^

Protezione antiossidante

, Editor medico
Ultima recensione: 20.11.2021
Fact-checked
х

Tutti i contenuti di iLive sono revisionati o verificati da un punto di vista medico per garantire la massima precisione possibile.

Abbiamo linee guida rigorose in materia di sourcing e colleghiamo solo a siti di media affidabili, istituti di ricerca accademici e, ove possibile, studi rivisti dal punto di vista medico. Nota che i numeri tra parentesi ([1], [2], ecc.) Sono link cliccabili per questi studi.

Se ritieni che uno qualsiasi dei nostri contenuti sia impreciso, scaduto o comunque discutibile, selezionalo e premi Ctrl + Invio.

Paradosso dell'ossigeno

Tutti sanno che l'ossigeno è essenziale per la vita, quindi tutti hanno paura della fame di ossigeno. Infatti, è impossibile vivere senza ossigeno, e anche una leggera diminuzione del contenuto di ossigeno nell'aria influenza istantaneamente la nostra salute e allo stesso tempo è pericolosa per gli esseri viventi (questo è il "paradosso dell'ossigeno"). Le stesse proprietà che lo rendevano così necessario lo rendevano pericoloso.

Tutte le creature aerobiche (che respingono l'ossigeno) ricevono energia ossidando le molecole organiche con l'ossigeno e tutte devono essere protette dall'alta capacità ossidante dell'ossigeno. A rigor di termini, l'ossidazione è la stessa combustione. Solo nel corpo, le sostanze "bruciano" gradualmente, a fasi, rilasciando energia in piccole porzioni. Se le molecole organiche bruciassero rapidamente, come il legno nel forno, la cellula morirebbe per shock termico. Dopo che la molecola è ossidata, cambia. Questa non è la molecola che era prima. Ad esempio, la polpa di legno viene ossidata in anidride carbonica e acqua nel processo di combustione del legno - si trasforma in fumo. La reazione di ossidazione può essere immaginata come la selezione di qualcosa. Ad esempio, se hai tolto il portafoglio per strada, allora sei stato "ossidato". In questo caso, colui che ha preso possesso del portafoglio, "recuperato". Nel caso delle molecole, la sostanza ossidante prende l'elettrone da un'altra sostanza e viene ripristinato. L'ossigeno è un ossidante molto forte. Gli ossidanti ancora più potenti sono i radicali liberi dell'ossigeno.

Radicali liberi

Un radicale libero è un frammento di una molecola che ha un'alta capacità di reattività. Il radicale dell'ossigeno manca di un elettrone e tende a prendere un elettrone da altre molecole. Quando ha successo, il radicale diventa una molecola e lascia il gioco, ma la molecola privata di un elettrone diventa radicale e si imbarca sulla via del furto.

Molecole che in precedenza erano inerte e ha reagito, e ora vengono a reazioni chimiche più stravaganti. Ad esempio, due molecole di collagene che diventano radicali liberi, di fronte alle radicali dell'ossigeno diventano così attivo che comunicano tra di loro per formare un dimero, mentre le normali fibre di collagene non sono in grado di comunicare tra loro. Collagene reticolato è meno elastica di collagene normale, e inoltre, non è disponibile per metalloproteinasi della matrice (enzimi che degradano il collagene vecchio, il suo posto è stato preso dalla nuova sintesi), così l'accumulo di collagene nella pelle dei dimeri porta alla comparsa di rughe e perdita di elasticità della pelle.

Nella molecola del DNA, i radicali possono diventare anche due parti di un singolo filamento di DNA - in questo caso possono comunicare tra loro, formando collegamenti incrociati all'interno di una molecola di DNA o tra due molecole di DNA. I crosslink e altri danni nelle molecole di DNA causano la morte delle cellule o la loro degenerazione del cancro. L'incontro di un radicale libero dell'ossigeno con molecole di enzimi non finisce in modo drammatico. Gli enzimi danneggiati non possono più controllare le trasformazioni chimiche e completare il set caotico nella cellula.

Ossidazione del perossido - che cos'è?

