^

Voglio perdere peso: da dove cominciare?

, Editor medico
Ultima recensione: 20.11.2021
Fact-checked
х

Tutti i contenuti di iLive sono revisionati o verificati da un punto di vista medico per garantire la massima precisione possibile.

Abbiamo linee guida rigorose in materia di sourcing e colleghiamo solo a siti di media affidabili, istituti di ricerca accademici e, ove possibile, studi rivisti dal punto di vista medico. Nota che i numeri tra parentesi ([1], [2], ecc.) Sono link cliccabili per questi studi.

Se ritieni che uno qualsiasi dei nostri contenuti sia impreciso, scaduto o comunque discutibile, selezionalo e premi Ctrl + Invio.

Voglio perdere peso ... Quale donna non dice questa frase, chi con speranza, chi con disperazione, e qualcuno e con fiducia che tutto andrà a finire. In effetti, le inesorabili cifre delle statistiche dicono che se tutto dipende dalla motivazione, allora più della metà del successo è accurato.

Inoltre, ciò di cui hai bisogno per decidere, perché perdere peso, è necessario scoprire il motivo per ottenere e mantenere il peso. Una volta risolti e specificati questi due compiti, la strategia di riduzione del peso al livello fisiologico normale si accumula in modo ottimale.

Quindi, i primi due compiti relativi al campo della psicologia e la creazione di una condizione per soddisfare il desiderio desiderato - "Voglio perdere peso" sono formulati come segue: 

  1. Determina perché perdere peso personalmente a te. Questo non dovrebbe riguardare confronti con un amico astenico o un modello anoressico. Cosa vi darà personalmente la riduzione del peso - aumentando l'autostima, migliorando il benessere, attirando l'attenzione del sesso opposto, la crescita della carriera e così via. È desiderabile descriverti nel peso ideale il più possibile, in particolare. 
  2. Trova la ragione della formazione della dipendenza dal cibo. Questo compito non è solo psicologico, ma, possibilmente, medico. Tra le cause psicologiche della dipendenza alimentare può essere: 
    • Insoddisfazione per la sua vita in linea di principio, una sensazione di costante disagio vitale, il vuoto interiore che riempie il cibo. Questo problema, che gli psicoterapeuti chiamano "mente affamata", richiede l'aiuto di uno specialista, un'analisi dettagliata e l'elaborazione di uno psicotrauma. 
    • Insoddisfazione per una vita personale, che viene definita un "cuore affamato", cioè un'incapacità di dare sfogo a emozioni e sentimenti. La loro soppressione porta alla compensazione alimentare, che sostituisce la gioia della soddisfazione del prodotto. Un problema risolto con l'aiuto di uno psicologo. È necessario scoprire quali emozioni, comprese quelle negative, sono "bloccate". 
    • Anche la professionalità non realizzata porta spesso a "cogliere" i fallimenti di carriera. Richiede l'autoesame, a volte duro, onesto, drammatico, ma necessario per un ulteriore sviluppo. 
    • Situazioni stressanti croniche, che sono compensate dalle "gioie" del cibo. Il compito che richiede auto-esame, forse l'assistenza di uno specialista, e la costruzione di un piano per uscire dallo stress. 
    • Paure e ansie infantili represse possono essere proiettate nell'età adulta come "protezione" alimentare. Richiedono l'elaborazione e l'eliminazione. 
    • Disturbi metabolici dovuti a malattie somatiche, incluse disfunzioni ormonali. Un compito che richiede una diagnosi completa e completa e misure terapeutiche.

trusted-source[1], [2]

Voglio perdere peso: cosa posso fare?

Avendo definito queste due fasi sopra descritte, e sono piuttosto difficili e richiedono uno sforzo, tempo, è possibile costruire un piano individuale di perdita di peso. Non è un segreto che è impossibile stabilizzare il peso solo con diete, digiuni o allenamento.

I risultati a breve termine portano alla frustrazione alimentare, al disappunto, almeno, problemi di salute, al massimo. Pertanto, è necessario essere pazienti, calcolare i propri punti di forza e risorse, studiare le informazioni sui motivi dell'aumento di peso e solo successivamente iniziare una "guerra" con chili in eccesso.

Oltre alle cause psicologiche e patologiche dell'accumulo di depositi di grasso, esiste una versione puramente biochimica. Spiega l'eccessiva pienezza di letargia, debolezza del pancreas.

Perché ci sono persone per le quali la domanda "vuole dimagrire" non è affatto pertinente? I fisiologi sostengono che questi fortunati mendicanti lavorano attivamente il pancreas e, quindi, che la porzione di insulina prodotta è adeguata alla quantità di glucosio fornita al corpo. Anche se il glucosio è troppo, il ferro lavorabile ricicla e lo utilizza con successo. Forse questo è spiegabile da un fattore ereditario, la scienza non è ancora riuscita a concretizzare questo fatto.

Immagine opposta è osservata nelle persone con eccesso di peso. Il pancreas inerte non è in grado di reagire con la produzione della giusta quantità di insulina a un volume eccessivo di glucosio. Qualsiasi alimento contenente zucchero causa un senso di sazietà, ma questa sazietà per lo stomaco è falsa, dopo circa mezz'ora, il corpo ha ancora fame, mentre lo zucchero viene elaborato e digerito molto rapidamente. Si scopre un circolo vizioso.

Da un lato, c'è un desiderio sincero - voglio perdere peso, d'altra parte - il bisogno naturale del corpo di una costante saturazione, poiché il livello di glucosio nel sangue diminuisce rapidamente.

In effetti, i nutrizionisti di tutto il mondo sono allarmanti per la quantità enormemente catastrofica di zucchero in quasi tutti i prodotti di origine industriale. L'abbondanza delle posizioni di assortimento, i pacchetti luminosi e gli additivi alimentari non aggiungono salute all'umanità, al contrario la portano in una trappola alimentare che porta a un consumo ancora maggiore e attivo di prodotti "gustosi".

Inoltre, il ritmo ad alta velocità della vita moderna ci ha insegnato ad assorbire il cibo letteralmente in movimento, spesso meccanicamente, inconsciamente. Chi di coloro che vogliono perdere peso, non mangia mentre guarda la TV o legge libri? Tale deglutizione, senza incorporare i meccanismi del gusto, la soddisfazione olfattiva, gustativa, per non parlare dell'estetica, porta anche a una serie di chili in più.

Voglio perdere peso è un desiderio, un sogno, che dovrebbe essere riformattato in un piano concreto, e quindi azioni. È almeno irragionevole sperare in un miracolo e credere in una dieta settimanale che allevia 10-15 kg in una sola seduta.

Per perdere peso, devi imparare che la digestione è un processo sistemico, e non un'azione in un'unica fase, quindi anche la perdita di peso è un processo che richiede, oltre al desiderio di qualche sforzo. Tuttavia, la strada è dominata dal movimento, soprattutto perché il desiderio "Voglio perdere peso" viene anche eseguito con l'aiuto di esercizi fisici.

Translation Disclaimer: The original language of this article is Russian. For the convenience of users of the iLive portal who do not speak Russian, this article has been translated into the current language, but has not yet been verified by a native speaker who has the necessary qualifications for this. In this regard, we warn you that the translation of this article may be incorrect, may contain lexical, syntactic and grammatical errors.

You are reporting a typo in the following text:
Simply click the "Send typo report" button to complete the report. You can also include a comment.