattia che colpiva principalmente i giovani maschi.

Tuttavia, letteralmente 15 anni dopo, con la mano leggera di E. Bleiler, che ha notato che questa patologia non è sempre precoce e che non si osserva nemmeno un rapido "esito fatale della demenza" in tutti i pazienti, è apparsa una nuova malattia mentale indipendente: la schizofrenia. La sua caratteristica principale era chiamata scissione della psiche integrale. [1]

Disturbi mentali negli uomini

Non è facile mantenere la salute mentale fino alla vecchiaia nel mondo moderno, soprattutto per i residenti delle megalopoli. Secondo l'Organizzazione Mondiale della Sanità, i disturbi mentali, in varia misura, soffrono temporaneamente e permanentemente nel 20-25% degli abitanti del mondo, indipendentemente dal sesso e dall'età. I disturbi mentali sono temporanei, cioè causati da gravi shock mentali o dall'abuso di sostanze psicotrope. Tali condizioni non sono a lungo termine e molto spesso hanno un esito favorevole. I disturbi mentali cronici o permanenti, che includono la schizofrenia, si verificano a lungo, con esacerbazioni e portano all'emergere di un difetto mentale persistente.

I disturbi mentali più comuni sono la depressione, il disturbo bipolare e la schizofrenia. E se la depressione è curabile e può passare senza lasciare traccia, le altre due sono malattie croniche recidivanti, che nella maggior parte dei casi sono controllate dai farmaci.

La depressione si sviluppa negli uomini la metà delle volte che nelle donne. Dai tempi di E. Kraepelin, il disturbo bipolare è stato anche considerato un disturbo mentale più "femminile". Sebbene gli studi moderni lo contraddicano e indichino che gli uomini hanno maggiori probabilità di soffrire di disturbo bipolare e le donne sono più inclini al disturbo monopolare con una predominanza di "barre nere" nello stato psico-emotivo. È possibile che l'ambiguità dell'approccio diagnostico influisca su tali statistiche.

Tra i pazienti con diagnosi di schizofrenia, ci sono tre donne per quattro uomini e anche il disturbo affettivo schizotipico è leggermente più comune negli uomini.

Ci sono più malattie da dipendenza tra la popolazione maschile. All'inizio del secolo scorso c'era una donna ogni 12 uomini che bevevano regolarmente. Le psicosi alcoliche sono ancora una prerogativa degli uomini, sebbene i rappresentanti della bella metà dell'umanità li stiano attivamente recuperando e, secondo le statistiche del Regno Unito, l'uguaglianza di genere è già stata stabilita tra coloro che soffrono di alcolismo nel loro paese. Tuttavia, ci sono ancora quattro uomini per ogni donna alcolizzata nell'intera popolazione del pianeta (dati dell'OMS). In generale, ci sono 1,3-1,5 volte più tossicodipendenti maschi rispetto alle femmine. Ma gli uomini non sono soggetti a disturbi alimentari: per dieci donne che soffrono di anoressia/bulimia, c'è un solo uomo.

I giovani hanno maggiori probabilità di soffrire di disturbi dello spettro autistico, disturbi del linguaggio, disturbo da iperattività e disturbo da deficit di attenzione.

Perché la schizofrenia è pericolosa negli uomini?

La malattia, prima di tutto, è pericolosa per il paziente stesso e, indipendentemente dal sesso, in quanto in assenza di trattamento, progredisce. L'integrità disturbata della psiche dà origine all'incapacità del paziente di controllare il proprio comportamento, cambiarlo in base alle circostanze della vita, non andare oltre le regole sociali, pianificare la sua vita e attuare i suoi piani. Tutto ciò rende una persona dipendente dagli altri, dal loro aiuto e dalle loro cure, privandola dell'indipendenza.

Se confrontiamo gli uomini con le donne, allora, in generale, i loro sintomi dolorosi compaiono prima e nell'adolescenza e nell'adolescenza (a volte durante l'infanzia) non manifestano affatto forme benigne di schizofrenia. Negli uomini si osservano più spesso disturbi deliranti sviluppati e persistenti, si sviluppa uno stato di agitazione psicomotoria. Tuttavia, un esordio più burrascoso e drammatico, una visibile anomalia del comportamento, anche se di solito fa una forte impressione sugli altri, consente di iniziare il trattamento in modo tempestivo, con conseguenti minori danni alla psiche del paziente. Il lento sviluppo della malattia è irto di un successivo inizio del trattamento e di maggiori disturbi dello stato mentale.

Inoltre, i maschi sono caratterizzati da combinazioni di schizofrenia con comportamento antisociale, abuso di sostanze, alcolismo, che esacerba il decorso della malattia e si riflette maggiormente nello stato familiare e professionale.