La conseguenza più grave dell'aspetto dei radicali liberi nella cellula è l'ossidazione del perossido. Il perossido è chiamato perché i suoi prodotti sono perossidici. Molto spesso, il meccanismo del perossido ossida gli acidi grassi insaturi, di cui sono composte le membrane delle cellule viventi. Allo stesso modo, la perossidazione può verificarsi in oli che contengono acidi grassi insaturi, e poi gli strappi di olio (i perossidi lipidici hanno un sapore amaro). Il pericolo di perossidazione è che scorre attraverso un meccanismo a catena, cioè i prodotti di questa ossidazione non sono solo i radicali liberi, ma anche i perossidi lipidici, che possono essere facilmente convertiti in nuovi radicali. Pertanto, la quantità di radicali liberi, e quindi il tasso di ossidazione, aumenta in modo valanga. I radicali liberi reagiscono con tutte le molecole biologiche che incontrano sulla strada, come proteine, DNA, lipidi. Se la valanga di ossidazione non si ferma, allora l'intero organismo può morire. Questo è ciò che accadrebbe a tutti gli organismi viventi nell'ambiente dell'ossigeno, se la natura non si occupasse di fornire loro una difesa potente - un sistema antiossidante.

Antiossidanti

Gli antiossidanti sono molecole in grado di bloccare le reazioni dell'ossidazione dei radicali liberi. Incontrandosi con un radicale libero, l'antiossidante dà volontariamente un elettrone e lo integra a una molecola piena. In questo caso, gli stessi antiossidanti diventano radicali liberi. Tuttavia, a causa delle peculiarità della struttura chimica dell'antiossidante, questi radicali sono troppo deboli per prendere un elettrone da altre molecole, quindi non sono pericolosi.

Quando l'antiossidante cede il suo elettrone all'ossidante e interrompe la sua processione distruttiva, si ossida e diventa inattivo. Per restituirlo allo stato di lavoro, deve essere ripristinato di nuovo. Pertanto, gli antiossidanti, come gli operatori esperti, di solito lavorano in coppia o in gruppi in cui possono supportare un compagno ossidato e ripristinarlo rapidamente. Ad esempio, la vitamina C ripristina la vitamina E e il glutatione ripristina la vitamina C. I migliori comandi antiossidanti si trovano nelle piante. Questo è facilmente spiegabile, dal momento che le piante non possono sfuggire e nascondersi da effetti dannosi e devono essere in grado di resistere. I più potenti sistemi antiossidanti sono piante che possono crescere in condizioni difficili: olivello spinoso, pino, abete e altri.

Un ruolo importante nel corpo è svolto dagli enzimi antiossidanti. Questa è una superossido dismutasi (SOD), catalasi e glutatione perossidasi. La SOD e la catalasi formano una coppia antiossidante che combatte i radicali liberi dell'ossigeno, impedendo loro di iniziare i processi di ossidazione della catena. Il glutatione perossidasi neutralizza i perossidi lipidici, rompendo così la perossidazione lipidica a catena. Per il lavoro della glutatione perossidasi, è necessario il selenio. Pertanto, gli integratori alimentari con selenio aumentano la difesa antiossidante del corpo. Molti composti possiedono proprietà antiossidanti nel corpo.

Nonostante la potente protezione antiossidante, i radicali liberi hanno ancora un effetto sufficientemente distruttivo sui tessuti biologici e in particolare sulla pelle.

La ragione di ciò sono fattori che aumentano drasticamente la produzione di radicali liberi nel corpo, il che porta a un sovraccarico del sistema antiossidante e allo stress ossidativo. Il più grave di questi fattori è la radiazione UV, ma un eccesso di radicali liberi può comparire nella pelle e a causa di infiammazione, esposizione a certe tossine o distruzione cellulare.

trusted-source[1], [2], [3], [4], [5], [6]

Antiossidanti nei cosmetici

Ora pochissime persone dubitano che la pelle debba essere protetta dai radicali liberi. Pertanto, gli antiossidanti sono diventati uno degli ingredienti più popolari nei cosmetici. Ma non tutte le creme con antiossidanti possono proteggere la nostra pelle. Disegnare un buon cocktail antiossidante è una questione delicata, è importante creare una miscela in cui diversi antiossidanti si ripristinino a vicenda.

