^

Salute

Helikobakterы

, Editor medico
Ultima recensione: 19.11.2021
Fact-checked
х

Tutti i contenuti di iLive sono revisionati o verificati da un punto di vista medico per garantire la massima precisione possibile.

Abbiamo linee guida rigorose in materia di sourcing e colleghiamo solo a siti di media affidabili, istituti di ricerca accademici e, ove possibile, studi rivisti dal punto di vista medico. Nota che i numeri tra parentesi ([1], [2], ecc.) Sono link cliccabili per questi studi.

Se ritieni che uno qualsiasi dei nostri contenuti sia impreciso, scaduto o comunque discutibile, selezionalo e premi Ctrl + Invio.

Helicobacter pylori è stato scoperto nel 1982 da B. Marshall e R. Warren nello studio delle biopsie della mucosa gastrica. Per il genere Helicobacter, ci sono ora più di 10 specie, alcune delle quali precedentemente incluse nel genere Campylobacter.

trusted-source[1], [2], [3], [4], [5], [6], [7], [8], [9], [10], [11], [12], [13], [14]

Morfologia Helicobacter

H. Pylori è leggermente più grande di altre specie (0,5-1,0 x 2,5-5 μm) e ha la forma di un bastone, una spirale o un "arco del bue". Lofotrich (fino a 5 flagelli) o monotrich, a volte nella popolazione ci sono entrambe le forme. Sui terreni agar non in movimento o immobili. Cresce sui media per i campilobatteri, ma cresce meglio sull'agar "cioccolato", formando su di esso dopo 2-7 giorni. Colonie 0,5-1,0 mm di diametro. Su un agar sangue del 10%, si nota un emolisi debole. Per la crescita sono necessarie condizioni microaerofile o un'atmosfera arricchita in CO2. In condizioni aerobiche o anaerobiche, i batteri non crescono.

Proprietà biochimiche di Helicobacter

H. Pylori è ossidasi e catalasi-positivi; l'idrogeno solforato non si forma, l'ippurato non si idrolizza, ha un'elevata attività ureasica. È resistente al cloruro di trifeniltetrazolio in una concentrazione di 0,4-1,0 mg / ml; resistente a una soluzione allo 0,1% di selenito di sodio, in misura minore - all'1% di glicina.

trusted-source[15], [16], [17], [18], [19], [20]

Fattori di patogenicità di Helicobacter pylori

I fattori di virulenza di N. Pylori sono la mobilità; ureasi (neutralizza l'HC1 e danneggia le cellule epiteliali); citotossina proteica, che provoca la vacuolizzazione delle cellule epiteliali e danneggia i ponti intercellulari; lipopolisaccaride; proteinasi; lipasi; catalasi, emolisina, ecc.

Epidemiologia dell'elicobatteriosi

L'infezione delle persone, molto probabilmente, si verifica sul meccanismo fecale-orale. L'agente eziologico, penetrando la mucina nello stomaco sottomucoso, colonizza le cellule epiteliali, spesso penetranti in esse. L'infiammazione focale progressiva porta allo sviluppo di gastrite, ulcera peptica dello stomaco e duodeno. Successivamente, possono svilupparsi adenocarcinoma o linfoma gastrico (linfoma tissutale linfoide associato a mucosa).

trusted-source[21], [22], [23], [24], [25], [26], [27], [28], [29], [30]

Trattamento dell'elicobatteriosi

Il farmaco più efficace per il trattamento di gastrite cronica e ulcera gastrica o ulcera duodenale è Denol (colloidale bismuto subcitrato) agisce selettivamente solo su H. Pylori, che è accoppiato con Trichopolum (metronidazolo) e amoxicillina (o claritromicina) per migliorare l'effetto terapeutico.

Translation Disclaimer: The original language of this article is Russian. For the convenience of users of the iLive portal who do not speak Russian, this article has been translated into the current language, but has not yet been verified by a native speaker who has the necessary qualifications for this. In this regard, we warn you that the translation of this article may be incorrect, may contain lexical, syntactic and grammatical errors.

You are reporting a typo in the following text:
Simply click the "Send typo report" button to complete the report. You can also include a comment.