^

Salute

Biopsia del linfonodo

, Editor medico
Ultima recensione: 05.05.2022
Fact-checked
х

Tutti i contenuti di iLive sono revisionati o verificati da un punto di vista medico per garantire la massima precisione possibile.

Abbiamo linee guida rigorose in materia di sourcing e colleghiamo solo a siti di media affidabili, istituti di ricerca accademici e, ove possibile, studi rivisti dal punto di vista medico. Nota che i numeri tra parentesi ([1], [2], ecc.) Sono link cliccabili per questi studi.

Se ritieni che uno qualsiasi dei nostri contenuti sia impreciso, scaduto o comunque discutibile, selezionalo e premi Ctrl + Invio.

Per comprendere le cause dei linfonodi ingrossati, è necessario condurre una serie di studi diagnostici. Il metodo diagnostico più informativo e comune è attualmente considerato una biopsia del linfonodo. Questa è una procedura durante la quale un pezzo di biomateriale viene rimosso per ulteriori ricerche.

Nel corpo umano, i linfonodi svolgono il ruolo di una sorta di stazioni di filtraggio che attraggono e neutralizzano i patogeni. Quando gli agenti patogeni entrano nel nodo, aumenta, il che è anche caratteristico delle reazioni infiammatorie o dei processi maligni. Per capire che tipo di patologia si verifica nel collegamento linfatico ed eseguire una procedura come una biopsia. [1]

Qual è la differenza tra una puntura e una biopsia dei linfonodi?

L'analisi istologica è prescritta per la diagnosi di molte patologie, poiché aiuta con successo a determinare il tipo di processo patologico, identificarne la fase, differenziare il tumore, ecc. Spesso è questo studio che consente di stabilire con precisione la diagnosi e prescrivere il trattamento corretto.

I linfonodi sono i principali collegamenti del sistema immunitario del corpo. Questi sono "magazzini" di tessuto specifico che assicura la maturazione dei linfociti T e B, forma plasmacellule che producono anticorpi e purifica anche la linfa. I batteri e le particelle estranee vengono filtrate attraverso il flusso linfatico nei linfonodi. Con il loro eccesso si attiva il meccanismo di difesa dell'organismo, si producono immunoglobuline e si forma la memoria cellulare. Tutte queste reazioni sono parte integrante dell'immunità, l'eliminazione di agenti infettivi e maligni.

Tale protezione normalmente funziona sempre e la persona stessa potrebbe non essere consapevole che tali reazioni si verificano nel suo corpo. Solo con un attacco massiccio o con un calo dell'immunità, i nodi possono aumentare, può apparire dolore. Tuttavia, nella maggior parte dei pazienti, tutto torna alla normalità dopo pochi giorni.

Se diversi gruppi di linfonodi aumentano contemporaneamente, lo stato di salute del paziente peggiora bruscamente, la temperatura aumenta, compaiono altri segni dolorosi, quindi in una situazione del genere è necessaria una diagnosi, inclusa una biopsia o una puntura del linfonodo. Spesso questi concetti sono presi come sinonimi, ma questo non è del tutto vero.

Se parlano di una puntura, che comporta la raccolta di un segreto liquido con cellule per un ulteriore esame citologico, viene solitamente utilizzato il termine "puntura". Si parla di biopsia se comporta l'asportazione di gran parte del biomateriale con successiva analisi istologica.

La puntura è una procedura minimamente invasiva, con ago sottile, praticamente indolore. Una biopsia linfonodale richiede un intervento più traumatico, spesso con un bisturi. Tuttavia, esiste anche il concetto di "biopsia puntura", in cui il nodo viene perforato con un dispositivo ad ago più spesso, che consente di selezionare la quantità di tessuto richiesta.

Indicazioni per la procedura

Quando si diagnosticano patologie linfoproliferative e maligne, è importante non solo confermare la diagnosi morfologicamente, ma anche dettagliarla mediante citologia e istologia. Informazioni simili possono essere ottenute con l'aiuto della puntura e della biopsia del linfonodo.