La via d'uscita dalla situazione è cercare aiuto medico in modo tempestivo. La schizofrenia nella maggior parte dei casi è controllata dalla terapia psicotropa attiva, e la sua combinazione con pratiche socio-riabilitative consente al paziente di restituire una qualità di vita abbastanza elevata. Il pericolo maggiore nella schizofrenia è considerato un inizio tardivo del trattamento.

Tra le persone con comportamenti criminali particolarmente pericolosi, ad esempio i serial killer, non ci sono molti schizofrenici, anche tra i criminali professionisti. I pazienti con schizofrenia, in generale, non rappresentano un pericolo per la società. Ciò è spiegato, prima di tutto, dal fatto che lo sviluppo della malattia porta allo stupore, all'isolamento, alla scherma dal mondo esterno. [2]

Epidemiologia

Le statistiche sulla morbilità mostrano che tra i pazienti giovani, la stragrande maggioranza dei pazienti di sesso maschile, il picco di incidenza si verifica all'età di 20-28 anni. Tuttavia, un terzo degli esordi della schizofrenia si verifica tra i 10 ei 19 anni e si presume che non tutti gli esordi siano riconosciuti. I ragazzi tra i pazienti più giovani sono 1,5-2 volte più delle ragazze. La probabilità di sviluppare la schizofrenia nell'adolescenza e nella giovinezza è 3-4 volte superiore rispetto alla media e agli anziani. Molto spesso all'età di 10-14 anni, si manifesta una forma maligna continua della malattia, una paranoica più lieve - dopo 20-25 anni.  [3].  [4]. [5]

Le cause Schizofrenia negli uomini: cause, tipi, diagnosi, prognosi

La psichiatria moderna, basata sui risultati della neurofisiologia, considera questa malattia come il risultato di una violazione dei meccanismi dei neurotrasmettitori a causa del danno ad alcune strutture cerebrali, poiché durante la manifestazione della schizofrenia sono già presenti anomalie strutturali. Ci sono prove di danni cerebrali nelle prime fasi del suo sviluppo. Ad esempio, nei pazienti con schizofrenia è stata riscontrata un'espansione della cavità del setto trasparente e una violazione del ripiegamento del cervello. Tali strutture si sviluppano poco dopo la nascita e rimangono praticamente invariate da allora in poi. Questi fatti confermano la teoria della neurogenesi della patogenesi della schizofrenia. I moderni metodi di ricerca hanno suggerito che lo sviluppo della malattia si basa sulla degenerazione delle cellule cerebrali, in particolare della materia grigia, e / o sullo squilibrio neurochimico, iniziato nelle fasi dello sviluppo intrauterino. Le cause delle trasformazioni patologiche sono infezioni perinatali, intossicazioni e altri effetti dannosi durante la gravidanza. Tuttavia, i risultati dei neuroscienziati mancano di specificità e sono inerenti a individui con altre malattie psichiatriche.

Si verifica anche la predisposizione genetica, confermata da studi sui gemelli e dalla presenza di disturbi strutturali nei parenti stretti dei pazienti, espressi in misura minore. L'ereditarietà è piuttosto complessa, ipoteticamente diversi geni mutati interagiscono, il che porta ad un aumento critico del rischio di sviluppare la schizofrenia. Diversi processi cerebrali funzionali e metabolici sono presumibilmente disturbati contemporaneamente, il che porta a cambiamenti mentali che si adattano a sintomi simili alla schizofrenia. Ma nemmeno l'ereditarietà è riconosciuta come un fattore decisivo, dal momento che lontano da tutti i figli di genitori schizofrenici si ammalano, non sono state trovate mutazioni specifiche della schizofrenia. Inoltre, in alcuni casi, le trasformazioni geniche erano casuali ed erano assenti nei genitori del paziente. [6]

Viene riconosciuta l'influenza di vari trigger esterni. Fattori di rischio - condizioni di vita nella prima infanzia (famiglia disfunzionale, povertà, solitudine, frequenti cambi di residenza, bullismo emotivo e fisico), stress, intossicazione, infezione, livello di attività fisica, interazioni psicologiche e sociali di vario genere solo nell'infanzia e nell'età adulta accelerare l'insorgenza dei sintomi della schizofrenia negli uomini. Tra le condizioni sociali che provocano lo sviluppo della malattia si evidenzia l'abitare in un'area urbana. Un più alto grado di urbanizzazione nelle persone geneticamente predisposte aumenta il rischio di sviluppare la malattia. Anche i fattori di rischio psicologico sono diversi. Gli schizofrenici sono molto sensibili anche a stimoli negativi minori, sono spesso preoccupati per ciò che una persona normale potrebbe semplicemente non notare, anche qualsiasi fattore di stress inverosimile può fungere da stimolo per lo sviluppo della malattia.

