^

Frattaglie per pancreatite: salsiccia, salsicce, gnocchi, patè

, Editor medico
Ultima recensione: 03.08.2022
Fact-checked
х

Tutti i contenuti di iLive sono revisionati o verificati da un punto di vista medico per garantire la massima precisione possibile.

Abbiamo linee guida rigorose in materia di sourcing e colleghiamo solo a siti di media affidabili, istituti di ricerca accademici e, ove possibile, studi rivisti dal punto di vista medico. Nota che i numeri tra parentesi ([1], [2], ecc.) Sono link cliccabili per questi studi.

Se ritieni che uno qualsiasi dei nostri contenuti sia impreciso, scaduto o comunque discutibile, selezionalo e premi Ctrl + Invio.

La scelta delle frattaglie alimentari per i pazienti affetti da malattie infiammatorie del tratto gastrointestinale è molto limitata. Il fatto è che molte frattaglie nella pancreatite possono causare un forte deterioramento del benessere. In piccole quantità, possono entrare nel menu solo nella fase di recupero, durante l'espansione della dieta. È altamente consigliabile acquistare tali prodotti da venditori o produttori di fiducia.

Frattaglie per pancreatite: cosa può e cosa non può?

In primo luogo, le frattaglie si riferiscono alle parti interne e di basso valore della carcassa dell'animale. Questa categoria comprende il fegato e i reni, il cuore, il cervello (incluso il midollo osseo), la mammella e i polmoni, la coda e le orecchie, lo stomaco, la testa, la pelle, ecc.

Sulla base delle frattaglie si produce la maggior parte della carne e alcuni prodotti culinari. Ad esempio, il fegato, i polmoni e il cuore vengono aggiunti ai ripieni per torte, casseruole, torte e salsicce. Reni, lingua, tessuti molli della testa, pelle, mammella vengono utilizzati per la preparazione di conserve, prodotti affumicati e salsicce. Molti sottoprodotti sono spesso inclusi nei patè, nelle salsicce di fegato e di seconda scelta e nella soppressata.

Da parti come la lingua o il midollo osseo vengono preparati anche piatti da ristorante gourmet: vengono serviti con erbe aromatiche, puree di frutta, salse e persino noci.

L'alimentazione dietetica prevede anche l'uso di frattaglie. Tuttavia, la pancreatite è una malattia, soprattutto "stravagante" per il cibo. Inoltre, questi prodotti contengono una grande percentuale di colesterolo, che è particolarmente indesiderabile in caso di danni al pancreas.

I gastroenterologi considerano relativamente sicuri per la pancreatite solo i tipi di frattaglie come il fegato di pollo e la lingua. Al fine di evitare l'aggravamento della malattia, questi prodotti possono essere somministrati solo nella fase di remissione stabile. Se parliamo di salsicce, in genere è meglio non menzionarle nella dieta. Ma se sei assolutamente sicuro dell'affidabilità del produttore, sono consentite solo salsicce di latte di altissima qualità, salsicce per diabetici o medici, nella fase di recupero e in piccole quantità.

È meglio evitare qualsiasi altra frattaglie nella pancreatite.

Salsiccia con pancreatite

Molte salsicce oggi, purtroppo, non reggono l'acqua: gli ingredienti standard in essi contenuti sono stati a lungo considerati non carne, ma sottoprodotti, proteine di soia, amido e farina (comprese le ossa), oltre a molti additivi chimici. È molto, molto difficile scegliere un prodotto di alta qualità e ancor di più dietetico per la pancreatite. In linea di principio, l'uso di eventuali salsicce da parte dei pazienti deve essere approvato da un medico. È facile danneggiare la salute, ma il recupero dalla pancreatite è piuttosto complicato e lungo.

Come scegliere la salsiccia giusta e come usarla?

  • Puntare sul produttore, fino a visitare la fabbrica e monitorare personalmente la qualità della produzione. A volte alcune aziende organizzano "giorni aperti" o pubblicano video dimostrativi su Internet. Inoltre, puoi trovare spesso i risultati degli acquisti di prova di salsicce di vari noti produttori.
  • Un prodotto di qualità non sarà economico e non può avere una lunga durata (idealmente, è di 1-1,5 settimane).

Se possibile, è meglio cucinare la salsiccia in casa: allora saprai esattamente in quali ingredienti è composta e di che qualità sono. Dalle frattaglie, puoi aggiungere il fegato di pollo, la lingua.

I prodotti di salsiccia del negozio - anche di ottima composizione - non devono essere consumati spesso e in grandi quantità. Prova a mangiarne un pezzetto: se il suo utilizzo non provoca sintomi negativi, puoi consumare il prodotto 1-2 volte a settimana, servendo non più di 50 g.

