^

Salute

Primo soccorso per la cistite nelle donne e negli uomini

, Editor medico
Ultima recensione: 20.09.2022
Fact-checked
х

Tutti i contenuti di iLive sono revisionati o verificati da un punto di vista medico per garantire la massima precisione possibile.

Abbiamo linee guida rigorose in materia di sourcing e colleghiamo solo a siti di media affidabili, istituti di ricerca accademici e, ove possibile, studi rivisti dal punto di vista medico. Nota che i numeri tra parentesi ([1], [2], ecc.) Sono link cliccabili per questi studi.

Se ritieni che uno qualsiasi dei nostri contenuti sia impreciso, scaduto o comunque discutibile, selezionalo e premi Ctrl + Invio.

La cistite è una condizione piuttosto dolorosa associata a lesioni acute o croniche delle vie urinarie. Il primo soccorso per la cistite è quasi sempre fornito, poiché il paziente è preoccupato per un forte dolore acuto, dolore, la condizione peggiora bruscamente. Dopo aver prestato il primo soccorso, è possibile fermare il dolore, fermare l'attacco, dopodiché è già possibile continuare la terapia programmata. Tutti devono sapere come aiutare una persona con cistite.

Cosa fare al primo segno di cistite?

Sempre più spesso i pazienti devono sentire la domanda: "Cosa fare al primo segno di cistite?". La domanda è abbastanza naturale, dal momento che è necessario agire in modo rapido e preciso. Quindi, la prima cosa da fare quando compaiono i primi segni di cistite è fermare la sindrome del dolore, alleviare un attacco di spasmo, crampi. Successivamente, puoi iniziare a eliminare le conseguenze di un attacco acuto. È necessario somministrare al paziente antispasmodici, antidolorifici. Bene aiuta con attacchi acuti di dolore come mezzi come no-shpa, 5-NOK, baralgin. Con una forte sindrome del dolore, puoi usare diclofenac (iniezioni). Con attacchi di moderata gravità, aiuta l'urolesan (un rimedio a base di erbe). Viene gocciolato su un pezzo di zucchero raffinato 5-25 gocce (a seconda dello stadio della malattia, della gravità della sindrome del dolore). Come mezzo di emergenza vengono prescritti monural, furagin, cistone, che alleviano rapidamente l'infiammazione e il dolore. [1]

Dopo che il paziente è migliorato, è necessario dargli molti liquidi (tè, acqua tiepida). È importante garantire la pace e chiamare un'ambulanza. Con un attacco di cistite, è imperativo chiamare un'ambulanza, anche se sei riuscito a fermare l'attacco da solo e la tua salute è migliorata in modo significativo. Ciò è dovuto al fatto che i farmaci possono mascherare i principali sintomi della patologia, interrompere temporaneamente il processo del dolore. Ma non eliminano la causa e non influenzano il processo patologico. Ciò significa che nel tempo potrebbe verificarsi una recidiva di un attacco, che sarà molto più grave del precedente. Inoltre, va tenuto presente che il corpo può sviluppare resistenza ai farmaci utilizzati, quindi la prossima volta saranno inefficaci. Inoltre, se il processo patologico non è stato curato, il processo infiammatorio diventa cronico. La forma cronica è difficile da trattare, richiede l'uso di farmaci potenziati, è caratterizzata da un decorso recidivante più grave con frequenti esacerbazioni.

Devo chiamare un'ambulanza per la cistite?

I pazienti che soffrono di cistite di solito sono in grado di fermare rapidamente da soli l'attacco principale della cistite. Dopo che l'attacco acuto è passato, la condizione è leggermente migliorata, sorge una domanda logica: "Devo chiamare un'ambulanza?". Con la cistite si consiglia sempre di chiamare un'ambulanza, anche se l'attacco è stato eliminato e il paziente si è sentito sollevato. Deve essere chiaro che la cistite è una grave malattia delle vie urinarie, che richiede non solo cure di emergenza e sollievo dall'attacco principale, ma anche un trattamento qualificato complesso. I medici delle ambulanze forniranno tutta l'assistenza necessaria al fine di proteggere il più possibile il paziente, prevenire le ricadute, evitare che la malattia diventi cronica e prevenire la progressione della malattia o lo sviluppo di complicanze.