L'uso di vari tipi di sostanze psichedeliche in quanto tali può causare sintomi simili alla schizofrenia e può manifestarsi in intossicazione acuta a seguito dell'assunzione di una singola grande dose e intossicazione cronica con abuso prolungato. Inoltre, i pazienti con schizofrenia usano spesso sostanze psicotrope (il più delle volte l'alcol come il prodotto più popolare e conveniente) per superare la loro caratteristica fame di dopamina. In questi casi, è quasi impossibile stabilire cosa fosse esattamente il primario, e se è noto con certezza che una condizione simile alla schizofrenia si osserva in un alcolista cronico o tossicodipendente, allora gli viene diagnosticata una grave intossicazione o sindrome da astinenza e non schizofrenia.

I periodi di rischio sono crisi associate a cambiamenti nello stato ormonale e sociale. Negli uomini, questa è l'adolescenza, quando, sullo sfondo di una rapida ristrutturazione fisica e sviluppo sociale, si verifica la maggior parte degli esordi della malattia. La schizofrenia tardiva si manifesta negli uomini predisposti durante il periodo di attenuazione della funzione sessuale, che coincide anche con i cambiamenti dello stato sociale (pensionamento, perdita di significato precedente).

Tuttavia, a causa delle sole influenze esterne, non si diventa schizofrenici. Alla predisposizione congenita si sovrappongono fattori di rischio esogeni. Nell'anamnesi della maggior parte dei pazienti, è impossibile tracciare una chiara connessione tra un determinato fattore esterno e l'insorgenza della malattia. [7]

Fattori di rischio

La schizofrenia è una malattia endogena, le cui esatte cause sono ancora nascoste da un velo di segretezza. Attualmente, è considerato una conseguenza dei processi degenerativi che si verificano nei neuroni del cervello, il cui inizio è posto nella fase della sua formazione.

L'abuso di sostanze e vari fattori di stress possono contribuire all'insorgenza di un altro attacco di schizofrenia, tuttavia, i loro effetti da soli non saranno sufficienti per sviluppare la malattia.

Negli individui predisposti, fattori esterni possono provocare il primo attacco o l'esordio della schizofrenia, sebbene, in generale, la manifestazione della malattia avvenga senza apparente connessione con influenze esterne. Molto spesso, i sintomi della schizofrenia precedono la comparsa di un forte desiderio di alcol o altri psichedelici. Uno dei motivi per cui quasi la metà degli schizofrenici usa sostanze psicoattive e l'alcol è il più accessibile, gli esperti chiamano il desiderio del paziente di neutralizzare la paura di crescenti cambiamenti emotivi. E, in un certo senso, ti permette di dimenticare per un po', ridurre lo stress emotivo, l'ansia, soffocare il desiderio, ma allo stesso tempo si forma la dipendenza psicologica.

Un sintomo caratteristico dell'alcolismo in un paziente con schizofrenia è l'assenza di ragioni visibili per l'ubriachezza e la tendenza a bere bevande forti da sole. L'ubriachezza acquisisce un carattere ubriaco e lo stato di ebbrezza è accompagnato da eccitazione, isteria e buffonate maligne.

I segni di schizofrenia in un uomo a causa dell'alcolismo possono essere evidenti, perché si tratta di deliri e allucinazioni, nonché di sintomi negativi (crescente indifferenza, inattività, apatia). Ma questi segni compaiono anche con alcolismo cronico prolungato. Lo stato di agitazione psicomotoria che accompagna la sindrome da astinenza o l'intossicazione acuta da alcol ricorda anche la rapida insorgenza della schizofrenia. In questo caso, è quasi impossibile differenziare ciò che era primario, quindi ai pazienti a cui non era stata precedentemente diagnosticata la schizofrenia viene diagnosticata la sindrome da dipendenza da alcol.

A volte i primi segni di schizofrenia in un uomo a causa dello stress possono essere evidenti. Ma anche solo una situazione traumatica per lo sviluppo della malattia non è sufficiente. Ci deve essere una predisposizione, forse il processo si è sviluppato impercettibilmente e lo stress ha provocato il rapido sviluppo della malattia. Ripeto che nella maggior parte dei casi né i pazienti né i loro parenti associano i primi sintomi della malattia a uno specifico fattore di stress. È la manifestazione inaspettata della schizofrenia nel pieno del benessere che gli esperti sottolineano come uno dei segni che consentono di sospettare questa malattia.

La schizofrenia non può svilupparsi sulla base della gelosia negli uomini. La base di questo equivoco è il fatto che il delirio di gelosia è uno dei temi tipici del disturbo delirante negli schizofrenici. La gelosia patologica non è tipica della fase iniziale della malattia. La cosiddetta sindrome di Otello si manifesta solitamente nel sesso più forte all'età di 40 anni e, a differenza delle donne, è accompagnata da manifestazioni aggressive.