Salsiccia bollita con pancreatite

Esistono leggende sulla qualità dell'attuale salsiccia bollita: dalla quale solo non viene prodotta, e le frattaglie in essa contenute rappresentano il minor pericolo. Ma durante il periodo di costante sollievo della condizione, puoi rischiare e provare a scegliere un prodotto davvero di alta qualità. La scelta dovrebbe essere fatta esclusivamente tra prodotti premium - di norma, si tratta di salsicce da dottore, diabetico, ecc.

A cosa devi prestare attenzione:

  • leggi la composizione, evita categoricamente i prodotti con un alto contenuto di additivi chimici, nonché con un'alta percentuale di sottoprodotti;
  • trova la data di uscita sulla confezione, ricorda: il prodotto deve essere fresco;
  • non comprare salsicce rosate brillanti, poiché la carne bollita naturale e persino le frattaglie, di regola, hanno una sfumatura grigiastra.

Se sei riuscito a trovare un prodotto di qualità senza "chimica", proteine vegetali e frattaglie, allora anche in questo caso non dovresti abusarne. L'uso della salsiccia bollita è possibile solo con una diminuzione costante dei sintomi, in una quantità non superiore a 50 g alla volta, 1-2 volte a settimana. Naturalmente, è assolutamente impossibile friggere le fette di salsiccia, farne un panino con il burro.

Salsiccia del dottore per la pancreatite

In epoca sovietica, il concetto di salsiccia del dottore era equiparato al cibo dietetico terapeutico: questo salsiccia non conteneva non solo sostanze chimiche, ma anche sottoprodotti, poiché era prodotto secondo tutti i requisiti di GOST ed era originariamente destinato all'uso da persone con problemi al tratto gastrointestinale. Da allora la composizione della salsiccia del dottore è cambiata ed è consentita la pancreatite?

Ad oggi la salsiccia denominata "Dottore" è prodotta da quasi tutti gli stabilimenti di lavorazione della carne noti e poco conosciuti. E non tutti fanno un prodotto davvero di alta qualità, perché nelle attuali condizioni economiche è semplicemente non redditizio.

Dato che i gastroenterologi non raccomandano l'uso di salsicce a causa della presenza di frattaglie e altri componenti nocivi in esse, la scelta di un tale prodotto dietetico dovrebbe essere affrontata in modo molto responsabile. Leggi la composizione, scopri di più sul produttore, leggi le recensioni e prova i risultati dell'acquisto. Va bene se riesci a trovare una salsiccia del medico di alta qualità, ma anche in questo caso può essere consumata solo in fase di convalescenza, non più di un paio di volte a settimana, in una porzione non superiore a 50 g.

È possibile mangiare gnocchi con la pancreatite?

Gli gnocchi - anche fatti in casa, con carne e senza frattaglie - sono un alimento piuttosto pesante per un pancreas malato. Innanzitutto, la combinazione di carne e impasto richiede una maggiore produzione di enzimi digestivi, il che non va affatto bene con la pancreatite. Se trascuri la raccomandazione dei nutrizionisti e usi regolarmente gnocchi per la pancreatite, puoi ritardare significativamente il processo di recupero degli organi o ottenere un'ulteriore progressione della malattia.

Non è così importante che tipo di ripieno hanno gli gnocchi: può essere carne macinata o anche frattaglie sotto forma di fegato: la presenza simultanea di proteine animali e pasta bollita influisce negativamente sull'apparato digerente.

Gli gnocchi di produzione industriale sono ancora più pericolosi. Sono costituiti per la maggior parte da frattaglie, proteine vegetali (proteine di soia), nonché da tutti i tipi di agenti complementari (esaltatori di sapidità, additivi aromatici, ecc.).

Se vuoi davvero gli gnocchi, allora puoi offrire a un paziente con una remissione stabile della pancreatite di mangiare alcuni pezzi fatti in casa, mentre il guscio di pasta deve essere messo da parte. Nella fase di esacerbazione della malattia, l'uso di manti, gnocchi è severamente vietato.

Purea per bambini per la pancreatite

Gli alimenti per bambini - vale a dire una varietà di cereali per bambini, puree e miscele - sono spesso classificati come alimenti dietetici. Di solito pensiamo: se è possibile per un bambino piccolo, allora è possibile per un adulto, anche se soffre di pancreatite. È vero?

Le messe di frutta o verdura per bambini sono un argomento di discussione separato. Al momento, parliamo di tali puree, che vengono preparate sulla base di carne o frattaglie.