Si deve presumere che la sospensione di un attacco acuto non sia una base per rifiutarsi di continuare il trattamento. Da solo, puoi alleviare i sintomi solo per un breve periodo, eliminare il dolore intenso. Successivamente è necessario un esame da parte di personale medico qualificato. Il team dell'ambulanza deciderà se è necessario un ulteriore ricovero o se continuare il trattamento con il medico curante in regime ambulatoriale. In ogni caso, solo un medico, e nel prossimo futuro dopo un attacco, sarà in grado di valutare correttamente la gravità del processo patologico, le sue conseguenze e sarà in grado di pianificare correttamente le tattiche di ulteriori trattamenti. Pertanto, anche se sembra che lo stato di salute sia diventato normale, in nessun caso dovresti rifiutarti di chiamare un'ambulanza. Il paziente deve conoscere saldamente questa regola e usarla come assioma per ogni nuovo attacco, indipendentemente dalla sua gravità e dalle circostanze in cui si è manifestato. [2]

Cosa fare con la cistite?

Ogni paziente che ha una storia di una malattia come la cistite deve sapere cosa fare con la cistite. Anche i familiari e i parenti dovrebbero essere in grado di fornire il primo soccorso. Quindi, la prima cosa da fare è bere un anestetico, un antispasmodico, che fermerà il processo infiammatorio, eliminerà un attacco di dolore, allevierà lo spasmo. Mezzi come baralgin, nosh-pa, analgin, difenidramina sono adatti. Dopodiché, devi chiamare un'ambulanza. Devi capire che molti mezzi possono semplicemente alleviare un attacco, ma questo non è abbastanza. È necessario un trattamento completo per eliminare i cambiamenti patologici nel sistema urinario. È anche importante prevenire la progressione della malattia.

Con la cistite, insieme al processo infiammatorio, si sviluppa anche un processo infettivo, il più delle volte di eziologia batterica. L'infezione migra verso l'alto lungo le vie ascendenti e può facilmente penetrare nei reni, il che porterà allo sviluppo di un processo infiammatorio renale. Tali complicazioni della cistite come pielite, pielonefrite, glomerulonefrite sono pericolose. Inoltre, se non trattate, le convulsioni possono diventare croniche e ricorrenti e sarà molto più difficile liberarsene. Si richiama l'attenzione sul fatto che l'uso a lungo termine di farmaci porta alla resistenza del corpo agli effetti dei farmaci, quindi la prossima volta i farmaci potrebbero non essere efficaci.

Pertanto, dopo aver rimosso l'attacco, viene chiamata un'ambulanza. Il medico effettua un esame, introduce i farmaci necessari per alleviare l'infiammazione, prevenire il processo infettivo. Successivamente, viene decisa la tattica di un ulteriore trattamento. Il medico può suggerire il ricovero in ospedale per ulteriori trattamenti ospedalieri (nei casi gravi, il rischio di complicanze, la necessità di una diagnosi dettagliata). Nei casi più semplici, puoi limitarti al trattamento ambulatoriale in una clinica.

In ogni caso sarà necessaria una terapia antibiotica. È preferibile utilizzare una terapia complessa, che includerà antibiotici, agenti antimicotici. A seconda della gravità del processo patologico, delle caratteristiche del decorso della malattia, la terapia complessa può includere sia probiotici volti a ripristinare la normale microflora delle vie urinarie, sia agenti immunomodulatori volti a normalizzare l'immunità locale e il sistema di resistenza aspecifica.