La gelosia morbosa è un sintomo comune di numerosi disturbi mentali. Il suo sviluppo può essere aggravato da alcolismo, tossicodipendenza, disabilità fisiche acquisite, tendenza all'isolamento caratteristica della schizofrenia.

In generale, i soli fattori psico-traumatici esterni non sono sufficienti per lo sviluppo della schizofrenia. Inoltre, tale diagnosi viene solitamente effettuata non dai parenti, ma dagli psichiatri dopo un esame e un'osservazione completi del paziente, spesso in ospedale. [8]

Patogenesi

Molte teorie cercano di spiegare la patogenesi della schizofrenia dal punto di vista della neurobiologia: dopamina, kynuren, GABAergic e altri. Nei pazienti con schizofrenia, quasi tutti i processi di trasmissione degli impulsi nervosi sono influenzati in un modo o nell'altro, ma finora nessuna delle ipotesi può spiegare in modo affidabile cosa sta succedendo comunque, per indicare con precisione i sistemi cerebrali le cui funzioni si stanno deteriorando. Inoltre, gli studi coinvolgono pazienti malati di lungo periodo che sono in terapia antipsicotica a lungo termine, che, da un lato, porta alla normalizzazione di alcune strutture cerebrali, ad esempio i gangli della base, e, allo stesso tempo, sotto l'influenza di farmaci nella sostanza del cervello, ci sono altre deformità strutturali e aree di ischemia cerebrale. Allo stato attuale, non è stato possibile separare completamente il contributo del trattamento antipsicotico dalle anomalie strutturali causate direttamente dalla malattia.  [9], [10]

Sintomi Schizofrenia negli uomini: cause, tipi, diagnosi, prognosi

Secondo il tipo di decorso del processo patologico, si distingue la schizofrenia continua, le cui manifestazioni sono sempre presenti, ma possono essere periodicamente espresse in misura maggiore o minore (carattere atriale). Esiste anche una ricorrente o circolare, che si manifesta periodicamente e ricorda una psicosi maniaco-depressiva, nonché la più comune, mista o parossistica-progressiva, quando gli attacchi della malattia si verificano raramente, dopo 3-5 o più anni, ma di ricaduta in ricaduta, diventano più complicati e ogni volta che i sintomi negativi progrediscono. Viene anche chiamato simile a una pelliccia: ad ogni ricaduta, il paziente sprofonda più a fondo nella malattia (schub in tedesco - un passo indietro).

Esistono anche varietà di schizofrenia in base alle manifestazioni cliniche predominanti.

La forma più maligna di schizofrenia continua, che colpisce principalmente i pazienti di sesso maschile, si manifesta nell'adolescenza (12-15 anni). La schizofrenia giovanile è caratterizzata da un rapido progresso e da un aumento del degrado emotivo e intellettuale (corrisponde alla dementia praecox di Kraepelin). Secondo le sue manifestazioni caratteristiche, si divide in tre tipologie principali:

  • schizofrenia semplice - caratterizzata da una predominanza di sintomi negativi e da una pratica assenza di manifestazioni produttive: adolescenti abbastanza normali diventano improvvisamente insopportabili per gli altri - maleducati e indifferenti ai parenti, nelle istituzioni educative - imbroglioni e pigri, dormono a lungo, diventano asociali; si degradano rapidamente - diventano sciatti, golosi, sessualmente liberati, in molti casi si manifesta un'aggressività immotivata nei confronti degli altri;
  • schizofrenia ebefrenica, la cui caratteristica distintiva è un disturbo comportamentale con buffonate grossolane, smorfie, buffonerie assolutamente inadeguate per età e situazione, i pazienti hanno anche disinibizione sessuale (masturbazione pubblica, esposizione dei genitali), gola e sciatteria, svuotamento deliberato dell'intestino e vescica davanti a tutti in luoghi inappropriati, letteralmente entro il primo o il secondo anno dall'esordio della malattia con schizofrenia semplice ed ebefrenica, si forma uno stato finale con perdita dell'attività mentale e demenza, nel primo caso è completa indifferenza, nel secondo - la cosiddetta demenza "educata";
  • schizofrenia catatonica, una caratteristica distintiva è la catatonia, manifestata dallo stupore (psicosi della tensione) o dall'eccitazione, descritta sopra, con questa forma lo stato finale ("demenza muta") si forma in circa due o tre anni.

La schizofrenia paranoide negli uomini inizia molto più tardi, dopo 20 o anche 25 anni, lo sviluppo della malattia avviene lentamente, attraverso tutte le fasi e la struttura della personalità del paziente cambia gradualmente. Procede sia in forma continua che parossistica-progrediente.