La puntura viene utilizzata come manipolazione diagnostica approssimativa. La puntura non è adatta per determinare la patologia linfoproliferativa: è necessaria una biopsia (asportazione o puntura), con ulteriore esame citologico e istologico della biopsia.

Le indicazioni per la puntura possono essere:

  • un linfonodo singolo ingrossato, senza conglomerati formati e senza segni di patologia linfoproliferativa;
  • Segni ecografici di formazione di liquidi;
  • la necessità di rimuovere il biomateriale per un esame ausiliario dopo aver eseguito una biopsia.

Una biopsia linfonodale è una procedura chirurgica eseguita in anestesia locale o generale. Come risultato della procedura, si ottiene una particella del collegamento linfatico o l'intero nodo per ulteriori ricerche. L'analisi microscopica è la chiave per una diagnosi accurata e corretta.

Le principali indicazioni per una biopsia sono:

  • alti rischi di sviluppare un processo tumorale in base alle informazioni cliniche;
  • linfoadenopatia di origine sconosciuta (tutti i metodi diagnostici coinvolti non hanno aiutato a fare una diagnosi);
  • mancanza di efficacia della terapia.

È impossibile dire esattamente a quale dimensione di un linfonodo è obbligatoria una biopsia. Tuttavia, la maggior parte degli esperti ritiene che un linfonodo più grande di 30 mm, e questo non è associato a un processo infettivo, richieda una biopsia.

A volte uno studio bioptico non è sufficiente: al paziente vengono prescritte procedure ripetute. Ciò è possibile se durante la biopsia precedente sono state rilevate più alterazioni istologiche:

  • necrosi del linfonodo;
  • istiocitosi sinusale;
  • sclerosi;
  • risposta paracorticale con presenza di un gran numero di macrofagi e plasmacellule.

Preparazione

La fase preparatoria prima di una biopsia linfonodale può includere la consultazione di un medico generico, chirurgo, endocrinologo, anestesista, oncologo ed ematologo. È obbligatorio eseguire un esame del sangue generale e biochimico, uno studio del sistema di coagulazione del sangue.

Viene prescritto un esame ecografico per chiarire la posizione del focus patologico.

Il medico conduce una conversazione con il paziente in anticipo:

  • chiarisce lo stato allergico;
  • riceve informazioni sui farmaci assunti;
  • nelle donne chiarisce la fase del ciclo mestruale ed esclude la possibilità di una gravidanza.

Se il paziente assume farmaci che fluidificano il sangue, vengono cancellati 7-10 giorni prima della biopsia.

Se la procedura verrà eseguita in anestesia generale, la preparazione viene eseguita con maggiore attenzione:

  • è vietato mangiare e bere il giorno dell'intervento;
  • la cena della vigilia dovrebbe essere il più leggera possibile, con l'utilizzo di cibi prevalentemente di origine vegetale facilmente digeribili;
  • 2-3 giorni prima dell'intervento, non dovresti assumere alcolici, è indesiderabile fumare;
  • la mattina successiva, prima di procedere alla biopsia, il paziente deve fare la doccia senza l'uso di lozioni e creme per il corpo.

Tecnica biopsia linfonodale

Una biopsia dei linfonodi superficiali è solitamente di breve durata: per molti pazienti, la procedura viene completata in circa 20 minuti. Di solito viene utilizzata l'anestesia locale, sebbene la puntura sia generalmente considerata indolore. Se viene utilizzato il controllo a ultrasuoni, il medico, utilizzando un sensore a ultrasuoni, specifica la posizione della struttura dolorosa, inserisce un segno speciale, che si riflette sul monitor. La pelle nella zona della puntura viene trattata con un antisettico, quindi con un anestetico o viene iniettato un anestetico. Il paziente è sdraiato sul lettino orizzontalmente o è in posizione seduta. Se viene eseguita una biopsia nel collo, viene fissata in un modo speciale e al paziente viene spiegata la necessità di non eseguire temporaneamente i movimenti di deglutizione. Il paziente deve rimanere completamente immobile durante la biopsia.