In ogni caso, il regime di trattamento deve essere scelto esclusivamente dal medico, poiché il dosaggio, il metodo di trattamento, la durata e anche la scelta del farmaco dipendono dal principale patogeno che causa il processo infiammatorio e infettivo, dall'eziologia e dalle specificità di patogenesi. Pertanto, il più razionale è la nomina della terapia antibiotica dopo aver analizzato la sensibilità dell'agente patogeno agli antibiotici. Il problema è che questa analisi richiede tempo (almeno 5-7 giorni, a seconda dei tempi di coltivazione della microflora). La disponibilità di tempo è spesso limitata, la terapia è necessaria con urgenza. Pertanto, la scelta è bloccata su antibiotici ad ampio spettro che colpiscono un'ampia gamma di microrganismi. Dopo aver ricevuto le analisi, il regime di trattamento può essere modificato. In nessun caso dovresti auto-medicare. Questo può essere irto di gravi complicazioni e conseguenze avverse. [3]

Cosa fare se appare sangue con cistite?

La comparsa di sangue nella cistite è un segno estremamente sfavorevole. Indica un grave processo infiammatorio-infettivo in cui i vasi sanguigni sono danneggiati. Si notano anche stenosi vascolari, disturbi emodinamici, ematuria, fino a sanguinamento aperto. Sorge immediatamente la domanda: cosa fare quando appare il sangue con la cistite? La prima cosa da fare è non farsi prendere dal panico e valutare il reale stato della perdita di sangue. Sia che si parli di sanguinamento, o dei soliti lividi, lividi. In caso di sanguinamento, il sangue acquisisce una tonalità scarlatta, defluisce in un piccolo flusso e, quando combinato con l'urina, diverge, formando una macchia più scura al centro. Di solito, durante il sanguinamento, c'è molto sangue, da 1-1 millilitri a diverse centinaia di millilitri. In caso di sanguinamento, bere un agente emostatico: acido aminocaproico, dicynone, burnet e altri mezzi. E chiama subito un'ambulanza.

Se non hai sanguinamento, ma un normale livido, non puoi bere agenti emostatici, ma devi chiamare un'ambulanza il prima possibile. In questo caso, è meglio attendere il parere di un medico qualificato e seguire rigorosamente le sue ulteriori raccomandazioni. Tipicamente, la causa di un tale livido è il danno ai vasi sanguigni, il tono alterato e la permeabilità dei vasi sanguigni, l'emodinamica alterata, la microcircolazione, lo stato alterato del sistema di resistenza non specifica e la clearance delle mucose. Ciò richiede un trattamento speciale, che il medico selezionerà in base all'anamnesi, ai risultati degli esami e ai test di laboratorio.

Primo soccorso per la cistite nelle donne

Il pericolo di cistite nelle donne è che aumentano notevolmente la probabilità di complicazioni dal sistema riproduttivo. La cistite è un processo infiammatorio e infettivo negli organi urinari. A causa della vicinanza anatomica al sistema riproduttivo femminile, l'infezione si diffonde spesso agli organi adiacenti e la vagina, l'utero e le ovaie sono coinvolte nel processo patologico. Ciò porta allo sviluppo di corrispondenti malattie ginecologiche. Degna di nota è la diffusione piuttosto rapida del processo infettivo-infiammatorio lungo il percorso ascendente - dall'uretra ai reni, ai tubuli renali. Ciò porta allo sviluppo di complicanze renali, come pielite, pielonefrite, nefrite, glomerulonefrite e altri danni renali. A differenza degli uomini, la probabilità di complicanze renali nelle donne è molto più alta, a causa delle caratteristiche anatomiche del corpo femminile: il canale urinario nelle donne è molto più corto, c'è una connessione diretta dell'intero sistema urinario con i reni. Inoltre, il processo infettivo è supportato dalle perdite vaginali, dall'ingresso della microflora vaginale negli organi urinari.