C'è delirio: persecuzione, influenza, relazioni, messianismo. Una persona interpreta tutti gli eventi e il comportamento degli altri dal punto di vista delle idee deliranti, diventa riservata, sospettosa, diffidente. Il delirio paranoico si sviluppa e diventa più complicato, compaiono allucinazioni, più spesso uditive - voci che ordinano, discutono, risuonano pensieri, su questo sfondo si formano automatismi mentali e il comportamento del paziente diventa psicotico. Questo stadio della malattia è chiamato paranoico o allucinatorio-paranoico.

I pazienti possono sviluppare una catatonia secondaria, i deliri diventano sempre più grandiosi, si può osservare una depersonalizzazione delirante. I pazienti spesso si immaginano come figure storiche, deputati degli dei, il che si nota nel loro tono condiscendente, nel comportamento orgoglioso, che mostrano il senso della propria superiorità. In questa fase compaiono sintomi specifici della schizofrenia: schizofasia, mentismo, pseudoallucinazioni, apertura, ritiro o introduzione nel cervello da pensieri, stati d'animo, sogni, imposizione da movimenti, sentimenti, ecc. Più fantastica è la trama dell'illusione, maggiore è il difetto di personalità malato. Alla fine si sviluppa la demenza paranoica. Tuttavia, è questa forma di schizofrenia che nella maggior parte dei casi è ben controllata dai farmaci e il terzo stadio della malattia può essere ritardato per molto tempo.

Il tipo di decorso simile a una pelliccia (progressivo-progressivo) della schizofrenia paranoica si sviluppa all'inizio come continuo, ma si risolve rapidamente e il paziente può vivere una vita normale per diversi anni. Poi, dopo alcuni anni, la malattia ritorna, l'attacco si complica e si allunga nel tempo, ma si ferma di nuovo. Il paziente esce da ogni attacco con qualche perdita autistica. In precedenza, prima della scoperta dei neurolettici, un terzo o quarto attacco in un tale decorso portava allo stadio finale della malattia. Attualmente, la terapia farmacologica può ritardare e persino prevenire l'insorgenza del ritorno della malattia. In questa forma può verificarsi anche schizofrenia giovanile (catatonica, ebefrenica). È più favorevole e nei pazienti si forma un difetto intellettuale più piccolo rispetto a una forma a flusso continuo.

La schizofrenia ricorrente è uno sviluppo periodico di psicosi maniacali o depressive, dispiegate in misura maggiore o minore, con componenti deliranti, allucinanti, miste, pseudoallucinazioni nel quadro clinico. Mi ricorda la psicosi schizoaffettivo.

Gli attacchi maniacali sono stati eccitati con sintomi specifici della schizofrenia (eco di pensieri, deliri di influenza) fino allo sviluppo della catatonia uniroide.

Gli attacchi depressivi sono caratterizzati da umore depresso, disturbi del sonno, premonizioni di sventura, ansia con sintomi specifici di schizofrenia (deliri di persecuzione, avvelenamento, esposizione). Può svilupparsi uno stato stuporoso o oniroideo. Tali attacchi sono ben fermati dalle droghe, tuttavia, dopo la loro risoluzione, le capacità personali sono in qualche modo perse.

La schizofrenia lenta negli uomini può manifestarsi a qualsiasi età. All'inizio ha sintomi simili a quelli della nevrosi. Ora è classificato come disturbo schizotipico di personalità. La forma più lieve e meno progressiva della malattia sopra descritta e spesso non porta alla perdita intellettiva.

Non esiste una tale varietà come la schizofrenia latente negli uomini, perché finché la malattia è nascosta e né il paziente né l'ambiente ne sono consapevoli, non esiste. È impossibile diagnosticare una malattia mentale che è asintomatica.

Anche la schizofrenia alcolica negli uomini non è una definizione corretta. Come accennato in precedenza, gli schizofrenici sono inclini a bere alcolici, ma lo sviluppo della schizofrenia solo sulla base dell'alcolismo non è considerato possibile dalla medicina moderna, sebbene avvenga la degradazione dei neuroni cerebrali negli alcolisti cronici e lo sviluppo di sintomi simili alla psicosi schizofreniforme.

La forma più pericolosa della malattia è la forma ipertossica o febbrile della schizofrenia. È caratterizzato da un forte aumento, durante i primi cinque giorni, della temperatura corporea del paziente, senza connessione con lo stato somatico o la terapia antipsicotica, sullo sfondo dello sviluppo di psicosi acute con sintomi catatonici. Il paziente è ricoverato in ospedale e riceve cure di emergenza, poiché le sue condizioni rappresentano un rischio per la vita. La fase prefebbrile è caratterizzata da un'eccitazione pronunciata: il discorso dei pazienti è artificioso, incoerente, privo di significato, i movimenti sono impulsivi e innaturali. I pazienti sono esaltati, non chiudono la bocca, ma sono un po' confusi, spesso c'è una sindrome di spersonalizzazione/derealizzazione. A volte si osservano immediatamente i sintomi della catatonia. Dopo un aumento della temperatura, si unisce l'eccitazione catatonica, ebefrenica o lo stupore catatonico. I pazienti saltano, fanno una capriola, fanno smorfie, sputano, si spogliano, attaccano gli altri, in seguito arriva uno stupore negativistico con aumento del tono muscolare e / o oniroide.