Dopo aver prelevato la quantità richiesta di materiale biologico, la zona di puntura viene trattata con un antisettico. Potrebbe essere consigliabile applicare un impacco secco freddo per mezz'ora.

Non c'è bisogno di una lunga permanenza in clinica, né di ricoverare il paziente in ospedale: può tornare a casa da solo se non ci sono altri motivi per trattenerlo. Per la prima volta dopo la procedura, è importante evitare l'attività fisica.

Se è necessaria una biopsia del sito profondo, potrebbe essere necessaria l'anestesia generale. In una situazione del genere, il paziente dopo la diagnosi non viene mandato a casa, ma rimane in clinica, da alcune ore a 1-2 giorni.

Una biopsia aperta richiede uno speciale set di strumenti: oltre a un bisturi, si tratta di morsetti, un apparato di coagulazione e materiali per la sutura. Questo intervento dura fino a 60 minuti. Il medico seleziona il linfonodo necessario per la biopsia, lo fissa con le dita, quindi esegue un'incisione nella pelle di 4-6 cm, seziona lo strato di grasso sottocutaneo, spinge le fibre muscolari, la rete dei nervi e i vasi sanguigni. Se è necessario rimuovere uno o più nodi durante una biopsia, il chirurgo fascia preliminarmente i vasi per prevenire emorragie, perdite linfatiche e diffusione delle cellule tumorali (se stiamo parlando di un processo maligno). Dopo aver rimosso i linfonodi, il medico li invia per l'esame, conduce ancora una volta un audit della ferita e sutura le incisioni. In alcuni casi viene lasciato un dispositivo drenante, che viene rimosso dopo 24-48 ore. La rimozione delle suture viene eseguita entro una settimana. [2]

Come viene eseguita una biopsia linfonodale?

L'esecuzione di una biopsia in un particolare linfonodo può avere le sue caratteristiche, che dipendono dalla posizione, dalla profondità della struttura, nonché dalla presenza di organi vitali e grandi vasi vicino al collegamento danneggiato.