Pertanto, il primo soccorso per la cistite nelle donne si riduce al sollievo dello spasmo e del dolore e al sollievo immediato del processo infettivo. È necessario, insieme ad analgesici, antidolorifici e antispastici, bere un antibiotico. Si consiglia di bere molta acqua, che fornirà il lavaggio delle vie urinarie e accelererà l'escrezione rispettivamente della microflora batterica e delle endotossine batteriche verso l'esterno e ridurrà il rischio di sviluppare complicanze dell'eziologia batterica. Prima di tutto, i farmaci di scelta nelle cure di emergenza sono mono, furagin o cistone. In futuro, a seconda dei dati dell'antibiogramma che mostra la sensibilità della microflora batterica al farmaco prescritto, vengono prescritti farmaci come penicillina, eritromicina, tetraciclina, oleandomicina, cloramfenicolo a dosi normali. Il farmaco è prescritto da un medico. Un'ulteriore automedicazione può essere pericolosa sia per il sistema urinario che per il sistema riproduttivo. L'automedicazione è particolarmente pericolosa per le donne in gravidanza, poiché la scelta sbagliata del farmaco può influire negativamente sullo sviluppo del feto. Anche non trattare il processo infettivo non è un'opzione, poiché la diffusione del processo infettivo-infiammatorio può causare un'infezione intrauterina del feto, liquido amniotico. Può anche causare aborto spontaneo, parto prematuro. [4]

Primo soccorso per la cistite in un bambino

Quando i primi segni di cistite compaiono in un bambino, dovresti chiamare immediatamente un'ambulanza. L'automedicazione può essere irta di gravi conseguenze e complicazioni. Nei bambini, il processo infettivo-infiammatorio si diffonde molto rapidamente, caratterizzato da una tendenza a danneggiare i reni. Inoltre, nei bambini, specialmente nei ragazzi, si osservano spesso complicazioni sul sistema riproduttivo, che si manifestano solo in età adulta sotto forma di disturbi sessuali, infertilità. Va inoltre tenuto conto del fatto che più giovane è il bambino, più grave è la patologia, maggiore è il rischio di complicanze, generalizzazione dell'infezione e infiammazione, fino a batteriemia e sepsi. Devi chiamare immediatamente un'ambulanza, seguire tutti i consigli del medico. Spesso è necessario il ricovero. Il primo soccorso per la cistite in un bambino prima dell'arrivo di un'ambulanza può consistere nell'arrestare il dolore acuto, alleviare lo spasmo. Per questo, al bambino vengono somministrati antidolorifici, antispastici, secondo le istruzioni. È necessario tenere conto dell'età del bambino e calcolare il dosaggio in base all'età, al peso corporeo. Al bambino possono essere somministrati i seguenti farmaci come primo soccorso: analgin, baralgin, urolesan, no-shpa. È importante garantire molti liquidi e riposo completo.

Primo soccorso per la cistite a casa

A casa, con la cistite, viene fornito il primo soccorso, volto ad alleviare un attacco. L'obiettivo è alleviare il dolore, alleviare lo spasmo. Ulteriore assistenza deve essere fornita da un medico, poiché un trattamento improprio può causare gravi complicazioni. Le più pericolose sono le complicazioni ai reni, che possono persino portare alla disabilità di una persona. Se una persona viene curata a casa, la cosa più utile che può fare è seguire rigorosamente tutte le raccomandazioni del medico, non violare il regime di trattamento, durante l'assunzione di medicinali, osservando il dosaggio, il regime, la durata del trattamento prescritto dal medico. In nessun caso interrompere il trattamento, anche se lo stato di salute è notevolmente migliorato e non ci sono più segni di cistite. Di norma, una persona si sente immediatamente meglio, perché le manifestazioni esterne, i sintomi della malattia scompaiono, gli spasmi e il danno superficiale scompaiono. Tuttavia, i processi infiammatori profondi e ancora più infettivi sono ancora in corso e richiedono un trattamento a lungo termine.