Naturalmente, i purè di carne o di fegato destinati agli alimenti per bambini sono sempre migliori del normale cibo in scatola "per adulti". Alcuni barattoli, oltre ai prodotti a base di carne, contengono anche verdure, ad esempio broccoli o zucchine, o hanno una ricca composizione vitaminica. Ma i produttori sono diversi e non tutti seguono coscienziosamente le raccomandazioni di pediatri e nutrizionisti pediatrici. Ad esempio, il prodotto può contenere additivi artificiali, coloranti, aromi, acidi. Pertanto, prima di scegliere una purea sana (sia per un paziente con pancreatite che per un bambino), è necessario rileggere attentamente la composizione del prodotto. Idealmente, dovrebbe essere rappresentato da carne (tacchino, pollo, ecc.) o frattaglie (fegato), riso o altra farina (mais, grano saraceno), olio vegetale e sale. Questa purea può essere inclusa nella dieta per la pancreatite, ma non troppo spesso: ad esempio, è conveniente mangiare un barattolo del genere sulla strada quando non c'è modo di mangiare cibi dietetici appena preparati. In altri casi è meglio prediligere una cucina casalinga di qualità.

Patè con pancreatite

I paté sono più facilmente digeribili rispetto a pezzi interi di carne o frattaglie, quindi, con la giusta composizione, possono essere inclusi nella dieta di un paziente con pancreatite. Cosa si intende per composizione corretta? Il patè dovrebbe essere composto da ingredienti che non sovraccaricano il pancreas.

  • Non aggiungere grasso, anche carne grassa, strutto, ritagli, cuore.
  • Non puoi usare agnello, maiale, vitello.
  • Gli ingredienti per il patè non devono essere fritti, ma solo bolliti o al vapore.
  • Non è possibile aggiungere burro o margarina: si utilizzano invece latte scremato, cereali, farina, albume e verdure in umido.
  • Non aggiungere funghi, spezie, cipolle, aglio.

Naturalmente, non si dovrebbero offrire paté industriali a un paziente con pancreatite. Il piatto è preparato in casa, a base di carne, pesce o verdure di qualità. Puoi usare frattaglie come lingua, fegato (in piccole quantità).

Il patè fatto in casa si consuma esclusivamente fresco (cioè subito dopo la cottura) con pancreatite, in quantità non superiore a 25 g per porzione. Il piatto non viene consumato spesso - 1-2 volte a settimana nella fase di remissione stabile.

È possibile mangiare salsicce con pancreatite?

Le salsicce sono diverse: non a caso le vetrine dei negozi sono “traboccanti” di varietà. Come non confondersi e scegliere il prodotto giusto per la pancreatite?

Le salsicce sono diverse non solo per la categoria di prezzo, ma anche per varietà e qualità. Più economico è il prodotto, più frattaglie e componenti di terze parti sono presenti in esso (e, di conseguenza, c'è meno carne o nessuna).

La stragrande maggioranza dei nutrizionisti non raccomanda l'uso di salsicce per la pancreatite, poiché è improbabile che ne traggano beneficio, ma ci sono molti danni. Ma ci sono momenti in cui il paziente vuole ancora assaggiare il prodotto, ma non sa come minimizzarne il danno. A cosa dovresti prestare attenzione:

  • Le salsicce contengono un'alta percentuale di sale, che irrita il tratto digestivo. Per ridurne leggermente il contenuto, i prodotti devono essere bolliti in acqua e non cotti al microonde, al forno o addirittura consumati crudi.
  • Con la pancreatite, è teoricamente consentito utilizzare solo salsicce di altissima qualità, che si adattano alla categoria dei prodotti dietetici. Sfortunatamente, la maggior parte degli insaccati contiene principalmente sottoprodotti sotto forma di cartilagine, bucce e persino ossa, oltre ad altri, inclusi componenti artificiali, quindi la scelta di un prodotto adeguato dovrebbe essere particolarmente attenta.
  • Più piccolo è l'elenco degli ingredienti nelle salsicce, meglio è. L'abbondanza di additivi di origine sconosciuta rende il prodotto inapplicabile per la pancreatite.
  • Le salsicce non devono contenere spezie piccanti e condimenti, quindi dovresti prestare attenzione ai tipi dietetici e diabetici di questo prodotto.

Con un'esacerbazione della pancreatite, sono vietate tutte le salsicce, anche dietetiche. L'aggiunta di alcuni tipi di prodotti è possibile non prima di 10 settimane dopo la scomparsa dei sintomi della malattia. Ma anche in questo caso le salsicce si consumano non più di una o due volte alla settimana.