  • Una biopsia del linfonodo del collo può essere prescritta per problemi otorinolaringoiatrici e dentali, le cause più comuni di linfoadenopatia. Se la linfoadenopatia ha un'origine poco chiara, viene prescritta prima l'ecografia e solo dopo, se necessario, una biopsia. I linfonodi aumentano nei tumori maligni, poiché le cellule tumorali penetrano nei vasi linfatici che drenano un'area separata. In futuro, queste cellule si depositano nei nodi del filtro, come le metastasi, e iniziano a svilupparsi. Spesso in oncologia, la sconfitta dei linfonodi si verifica "lungo la catena", che è perfettamente determinata dal sondaggio. La biopsia del collo può essere eseguita sia mediante puntura dell'ago con rimozione del materiale, sia mediante accesso operatorio con rimozione completa del collegamento per l'analisi istologica.
  • Una biopsia del linfonodo sentinella per il melanoma viene eseguita in modo simile a una biopsia per il cancro al seno. Se ci sono informazioni sulla metastasi a organi e linfonodi distanti, l'esecuzione di una biopsia è considerata inutile. In assenza di metastasi, è necessaria una biopsia del linfonodo sentinella. Di solito viene eseguita dopo la rimozione del melanoma stesso. È possibile visualizzare il linfonodo utilizzando vari metodi radiologici.
  • Viene eseguita una biopsia del linfonodo ascellare con il paziente in posizione seduta, che alza il braccio e lo riporta leggermente indietro. Molto spesso, questa procedura viene eseguita con una lesione della ghiandola mammaria: la linfa scorre attraverso i vasi fino ai nodi situati sotto l'ascella sullo stesso lato. Tali linfonodi formano una specie di catena nodale ascellare. La sua sconfitta gioca un ruolo importante nella pianificazione di un regime di trattamento per la patologia mammaria. Lo studio è appropriato anche per il melanoma o il carcinoma a cellule squamose dell'arto superiore, con malattia di Hodgkin. [3]
  • Una biopsia dei linfonodi inguinali viene eseguita dalla posizione del paziente sdraiato sul lettino, la gamba (destra o sinistra, a seconda del lato della lesione) viene retratta di lato. Tale studio è più spesso prescritto per sospetti processi tumorali (cancro dei testicoli, vulva, cervice, prostata, vescica, retto) o se non è possibile scoprire la causa della linfoadenopatia in altri modi (ad esempio con linfogranulomatosi o infezioni da HIV).
  • Una biopsia del linfonodo sopraclavicolare è sempre causata da sospetti di patologie abbastanza gravi: in molti casi si tratta di tumori - metastasi di cancro o linfoma situati nel torace o nella cavità addominale. Il linfonodo sopraclavicolare sul lato destro può farsi sentire nei processi tumorali del mediastino, dell'esofago, del polmone. La linfa degli organi intratoracici e della cavità addominale si avvicina al linfonodo sul lato sinistro. Le malattie infiammatorie possono anche causare linfoadenopatie sopraclavicolari, ma questo accade molto meno frequentemente.
  • Viene eseguita una biopsia del linfonodo mediastinico nell'area di proiezione del terzo superiore della regione tracheale intratoracica, dal bordo superiore dell'arteria succlavia o dell'apice polmonare al punto di intersezione del bordo superiore della vena brachiocefalica sinistra e la linea tracheale media. Le indicazioni più comuni per la biopsia del linfonodo mediastinico sono le neoplasie linfoproliferative, la tubercolosi e la sarcoidosi.
  • Una biopsia di un linfonodo nel polmone è una procedura comune per cancro, tubercolosi e sarcoidosi. Spesso la linfoadenopatia diventa l'unico segno di patologia, poiché molte malattie polmonari sono asintomatiche. In ogni caso, prima di stabilire una diagnosi definitiva, il medico deve eseguire una biopsia e ottenere informazioni istologiche.
  • Una biopsia dei linfonodi addominali è prescritta per sospetti processi tumorali nel tratto gastrointestinale, negli organi degli organi riproduttivi femminili e maschili e nel sistema urinario. Spesso, con l'epatosplenomegalia si notano linfonodi addominali ingrossati. Viene eseguita una biopsia sia per la diagnosi primaria che differenziale. Un gran numero di linfonodi nella cavità addominale si trova parietale lungo il peritoneo, lungo i vasi, nel mesentere e lungo l'intestino, vicino all'omento. Il loro aumento è possibile con danni allo stomaco, fegato, intestino, pancreas, utero, appendici, prostata, vescica.
  • Una biopsia del linfonodo sottomandibolare può essere prescritta per patologie dei denti, gengive, guance, regione laringea e faringe, se non è possibile trovare la causa della linfoadenopatia, nonché se si sospettano metastasi del processo canceroso o linfoma.
  • Una biopsia per il cancro dei linfonodi viene eseguita in assenza di metastasi a organi e linfonodi distanti. In caso contrario, la procedura è considerata priva di significato per il paziente. Se non ci sono metastasi a distanza, procedono, prima di tutto, allo studio del primo della catena, il linfonodo "sentinella".
  • Una biopsia del linfonodo retroperitoneale è appropriata per i processi maligni nell'area genitale maschile e femminile. Circa il 30% dei pazienti già al primo stadio del cancro presenta metastasi microscopiche nei linfonodi, che non possono essere determinate mediante tomografia computerizzata o marker. Di norma, viene eseguita una biopsia dal lato in cui si trovava il focus del tumore primario. La procedura viene solitamente eseguita come parte di una linfoadenectomia retroperitoneale.
  • Una biopsia dei linfonodi intratoracici è uno studio obbligatorio per il sospetto cancro dei polmoni, dell'esofago, del timo, della mammella, del linfoma e della linfogranulomatosi. Nei nodi del mediastino possono diffondersi anche metastasi dalla cavità addominale, dal bacino, dallo spazio retroperitoneale (reni, ghiandole surrenali) in fasi avanzate.
  • La biopsia dei linfonodi paratracheali viene spesso eseguita in pazienti con cancro ai polmoni. I linfonodi paratracheali si trovano tra i linfonodi mediastinici superiori e tracheobronchiali. Nel processo tumorale primario sullo stesso lato, sono divisi come ipsilaterali e, in assenza di un tumore primario, come controlaterali.