Quando si fornisce il primo soccorso per la cistite a casa, è necessario alleviare un attacco di dolore il prima possibile. Per fare questo, usa antidolorifici, analgesici. Quindi è necessario chiamare un'ambulanza, quindi il medico fornirà ulteriore assistenza, a seconda della gravità del processo patologico, delle condizioni del paziente. Dopo aver fornito il primo soccorso, è necessario eseguire un ulteriore trattamento. La base del trattamento è la terapia antibatterica, che elimina non solo il processo batterico, ma ferma anche l'infiammazione, ripristina i tessuti danneggiati e previene le complicanze. In una forma lieve, vengono utilizzati prevalentemente preparati sulfanilammidici, come biseptolo, urosulfan (2 g / die), etazolo (5-10 mil di una soluzione al 10%), sulfadimezin (2 g / die). Si consiglia di prescrivere una terapia combinata, che includa antibiotici e sulfamidici.

Pronto soccorso per cistite acuta

Nella cistite acuta, il primo soccorso dipende dal sintomo principale. Quindi, molto spesso il paziente è preoccupato per il dolore acuto, quindi gli antidolorifici vengono prescritti come primo soccorso. Se una persona ha uno spasmo grave, è consigliabile combinare antidolorifici e antispastici. Inoltre, con la cistite vengono prescritti agenti antibatterici, poiché è importante fermare il processo infiammatorio e prevenire lo sviluppo di complicanze infettive. Antibiotici come penicillina, eritromicina, biseptolo danno un buon effetto terapeutico. Assegna uroseptics - urolesan, baralgin. I composti nitrofuranici sono ampiamente utilizzati: furagin (500 ml di una soluzione allo 0,1%), furazolidone (0,1 g), nitroxolina (0,4-0,6 g / giorno). La durata del corso del trattamento è di 10 giorni.

Nella cistite acuta viene prescritto acido nalidixico (Negro). È indicato per la prevenzione di pielonefrite, nefrite, glomerulonefrite, è usato per cistiti gravi, patologie croniche e malattie ricorrenti. Questo farmaco è particolarmente efficace per il trattamento della cistite causata dalla microflora gram-negativa. Assegnalo alla compressa 4 volte al giorno, il corso del trattamento è di 5-7 giorni. Se non si osservano risultati visibili, viene prescritto 5-NOC. Il corso del trattamento è di 10-12 giorni. Questo rimedio è particolarmente efficace nel trattamento della cistite prolungata.

Di norma, con la cistite acuta, la temperatura corporea aumenta bruscamente. Quando la temperatura supera i 38 gradi, è indispensabile somministrare antipiretici come primo soccorso. Quindi viene collegata la terapia antibiotica e gli antipiretici vengono bevuti secondo necessità. La terapia antibatterica viene eseguita fino a quando la temperatura corporea non torna alla normalità. Inoltre, la terapia antibiotica non deve essere interrotta fino a quando il normale pattern di sedimento urinario non viene ripristinato e la batteriemia (batteriuria) scompare completamente.  [5]

Pronto soccorso per cistite, medicinali, pillole

Con la cistite, il paziente ha bisogno del primo soccorso: danno medicine, pillole. A volte vengono somministrate iniezioni. Il primo soccorso dovrebbe essere fornito prima dell'arrivo di un'ambulanza per alleviare le condizioni del paziente. Di solito, l'elenco dei fondi necessari per le cure di emergenza è limitato a un insieme minimo di farmaci che consentono di alleviare rapidamente il dolore e l'infiammazione, eliminare lo spasmo e rilassare il paziente. Ulteriore trattamento viene effettuato da un medico, una squadra di ambulanza. Poiché i principali mezzi di primo soccorso sono: 5-NOK, urolesan, urosept, analgin, baralgin, no-shpa, spasmalgon. Questi sono gli strumenti più famosi e comunemente usati. Spesso sono nel kit di pronto soccorso del paziente che ha avuto un attacco.