Bastoncini di granchio per la pancreatite

I bastoncini di granchio sono un prodotto specifico noto a tutti, ma poche persone sanno di cosa sono effettivamente fatti. A giudicare dal prezzo, possiamo già concludere che non c'è assolutamente carne di granchio in questi bastoncini. Ma da dove viene un sapore così delicato di frutti di mare, un colore bianco come la neve e un aroma gradevole?

Sfortunatamente, quasi nessun ingrediente nei bastoncini di granchio rientra nella categoria del cibo sano. Ecco un elenco di scaletta di esempio:

  • pesce tritato detto "surimi" (idealmente filetti di pesce d'oceano, ma nella maggior parte dei casi troviamo invece frattaglie di pesce regolari e lavate ripetutamente);
  • sostanze aromatizzanti e coloranti (possono essere sia naturali che chimiche);
  • la parte proteica delle uova di gallina;
  • amido e altri addensanti;
  • oli vegetali;
  • zucchero e sale;
  • sostanze stabilizzanti e conservanti;
  • Proteine di soia.

Cosa dicono i gastroenterologi dei bastoncini di granchio? Secondo loro, l'uso regolare di queste frattaglie è altamente indesiderabile anche per le persone sane, e con la pancreatite è ancora più controindicato: i bastoncini non dovrebbero essere consumati in nessuna forma, in nessuna quantità, indipendentemente dallo stadio della malattia.

Maionese per la pancreatite

I piatti a base di frattaglie sono spesso conditi con ogni sorta di salse e condimenti: a volte questo è necessario per nascondere un retrogusto indesiderato, o viceversa, per arricchire il piatto. La maionese è senza dubbio la salsa più popolare in quasi tutti i paesi post-sovietici. È conveniente, può essere acquistato in qualsiasi negozio di alimentari e il suo gusto lo rende adatto all'uso in quasi tutti i piatti: viene aggiunto a insalate, carne e pesce, si abbina perfettamente a contorni, piatti caldi e freddi e persino panini.

Paradossalmente, tutti sanno che la maionese è dannosa. E, tuttavia, continua ad essere utilizzato ovunque, compresi i pazienti che soffrono di disturbi digestivi. Pertanto, viene fatto un grande danno sia allo stomaco che al pancreas: la maionese nella pancreatite è severamente vietata, così come i cibi affumicati o l'alcol.

Qual è il pericolo?

  • La maionese è prevalentemente un prodotto grasso. In genere contiene circa il 60-70% di grasso. I cosiddetti tipi "dietetici" di questa salsa possono contenerne una quantità leggermente inferiore - circa il 40-50%, ma anche questa cifra è considerata alta. Come risultato dell'uso di un tale prodotto nelle persone con pancreatite, la condizione peggiora istantaneamente: si verificano nausea, dolore addominale e diarrea.
  • Qualsiasi maionese, compresa quella fatta in casa, include una componente acida: può essere aceto o acido citrico, che irritano le mucose degli organi digestivi. Ciò può portare a una forte esacerbazione della malattia.
  • Oltre all'acido, anche altri ingredienti della salsa, come spezie e senape, hanno un effetto irritante. Ulteriori irritanti sono sostanze coloranti, addensanti, stabilizzanti, conservanti, aromatizzanti, esaltatori di sapidità ed emulsionanti. Tali additivi causano un fallimento del metabolismo intracellulare, inibiscono i fattori cellulari protettivi, inibiscono il recupero e stimolano lo sviluppo di processi infiammatori.

I nutrizionisti affermano che dopo aver mangiato la maionese, una nuova ondata di esacerbazione della pancreatite è quasi garantita. Anche gli analoghi fatti in casa di questa salsa non dovrebbero essere inclusi nella dieta: non sono meno grassi, poiché sono preparati sulla base di olio vegetale e contengono anche acidi, ad esempio il succo di limone.

Pertanto, gli esperti consigliano di non sperimentare la salute: le frattaglie con pancreatite dovrebbero essere scelte con cura e le salse - compresa l'eventuale maionese - dovrebbero essere completamente abbandonate. La salute generale dell'intero organismo dipende anche dalla qualità dell'alimentazione.

Translation Disclaimer: The original language of this article is Russian. For the convenience of users of the iLive portal who do not speak Russian, this article has been translated into the current language, but has not yet been verified by a native speaker who has the necessary qualifications for this. In this regard, we warn you that the translation of this article may be incorrect, may contain lexical, syntactic and grammatical errors.

You are reporting a typo in the following text:
Simply click the "Send typo report" button to complete the report. You can also include a comment.