È noto, per esempio, che la vitamina C ripristina la vitamina E, ma creare una composizione cosmetica in cui questa coppia antiossidante lavorerà insieme non è così semplice. La vitamina E è liposolubile e la vitamina C è solubile in acqua, quindi in una cellula vivente eseguono complessi trucchi acrobatici, incontrandosi ai confini della membrana e del citoplasma. Inoltre, l'acido ascorbico è molto difficile da introdurre nelle composizioni cosmetiche, poiché si rompe facilmente. Attualmente vengono utilizzati derivati dell'acido ascorbico più stabili. Ad esempio, ascorbil palmitato - liposolubile, stabile, conveniente da includere nella formulazione durante la preparazione. Nella pelle, il palmitato (acido grasso) viene scisso dagli enzimi ascorbil palmitato e l'acido ascorbico, che ha un'attività biologica, viene rilasciato. Vengono anche utilizzati due altri derivati: ascorbilfosfato di magnesio e sodio ascorbil fosfato. Entrambi i composti sono solubili in acqua e hanno una buona stabilità chimica. Un modo per creare creme efficaci contenenti sia vitamina C che vitamina E è usare i liposomi. In questo caso, la vitamina C viene posta in un mezzo acquoso all'interno dei liposomi e la vitamina E viene inserita nel guscio grasso dei liposomi.

L'acido ascorbico, che viene così rapidamente distrutto nelle creme cosmetiche, viene conservato in frutta e verdura. Lo stesso vale per altri antiossidanti. Ciò significa che i cocktail antiossidanti delle piante sono fatti meglio di tutte le miscele artificiali di antiossidanti.

In effetti, una serie di sostanze antiossidanti nelle piante è molto più ricca rispetto ai tessuti animali e umani. Oltre alle vitamine C ed E, le piante contengono carotenoidi e flavonoidi (polifenoli). La parola "polifenolo" è usata come nome generico generico per sostanze aventi almeno due gruppi ossidrilici adiacenti nell'anello benzenico. Grazie a questa struttura, i polifenoli possono fungere da trappola per i radicali liberi. I polifenoli stessi sono stabili in questo caso entrando nella reazione di polimerizzazione. I flavonoidi hanno una forte proprietà antiossidanti, e, inoltre, supportano attiva e di protezione contro la distruzione delle vitamine C ed E. Dal momento che la necessità di combattere i radicali liberi affrontate da tutte le piante, non v'è tale un estratto vegetale che non presenta proprietà antiossidanti ( quindi è utile mangiare verdure e frutta). Eppure ci sono piante che contengono i kit antiossidanti di maggior successo.

Diversi anni fa è stato dimostrato che il consumo regolare di tè verde riduce significativamente il rischio di tumori maligni. Gli scienziati che hanno fatto questa scoperta sono stati così scioccati da lui che da allora hanno iniziato a bere diverse tazze di tè verde al giorno. Non sorprendentemente, l'estratto di tè verde è diventato uno dei più popolari antiossidanti a base di erbe nei cosmetici. L'effetto antiossidante più pronunciato è posseduto da polifenoli purificati di tè verde. Proteggono la pelle dagli effetti nocivi delle radiazioni UV, hanno un effetto radioprotettivo, eliminano l'irritazione della pelle causata dall'azione di sostanze chimiche dannose. È stato trovato che i polifenoli del tè verde inibiscono l'enzima ialuronidasi, a causa dell'aumentata attività di cui diminuisce la quantità di acido ialuronico nell'invecchiamento cutaneo. Pertanto, il tè verde è raccomandato per la somministrazione nei rimedi per l'invecchiamento della pelle.

Recentemente, gli scienziati hanno fatto molte scoperte interessanti, analizzando le statistiche delle malattie cardiovascolari e oncologiche in vari paesi. Ad esempio, si è scoperto che le popolazioni mediterranee, che consumano molto olio d'oliva, non sono molto sensibili alle malattie oncologiche e la cucina orientale è un'eccellente protezione contro le malattie cardiovascolari e i tumori ormono-dipendenti. Poiché i radicali liberi svolgono un ruolo importante nello sviluppo di tumori e malattie cardiovascolari, osservazioni simili hanno permesso agli scienziati di scoprire molti nuovi antiossidanti.

Ad esempio, è noto che una bella Francia, che assorbe quotidianamente quantità straordinarie di vino, ha statistiche molto favorevoli sulle malattie cardiovascolari e oncologiche. C'è stato un tempo in cui gli scienziati hanno spiegato il "paradosso francese" degli effetti benefici delle piccole dosi di alcol. Poi si è scoperto che il colore rubino dei vini rossi nobili è spiegato dall'elevato contenuto di flavonoidi in essi contenuti - i più forti antiossidanti naturali.