Ma l'elenco di medicinali e compresse che possono essere utilizzati per fornire il primo soccorso per la cistite non si limita a questi farmaci. Pertanto, dovrebbero essere presi in considerazione altri farmaci.

Per alleviare i principali sintomi della cistite, viene utilizzata la diclotiazide (ipotiazide) - 50-200 mg ciascuno. Questo farmaco ha un effetto diuretico e ipotensivo. Si consiglia di combinarlo con preparati di potassio, furosemide (40-160 mg ciascuno). I preparati di Rauwolfia, alfa-metilzhdofu, isobarine sono prescritti a 0,025 g Dibazol viene somministrato in 2 ml di una soluzione allo 0,5%. Per fermare il processo infiammatorio, al paziente può essere somministrato suprastin: con una forma lieve - 1 compressa, con un attacco grave - 2 compresse. Suprasin agisce come un antistaminico, volto a ridurre l'istamina. In un attacco acuto di cistite si sviluppa un processo infiammatorio, che è accompagnato da un rilascio attivo di istamina nel sangue. La distruzione dell'istamina riduce l'infiammazione e allevia le condizioni del paziente. Il chetonale, il ketoferolo (1 compressa ciascuno) è usato come potente antidolorifico per un attacco grave.

Cosa fare se monural non ha aiutato con la cistite?

Molti pazienti prendono il mono per la cistite. Questo è un rimedio abbastanza efficace che aiuta ad alleviare rapidamente un attacco, il dolore, eliminare l'infiammazione e il processo infettivo. Molti si affidano così tanto al monural che non ci sono altri mezzi nel kit di pronto soccorso. E invano. Dopotutto, poche persone si chiedono cosa fare se monural non ha aiutato con la cistite? Tali casi accadono. Questo potrebbe essere correlato a. Che con un decorso ricorrente della malattia, con attacchi frequenti, il paziente assume costantemente questo farmaco. La sensibilità del corpo ad esso diminuisce gradualmente, si sviluppa la dipendenza. Pertanto, per evitare la dipendenza, è necessario alternare i farmaci. Non è consigliabile essere trattati due volte di seguito con lo stesso farmaco. Se monural è inefficace, puoi provare furagin, cistone in alternativa.

Cosa fare se la furagin non aiuta con la cistite?

Con attacchi di cistite, viene spesso utilizzato furagin. Di solito funziona rapidamente e bene. Ma cosa fare, furagin non aiuta con la cistite? Non dovresti preoccuparti di questo. Capita. Hai solo bisogno di cambiare la droga. Naturalmente, è meglio consultare il proprio medico, poiché solo il medico può selezionare accuratamente il farmaco, tenendo conto delle caratteristiche della malattia attuale, delle condizioni del paziente. Ma in ogni caso, anche senza conoscere l'anamnesi, in alternativa al paziente possono essere consigliati i seguenti farmaci: furosemide (Lasix) alla dose da 40-80 a 600 mg al giorno. Vengono utilizzati farmaci antipertensivi, ad esempio il dopegyt, il cui dosaggio giornaliero è di 0,75 - 1 grammo. Con la cistite progressiva, l'azatioprina viene prescritta in una quantità di 100-150 mg al giorno, suona in una quantità di 300-500 mg al giorno. Vengono mostrati preparati di calcio, ad esempio cloruro di calcio all'interno di una soluzione al 5-10%, 1 cucchiaio 4 volte al giorno. Anche un'alternativa è il cistone, che viene preso secondo le istruzioni.

Cosa fare se il cistone non aiuta con la cistite?