Attualmente è stato sviluppato uno schema per il trattamento delle convulsioni febbrili della schizofrenia, che consente di ottenere una remissione pronunciata. In precedenza, la terapia antipsicotica standard era spesso fatale. Un attacco febbrile si manifesta principalmente con schizofrenia simile a una pelliccia, le successive esacerbazioni in un paziente di solito procedono con una temperatura normale.

Fasi

Come ogni malattia, la schizofrenia si sviluppa per fasi. Tuttavia, gli stadi nelle diverse forme della malattia sono espressi in varia misura e la loro durata non consente sempre di distinguerli chiaramente. Inoltre, c'è un periodo prodromico in cui il paziente non si sente ancora come tale, e altri lo considerano strano, capriccioso, incontrollabile, e se questo accade a un adolescente, allora tutti vengono cancellati come "età di transizione".

In uno stato pre-morboso, di solito si avverte un disagio interno inspiegabile, un dolore mentale, l'armonia dell'ambiente esterno e il mondo interiore del paziente è disturbata. Ma questi sentimenti non sono specifici. Sono tutti lì. Ciò influisce sul comportamento innaturale, è difficile comunicare con gli amici, con parenti e parenti. Una persona si sente speciale, non come gli altri. Egli "abbandona" la società e perde gradualmente il contatto con essa. La comunicazione con gli altri mette sempre più a dura prova il paziente e preferisce la solitudine. A volte dopo un tale periodo si verifica un esordio violento sotto forma di psicosi.

Ma spesso lo stadio iniziale della schizofrenia negli uomini è nascosto. È così che iniziano nell'adolescenza le forme più difficili da curare di schizofrenia giovanile continua, o un processo lento che spesso si manifesta anche negli adolescenti. Un sintomo precoce caratteristico può essere un comportamento completamente diverso, ad esempio a casa e in compagnia di estranei (a scuola, al lavoro, ecc.) - "divisione del comportamento". Tra i parenti, questa è una persona eloquente, pronta a parlare per ore su vari argomenti, discutere fino alla raucedine, difendere la sua opinione, a volte in modo aggressivo; in compagnia di sconosciuti, anche noti, cerca di “tenere la testa bassa”, tace, non gli si strappa una parola, è timido e schivo.

Nella fase iniziale, quando la malattia si impossessa di una persona, la percezione del mondo, l'autopercezione, la connessione di entrambi sono disturbate. Nella maggior parte dei casi compaiono deliri e allucinazioni, pensieri ossessivi. Questi sintomi si verificano spesso in modo intermittente, crescente e decrescente. Ciò influisce sul carattere della persona malata, cambia: c'è premura, riluttanza a comunicare, desiderio di solitudine. Domande dei propri cari come "Cosa è successo?" causare irritazione e persino aggressività. Tuttavia, spesso il paziente riesce a nascondere a lungo la crescente tensione emotiva.

Uno dei sintomi più tipici dell'esordio della schizofrenia è la freddezza e l'aggressività verso i propri cari, soprattutto verso la madre. A volte si forma un'illusione di "genitori stranieri": il paziente è sicuro di essere stato adottato, sostituito e da qualche parte i genitori "veri" lo cercano e aspettano, e di solito si presentano come persone influenti e benestanti.

Il prodromo e lo stadio della padronanza sono caratterizzati da un disordine delle pulsioni. Più evidenti sono la piromania, la cleptomania, il vagabondaggio, la propensione per uno stile di vita antisociale, le perversioni sessuali. Ma i disturbi dell'attrazione possono essere più raffinati, come la sindrome da binge reading, l'esplorazione della città, i percorsi dei trasporti pubblici e simili. Per il bene di tali hobby, tutte le cose necessarie vengono abbandonate e tutti i libri vengono letti di seguito senza un sistema e l'osservanza dei generi, oppure un adolescente cammina per la città / usa i mezzi pubblici tutto il giorno, facendo piani e disegni di un insediamento “ideale”, quasi lo stesso. Inoltre, di solito i pazienti non sono in grado di spiegare chiaramente né la natura delle loro attività né il significato di piani e schemi.