Il liquido linfatico scorre attraverso i vasi corrispondenti. Se le cellule tumorali vi entrano, si trovano, prima di tutto, nel primo linfonodo della catena. Questo primo nodo è chiamato sentinella o nodo segnale. Se le cellule tumorali non si trovano nel linfonodo sentinella, i nodi successivi dovrebbero in teoria essere sani.

Tipi di biopsie

Esistono diversi tipi di biopsia dei linfonodi, che dipendono dalla tecnica di rimozione del biomateriale. Alcuni tipi di procedure vengono eseguiti in più fasi: prima viene eseguita una puntura dell'ago e quindi un intervento aperto, se la puntura non è stata sufficiente per la diagnosi. È necessario un metodo di biopsia aperta se il risultato della citologia si è rivelato incerto, dubbio, approssimativo.

  • La biopsia aperta del linfonodo è l'opzione più complessa e invasiva per tale diagnosi. Durante la procedura viene utilizzato un bisturi e viene selezionato l'intero nodo per la ricerca e non solo una parte di esso. Un tale intervento è spesso l'unico corretto se si sospettano processi maligni.
  • La biopsia della puntura del linfonodo è una procedura relativamente delicata e indolore che non causa molto disagio ai pazienti. Durante la diagnosi viene utilizzato un mandrin, che svolge il ruolo di uno stiletto. Con l'aiuto di un mandrin, la quantità necessaria di biomateriale viene tagliata e catturata. La biopsia dell'ago prevede l'uso dell'anestesia locale, non richiede che il paziente sia ricoverato in ospedale.
  • La biopsia del linfonodo escissionale è un termine spesso applicato a una biopsia aperta eseguita in anestesia generale. Il nodo interessato viene rimosso attraverso un'incisione.
  • La biopsia di Trepan del linfonodo prevede l'uso di uno speciale ago grande con tacche che consentono di rimuovere una particella di tessuto della dimensione richiesta.
  • Una biopsia con ago sottile di un linfonodo è chiamata biopsia di aspirazione: prevede l'uso di un dispositivo ad ago cavo sottile. Di solito, il nodo viene sondato e perforato: se ciò non è possibile, viene utilizzato il controllo ad ultrasuoni. Di norma, viene prescritta una biopsia con ago sottile se è necessario studiare i linfonodi sottomandibolari o sopraclavicolari, se vengono rilevate metastasi di strutture linfoidi.

Biopsia dei linfonodi sotto controllo ecografico

Attualmente, gli esperti considerano la procedura di puntura mirata, o la cosiddetta "biopsia ecoguidata", la tecnica più accettabile per la biopsia dei linfonodi.

Stiamo parlando del processo di rimozione di un campione di biomateriale, che viene eseguito sotto supervisione ecografica: di conseguenza, la posizione e l'inserimento dell'ago di puntura vengono eseguiti in modo più accurato e sicuro. Questo è estremamente importante per il medico, poiché spesso un linfonodo sospetto si trova nei tessuti profondi vicino agli organi vitali o è piccolo, il che complica notevolmente la procedura.

L'osservazione ecografica aiuta a inserire lo strumento con precisione nella posizione richiesta, senza il rischio di danni ai tessuti e agli organi adiacenti. Di conseguenza, il rischio di complicanze è ridotto al minimo.

In che modo viene visualizzata la zona richiesta, il medico determina. Un ulteriore vantaggio della tecnica non è solo la sicurezza, ma anche la sua economicità: non sono necessarie apparecchiature ultramoderne e costose.

Una biopsia con ultrasuoni è particolarmente raccomandata se è necessario esaminare non solo la struttura interessata, ma anche scoprire le peculiarità della circolazione sanguigna vicino ad essa. Questo approccio eviterà lesioni ai vasi sanguigni, escluderà il rilascio di sangue nel tessuto.

Per la procedura vengono utilizzati aghi speciali con sensori finali. Questo semplice dispositivo aiuta a monitorare chiaramente la posizione dell'ago e il suo andamento.