Cystone è considerato uno dei rimedi più efficaci per la cistite. Ora considera cosa fare se il cistone non aiuta con la cistite. Succedono anche casi del genere. Ciò accade se il paziente viene spesso trattato con questo farmaco. Si verifica dipendenza, la sua efficacia diminuisce. Ma ci sono anche casi in cui il farmaco viene prescritto per la prima volta e non aiuta. Queste sono le caratteristiche individuali del corpo. In ogni caso, se non ci sono effetti entro 2-3 giorni, il trattamento deve essere interrotto e deve essere cercata un'alternativa. L'alternativa più vicina al cistone è monural, furagin. Questi farmaci vengono assunti secondo le istruzioni. Tuttavia, prima di iniziare a prendere qualsiasi farmaco, dovresti consultare il tuo medico.

Pronto soccorso per il dolore nella cistite

Per il dolore nella cistite, è necessario il primo soccorso. Deve essere fornito il più rapidamente possibile. Prima di tutto, al paziente deve essere somministrato qualsiasi farmaco antidolorifico. Dipende dalle caratteristiche individuali dell'organismo. Nella patologia grave vengono somministrati farmaci così forti come il ketanolo, il ketolorac. Con patologia moderatamente grave sono sufficienti baralgin, analgin, diclofenac, no-shpy. Questi rimedi alleviano rapidamente il dolore. Dopodiché, devi chiamare un'ambulanza. Prima del suo arrivo, la paziente dovrebbe avere riposo e molti liquidi. Il medico fornirà ulteriore assistenza.

Cosa fare con i tagli con la cistite?

Se si verifica una sensazione di dolore durante la cistite, è necessario consultare un medico e sottoporsi a un esame. Questo può essere un segno dell'inizio del processo infiammatorio. In nessun caso dovresti avviarlo, poiché ciò può comportare un forte attacco. È meglio prevenire l'infiammazione nelle prime fasi. Puoi anche provare rimedi come monural, furagin, cistone, urolesan. Fermano bene il processo infiammatorio, specialmente nelle prime fasi del suo sviluppo, prevengono lo sviluppo di gravi infiammazioni e infezioni e prevengono le complicanze.

Rimedi alternativi per la cistite come primo soccorso

Come primo soccorso per la cistite, possono essere utilizzati rimedi alternativi. Consideriamone alcuni.

Con la cistite è indicato il trattamento a base di erbe, poiché le erbe consentono un trattamento cumulativo a lungo termine. Le erbe più comunemente utilizzate sono elencate di seguito.

Ledum di palude. Si usa sotto forma di decotto: circa un pizzico di erbe aromatiche in un bicchiere di acqua calda (acqua bollente). Lasciare per almeno un'ora. Bere un cucchiaio 2-3 volte al giorno, o come indicato da un medico. Va ricordato che il prodotto è velenoso, prendere con cautela.

Achillea. Si consiglia di utilizzare sotto forma di infusione di alcol. Può essere usato come soluzione acquosa. Spesso incluso in varie collezioni medicinali.

Il crespino ordinario viene prodotto in forma finita sotto forma di un preparato di berverine bisolfato, una raccolta secondo la prescrizione di Zdrenko.

Maclea a forma di cuore viene utilizzata sotto forma di decotti, infusi, estratti. Stephania liscia è usata sotto forma di decotti, infusi.

Spesso prescritti e come marshmallow, calamo, celidonia, piantaggine, abete siberiano, ginepro, dente di leone, aralia della Manciuria, Sophora giapponese, alpinista d'acqua, alpinista di serpenti, ginseng, fiordaliso, eleuterococco, echinacea. Si consiglia di utilizzare questi fondi sotto forma di infusi di alcol (utilizzando alcol con una concentrazione del 40%). Puoi anche usare decotti all'acqua.

Cosa fare con un'esacerbazione della cistite?