La fase successiva è l'adattamento. Il paziente è abituato alle voci, "accetta" le sue idee, è fiducioso nella sua esclusività, "talento" e così via. Si nasconde dai nemici, disegna, inventa, segue una moglie infedele, comunica con una mente aliena... Deliri e allucinazioni diventano all'ordine del giorno, due realtà, reali e illusorie, spesso convivono pacificamente nella mente del paziente. In molti casi, la malattia, che si sviluppa senza intoppi e senza psicosi acute, diventa chiaramente evidente solo in questa fase. Durante questo periodo i sintomi dolorosi sono chiaramente visibili, il comportamento del paziente sta già diventando stereotipato - accompagnato dalla ripetizione degli stessi movimenti, smorfie, gesti, parole o frasi (automatismi).

L'ultimo stadio è il degrado (esaurimento emotivo e ritardo mentale). La durata del periodo precedente varia a seconda del tipo di schizofrenia e della gravità del decorso. In alcuni casi lievi, non si verificano affatto gravi danni all'intelletto; nella schizofrenia maligna giovanile, il terzo stadio si verifica rapidamente. [11]

Complicazioni e conseguenze

La schizofrenia è una malattia mentale progressiva. Senza trattamento, porta alla perdita della capacità di vivere in modo indipendente. Il paziente perde gradualmente la capacità di studiare, lavorare e guadagnare, la capacità di esistere nella società è compromessa.

Gli uomini con schizofrenia spesso abbandonano la scuola, lavorano, iniziano a vagare, cadono sotto l'influenza di elementi asociali, sono inclini a disturbi delle pulsioni, in particolare - perversioni sessuali.

Circa la metà degli schizofrenici abusa di sostanze psicoattive, che aggravano il decorso della malattia, contribuiscono ad aumentare la frequenza di ricadute, atti suicidi e violenti e avvicinano lo sviluppo dell'impoverimento mentale generale e dell'autoisolamento. Nei pazienti che usano sostanze tossiche, aumenta la resistenza al trattamento, la probabilità di un esito favorevole diminuisce significativamente. Nella fase finale, l'alcolismo o l'uso di droghe possono interrompersi spontaneamente, tuttavia, ciò indica un aumento dell'autismo.

È più difficile per gli schizofrenici smettere di fumare, tra loro ci sono tre volte più fumatori che tra la popolazione mentalmente sana. Questa abitudine non solo ha un effetto dannoso sullo stato somatico del corpo, ma inibisce anche l'azione degli antipsicotici, motivo per cui i pazienti fumatori necessitano di dosi terapeutiche più elevate di farmaci, che sono irte di sviluppo di effetti collaterali.

Gli schizofrenici hanno molte più probabilità di essere pazienti traumatizzati rispetto alle persone mentalmente sane, le loro ferite sono generalmente più gravi e la loro mortalità è più alta.

I pazienti schizofrenici spesso si suicidano, in parte nelle fasi iniziali della malattia, quando sentono di perdere la ragione, in parte durante il periodo del disturbo delirante avanzato, ritenendosi indegni di vivere. A volte possono uccidere i loro cari per "migliori" intenzioni per "salvarli" dal tormento in arrivo, e poi suicidarsi, punindosi per questo.

Il pericolo sociale degli schizofrenici è molto esagerato. Tuttavia, c'è un rischio. Aumenta durante i periodi di esacerbazione, quando c'è un'alta probabilità di sviluppare agitazione psicomotoria.

Le conseguenze della malattia si riducono con il suo successivo debutto. Una posizione stabile nella società, elevate capacità professionali e attività sociale aumentano la probabilità di un esito favorevole del trattamento e il mantenimento dell'autosufficienza.

Diagnostica Schizofrenia negli uomini: cause, tipi, diagnosi, prognosi

La schizofrenia viene diagnosticata dalla presenza di alcuni sintomi clinici corrispondenti a questa malattia, sulla base dei reclami del paziente stesso, dei suoi parenti e delle osservazioni in ospedale. Inoltre, viene studiata una storia familiare, vengono effettuati studi di prova per valutare il livello di percezione mentale in un paziente. Il quadro clinico della malattia è piuttosto individuale e complesso, ma deve esserci sempre una violazione dell'unità del processo di pensiero, un fenomeno specifico della scissione della mente, presente in uno schizofrenico fin dall'inizio. Potrebbero non esserci sintomi produttivi, tuttavia, c'è un'assenza totale o parziale di connessioni associative e chiarezza di pensiero, capacità di pensieri e azioni intenzionali. Uno dei sintomi centrali è l'alienazione e la freddezza verso le persone più vicine, uno stato d'animo monotono, un aumento della passività e un graduale ritiro da tutte le sfere della vita attiva. Manifestazioni schizofreniformi dolorose dovrebbero persistere per almeno sei mesi. Le analisi e gli studi strumentali che confermano in modo affidabile la diagnosi di schizofrenia sono assenti e vengono effettuati per distinguere la schizofrenia da altre malattie in cui si osservano sintomi simili. [12]

Diagnosi differenziale

La diagnosi differenziale si effettua con nevrosi e disturbi di personalità (psicopatie), disturbo ossessivo-compulsivo e bipolare , in cui il paziente esce da un attacco senza alterazioni della personalità, ad es. Non c'è progressione inerente alla vera schizofrenia.