Il periodo di recupero dopo tale intervento è più rapido e confortevole per il paziente. [4]

Controindicazioni alla procedura

Prima di sottoporre il paziente a una biopsia del linfonodo, il medico prescriverà una serie di studi e test necessari per escludere controindicazioni a questa procedura. La diagnosi preliminare di base è un esame del sangue generale e una valutazione della qualità della coagulazione. Una biopsia non viene eseguita con tendenza al sanguinamento, ad esempio nei pazienti affetti da emofilia, poiché i vasi possono essere danneggiati durante l'intervento.

La biopsia del linfonodo è controindicata in caso di processi purulenti nell'area della puntura. Non è desiderabile eseguire la procedura per donne in gravidanza o in allattamento, nonché durante il sanguinamento mestruale.

In generale, gli esperti distinguono il seguente elenco di controindicazioni:

  • violazioni del sistema di coagulazione del sangue (disturbi congeniti, acquisiti o temporanei, ovvero associati all'assunzione di farmaci appropriati che fluidificano il sangue);
  • conta piastrinica inferiore a 60 mila per µl;
  • il livello di emoglobina è inferiore a 90 g/litro;
  • INR maggiore di 1,5;
  • tempo di protrombina che supera la norma di 5 secondi;
  • processi infettivi e infiammatori nell'area della biopsia;
  • sanguinamento mensile nelle donne il giorno della procedura;
  • patologie croniche scompensate;
  • trattamento con farmaci antinfiammatori non steroidei durante l'ultima settimana.

Prestazione normale

L'esame microscopico della biopsia linfonodale di un paziente è considerato il più importante nell'aspetto diagnostico delle patologie oncologiche, aiuta a valutare la qualità della terapia farmacologica.

L'istologia dei linfonodi è un intervento chirurgico minore, durante il quale un piccolo pezzo di tessuto viene portato via per ulteriori ricerche. Con l'aiuto di una biopsia del linfonodo, gli specialisti possono studiare le caratteristiche della sua struttura, rilevare anomalie dolorose e notare i segni di una reazione infiammatoria.

Il linfonodo è l'anello di base del sistema di difesa del corpo, che è l'elemento di collegamento tra i vasi linfatici. I linfonodi consentono di superare l'invasione infettiva producendo leucociti - cellule del sangue specifiche. Nel nodo, un'infezione microbica e virale, vengono catturate le cellule maligne.

Una biopsia del linfonodo aiuta a identificare la presenza di cellule atipiche, a determinare le specifiche del processo infiammatorio infettivo, i tumori benigni e le patologie purulente. La biopsia viene eseguita più spesso nelle regioni inguinale, ascellare, mandibolare e dietro l'orecchio.

Una biopsia è prescritta per i pazienti che hanno bisogno di scoprire il tipo di processo tumorale, soprattutto se si sospetta una patologia maligna. Spesso, la diagnostica viene prescritta per determinare le malattie infettive.

I risultati di una biopsia del linfonodo

Dopo aver esaminato la biopsia (materiale ottenuto dalla biopsia del linfonodo) e aver rilevato particelle di patologia, gli specialisti iniziano a contare le strutture cellulari e visualizzano un linfoadenogramma. A tale scopo viene utilizzato un metodo di osservazione microscopica ad immersione, che consente di differenziare almeno mezzo migliaio di cellule e calcolarne la presenza percentuale.

Questi linfoadenogrammi sono estremamente necessari e preziosi per la diagnosi di una forma aspecifica di linfoadenite.

Norma dei risultati del linfoadenogramma:

Contenuto dei tipi cellulari rilevanti

Percentuale

Linfoblasti

Da 0,1 a 0,9

Prolinfociti

5.3-16.4

Linfociti

Da 67,8 a 90

Cellule reticolari

Da 0 a 2,6

Cellule plasmatiche

Da 0 a 5,3

Monociti

Da 0,2 a 5,8

Mastociti

Da 0 a 0,5

Granulociti neutrofili

Da 0 a 0,5

Granulociti eosinofili

Da 0 a 0,3

Granulociti basofili

Da 0 a 0,2

Nel materiale biologico prelevato durante la biopsia del linfonodo sono presenti prevalentemente linfociti maturi con prolinfociti. Il loro numero totale può variare dal 95 al 98% di tutte le strutture cellulari.