Oltre ai flavonoidi, che si possono trovare in altre piante, le uve rosse contengono un resveratrolo composto unico, che è un potente antiossidante, previene lo sviluppo di alcuni tumori, l'aterosclerosi, rallenta l'invecchiamento della pelle. Alcuni scienziati, intrisi di fede nelle proprietà medicinali del vino, raccomandano di bere fino a 200-400 ml di vino rosso al giorno. È vero, prima di seguire questa raccomandazione, si dovrebbe tener conto che in questo caso intendiamo un vino di altissima qualità, ottenuto per fermentazione di succo d'uva puro e non surrogato.

La vitamina E, che rimane l'antiossidante più importante, può anche essere introdotta nei cosmetici non nella sua forma pura, ma negli oli vegetali. Un sacco di vitamina E si trova negli oli: soia, mais, avocado, borragine, uva, nocciola, germe di grano, crusca di riso.

trusted-source[7], [8], [9], [10]

Di quanti antiossidanti hai bisogno?

La domanda sorge spontanea: se gli antiossidanti sono così utili, non è necessario iniettarli nei cosmetici in alte concentrazioni? Risulta che la formula "il più, il migliore" per gli antiossidanti non funziona e, al contrario, sono più efficaci a concentrazioni sufficientemente basse.

Quando gli antiossidanti sono troppi, si trasformano nel loro opposto: diventano proossidanti. Quindi, sorge un altro problema: la pelle ha sempre bisogno di antiossidanti aggiuntivi o se l'aggiunta di antiossidanti eccessivi può disturbare l'equilibrio naturale della pelle? Gli scienziati ne discutono parecchio, e non c'è una chiarezza finale su questo problema. Ma si può sicuramente dire che nella crema da giorno, che non penetra nello strato corneo, sono necessari antiossidanti. In questo caso, svolgono il ruolo di uno scudo che riflette gli attacchi esterni. È sempre utile applicare agli oli naturali della pelle che contengono antiossidanti in concentrazioni regolate con precisione, così come consumare verdure fresche e frutta o anche bere un bicchiere di buon vino rosso.

Applicazione creme nutrienti azione antiossidante è giustificata nel caso in cui il carico sul sistema pelle antiossidante naturale aumenta bruscamente comunque preferibile applicare creme che contengono composizione antiossidante naturale - estratti vegetali bioflavonoidi ricca di vitamina C, oli naturali contenenti vitamina E e carotenoidi .

Gli antiossidanti sono efficaci?

Tra gli scienziati, c'è ancora dibattito sul fatto che l'utilità degli antiossidanti non sia esagerata, e se i cosmetici con antiossidanti siano davvero utili per la pelle. Viene mostrato solo l'effetto protettivo immediato degli antiossidanti - la loro capacità di ridurre i danni alla pelle mediante radiazioni UV (ad esempio, per prevenire le scottature solari), per prevenire o ridurre la risposta infiammatoria. Pertanto, gli antiossidanti sono indubbiamente utili nelle composizioni per la protezione solare, nelle creme da giorno e anche nei prodotti usati dopo vari danni alla pelle, come la rasatura, il peeling chimico, ecc. Meno confidenza tra gli scienziati è che, applicando regolarmente antiossidanti, si può davvero rallentare l'invecchiamento. Tuttavia, questa possibilità non può essere negata. È importante capire che l'efficacia degli antiossidanti dipende da quanto bene il cocktail antiossidante è composto correttamente, la sola presenza di nomi antiossidanti nella ricetta non significa ancora che il rimedio sarà efficace.

trusted-source[11], [12], [13], [14], [15], [16], [17], [18]

Translation Disclaimer: The original language of this article is Russian. For the convenience of users of the iLive portal who do not speak Russian, this article has been translated into the current language, but has not yet been verified by a native speaker who has the necessary qualifications for this. In this regard, we warn you that the translation of this article may be incorrect, may contain lexical, syntactic and grammatical errors.

You are reporting a typo in the following text:
Simply click the "Send typo report" button to complete the report. You can also include a comment.