Ad esempio, il disturbo bipolare con decorso atipico assomiglia molto alla schizofrenia ricorrente ed entrambe le psicosi vengono rapidamente fermate dai farmaci, tuttavia l'uscita dalla fase affettiva del disturbo bipolare è caratterizzata da un completo ripristino di tutte le qualità personali del paziente, mentre gli schizofrenici uscire da un attacco maniaco-depressivo con perdite nella sfera emotivo-volitiva e rivelare alcuni cambiamenti: la socialità diminuisce, la cerchia delle conoscenze si restringe, una persona diventa più riservata, riservata.

Gli attacchi polimorfici acuti della schizofrenia si distinguono dalle psicosi infettive, traumatiche, post-ictus, da intossicazione. La schizofrenia si differenzia anche dall'epilessia, dalle lesioni cerebrali organiche e traumatiche, dalle conseguenze croniche dell'alcolismo e dalla tossicodipendenza. 

Chi contattare?

Trattamento Schizofrenia negli uomini: cause, tipi, diagnosi, prognosi

La schizofrenia negli uomini è curabile? No. Attualmente, una cura garantita non è possibile in pazienti di qualsiasi sesso ed età. Il rifiuto di assumere farmaci porta alla ripresa degli attacchi della malattia. Pertanto, i pazienti ricevono una terapia di mantenimento per tutta la vita. In molti casi, ciò consente di evitare le esacerbazioni per un lungo periodo e di condurre uno stile di vita di alta qualità. [13]

Leggi di più sul trattamento della schizofrenia negli uomini in questo articolo .

Prevenzione

Oggi non c'è ancora risposta alla domanda sull'origine della schizofrenia, quindi è impossibile determinare misure preventive. Puoi consigliare lo stile alimentare sopra menzionato, l'attività fisica, il rifiuto delle cattive abitudini.

Se una persona è già malata, tutto il trattamento si riduce alla prevenzione delle esacerbazioni. Molto dipende dal paziente stesso e dal suo ambiente, dalla sua capacità di riconoscere l'imminente esacerbazione in tempo e di agire, dalla sua disponibilità a sostenere e aiutare. [14]

Previsione

La medicina moderna dispone di un arsenale di farmaci psicotropi e altri metodi che consentono di mantenere uno standard di vita sociale abbastanza attivo per la maggior parte dei pazienti. La schizofrenia negli uomini spesso esordisce in tenera età ed è grave, ma anche in questo caso è difficile prevedere lo sviluppo degli eventi, sebbene in generale un esordio tardivo sia prognosticamente più favorevole, così come l'esordio sotto forma di psicosi acuta e sintomi evidenti con un'assistenza tempestiva. Le circostanze aggravanti sono l'abuso di alcol e/o la tossicodipendenza.

Tuttavia, si ritiene che, indipendentemente dalla gravità della malattia e dal tipo di decorso, il risultato del trattamento sia in gran parte determinato dalla scelta del paziente stesso, indipendentemente dal fatto che preferisca il mondo reale o quello illusorio. Se ha qualcosa a cui tornare nel mondo reale, tornerà.

Il lavoro per i pazienti con schizofrenia sembra essere un compito molto difficile, quasi impossibile, ma non lo è. Non stiamo parlando di persone che avevano già uno status sociale elevato, un lavoro e una certa autorità. Di solito tornano alle attività interrotte. [15]

In generale, la presenza del lavoro ha un effetto positivo sul benessere emotivo dei pazienti, aumenta la loro autostima e fiducia nel futuro, richiede tempo e li distrae dalle attività socialmente utili. Spesso le persone iniziano a lavorare part-time, per poi passare a un'occupazione a tempo pieno. Molto dipende dalle condizioni del paziente e dalla sua capacità di svolgere determinati lavori, di riprendere l'istruzione. Nella maggior parte dei casi, le persone con schizofrenia, durante la terapia antipsicotica di mantenimento, vivono una vita piena e realizzano il loro potenziale. Anche il supporto dei parenti in questo caso è inestimabile.

Translation Disclaimer: The original language of this article is Russian. For the convenience of users of the iLive portal who do not speak Russian, this article has been translated into the current language, but has not yet been verified by a native speaker who has the necessary qualifications for this. In this regard, we warn you that the translation of this article may be incorrect, may contain lexical, syntactic and grammatical errors.

You are reporting a typo in the following text:
Simply click the "Send typo report" button to complete the report. You can also include a comment.