La linfoadenite reattiva si manifesta con un aumento del numero di cellule reticolari, il rilevamento di macrofagi e immunoblasti.

Nella linfoadenite acuta si osserva un aumento del numero di macrofagi e neutrofili.

Complicazioni dopo la procedura

Di solito una biopsia diagnostica dei linfonodi passa senza alcuna difficoltà. Solo in alcuni casi si sviluppano complicazioni:

  • sanguinamento dovuto a danno vascolare accidentale durante la biopsia;
  • secrezione di linfa dalla ferita;
  • parestesia, violazione della sensibilità dell'area di intervento;
  • infezione associata all'ingresso di un agente infettivo, in particolare durante la procedura;
  • disturbi trofici associati a lesioni meccaniche delle strutture nervose.

Alcuni pazienti possono avere ridotta coscienza, vertigini, debolezza. La condizione dovrebbe tornare alla normalità entro 1-2 giorni.

Sintomi pericolosi che richiedono cure mediche urgenti:

  • febbre, febbre;
  • la comparsa di un dolore forte, pulsante e crescente nell'area della biopsia del linfonodo;
  • scarico di sangue o pus dalla ferita;
  • arrossamento, gonfiore del sito della biopsia.

Conseguenze dopo la procedura

Una biopsia del linfonodo non viene eseguita se il paziente ha controindicazioni. In caso contrario, potrebbero svilupparsi effetti avversi. Ad esempio, se una persona soffre di disturbi del sistema di coagulazione del sangue, anche una semplice biopsia con ago può causare sanguinamento.

Al fine di prevenire l'insorgere di problemi post-procedurali, una biopsia linfonodale deve essere eseguita da uno specialista, nel rispetto di tutte le condizioni richieste, le regole asettiche e antisettiche.

In alcuni casi possono verificarsi i seguenti problemi:

  • unire l'infezione;
  • sanguinamento della ferita;
  • danno ai nervi.

Tuttavia, la percentuale di sviluppo delle conseguenze negative è relativamente piccola. Ma le informazioni ottenute durante la biopsia sono di grande valore per il medico, consentendo di fare la diagnosi corretta e prescrivere il trattamento appropriato ed efficace.

Cura dopo la procedura

Di solito, la procedura di biopsia linfonodale non è difficile ed è ben tollerata dai pazienti. Dopo la rimozione del biomateriale mediante aspirazione o puntura, sulla pelle rimane solo il sito di puntura, che viene trattata con una soluzione antisettica e sigillata con un cerotto. Se è stata eseguita una biopsia aperta, la ferita viene suturata e fasciata. La rimozione delle suture viene eseguita durante la settimana.

La ferita dopo una biopsia del linfonodo non deve essere bagnata. È necessario trattare con soluzioni antisettiche per prevenire l'infezione. Se la temperatura corporea aumenta improvvisamente, il sito di intervento si gonfia, sanguina o disturba in qualsiasi altro modo, è necessario visitare urgentemente un medico.

È consentita la comparsa di un dolore breve e lieve dopo la procedura.

Cosa non fare dopo una biopsia dei linfonodi:

  • fare un bagno;
  • nuotare in piscine, acque libere;
  • visitare un bagno o una sauna;
  • praticare un esercizio vigoroso.

Queste restrizioni si applicano per circa 2 settimane dopo la procedura, a seconda del tipo e dell'entità dell'intervento, come una biopsia linfonodale.

Translation Disclaimer: The original language of this article is Russian. For the convenience of users of the iLive portal who do not speak Russian, this article has been translated into the current language, but has not yet been verified by a native speaker who has the necessary qualifications for this. In this regard, we warn you that the translation of this article may be incorrect, may contain lexical, syntactic and grammatical errors.

You are reporting a typo in the following text:
Simply click the "Send typo report" button to complete the report. You can also include a comment.