Con un decorso ricorrente, vengono prescritti cistite cronica, frequenti complicazioni ai reni, ormoni corticosteroidi. I corticosteroidi possono essere usati anche quando c'è sangue nelle urine (ematuria). Ad esempio, il prednisolone è il farmaco preferito. È prescritto, iniziando con una dose di 10-20 mg al giorno. Rapidamente (entro 5-7 giorni), portare la dose giornaliera a 60 mg, continuare il trattamento per 2-3 settimane, quindi ridurre gradualmente la dose. Il corso del trattamento è di 5-6 settimane. In totale, il corso richiede 1500-2000 mg di prednisolone. In assenza dell'effetto desiderato, vengono prescritte dosi di mantenimento di prednisolone (10-15 mg al giorno).

Con l'esacerbazione della cistite, viene utilizzato anche il solfato di magnesio (somministrazione endovenosa). Vengono iniettati circa 10 ml di una soluzione al 25% del farmaco. Con forte dolore. Che non viene fermato da altri farmaci, somministrare antidolorifici narcotici, ad esempio cloralio idrato. I gangliobloccanti hanno un effetto positivo. Ad esempio, benzoesonio 10-20 mg (0,5 - 1 ml di una soluzione al 2% per via intramuscolare). Reserpina, uregit, lasix sono anche prescritti per prevenire ulteriori complicazioni.

Cosa non si può fare con la cistite?

Sentiamo spesso dai pazienti la domanda: cosa non si può fare con la cistite? La prima cosa a cui dovresti prestare attenzione è che non dovresti auto-medicare. La cistite è una malattia estremamente grave e pericolosa. È molto più grave di quanto possa sembrare a prima vista. Il pericolo è che con la cistite si sviluppi un processo infettivo e infiammatorio acuto. Di conseguenza, lungo le vie ascendenti, questo processo si diffonde rapidamente a tutte le vie urinarie: ureteri, reni. Le complicanze ai reni sono considerate le più pericolose, poiché il processo patologico può progredire fino alla necrosi e allo sviluppo dell'insufficienza renale. Un'infezione che è entrata nei reni è molto difficile da trattare e spesso porta a disabilità e morte. Il secondo pericolo sono le complicazioni sul sistema riproduttivo. Ciò è particolarmente pericoloso per le donne in gravidanza, poiché possono verificarsi infezioni intrauterine e persino morte fetale o parto complicato. Per gli uomini da parte del sistema riproduttivo, una grave complicazione è l'impotenza sessuale, l'infertilità.

È impossibile interrompere il corso del trattamento con cistite o ridurre il dosaggio, anche se lo stato di salute è migliorato. Il miglioramento del benessere significa che il processo infiammatorio è diminuito, i sintomi sono scomparsi, ma il pieno recupero è ancora lontano. Se il trattamento viene abbandonato, la cistite diventerà cronica con frequenti ricadute.

Non puoi iniziare e abbandonare la terapia antibiotica da solo. Se si sceglie il farmaco sbagliato o si interrompe il trattamento senza essere curati, ciò porterà allo sviluppo di resistenza nella microflora batterica e gli antibiotici non funzioneranno più.

Non mangiare cibi piccanti, fritti, grassi, affumicati. Non puoi mangiare marinate, sottaceti, piatti con molte spezie, spezie. Non puoi bere alcolici. Il cibo deve essere dietetico.

In nessun caso dovresti raffreddare troppo.

Inoltre, un paziente che ha una storia di cistite dovrebbe sapere quanto più possibile sulla propria malattia. È inoltre necessario ricordare che  il pronto soccorso per la cistite  è necessario anche prima dell'arrivo dell'ambulanza, quindi dovrebbe esserci sempre un kit di pronto soccorso con i farmaci di base a portata di mano.

Translation Disclaimer: The original language of this article is Russian. For the convenience of users of the iLive portal who do not speak Russian, this article has been translated into the current language, but has not yet been verified by a native speaker who has the necessary qualifications for this. In this regard, we warn you that the translation of this article may be incorrect, may contain lexical, syntactic and grammatical errors.

You are reporting a typo in the following text:
Simply click the "Send typo report" button to complete the report. You can also include a comment.