^

Salute

Cos'è la falloplastica?

, Editor medico
Ultima recensione: 16.11.2022
Fact-checked
х

Tutti i contenuti di iLive sono revisionati o verificati da un punto di vista medico per garantire la massima precisione possibile.

Abbiamo linee guida rigorose in materia di sourcing e colleghiamo solo a siti di media affidabili, istituti di ricerca accademici e, ove possibile, studi rivisti dal punto di vista medico. Nota che i numeri tra parentesi ([1], [2], ecc.) Sono link cliccabili per questi studi.

Se ritieni che uno qualsiasi dei nostri contenuti sia impreciso, scaduto o comunque discutibile, selezionalo e premi Ctrl + Invio.

La falloplastica è la correzione e/o ricostruzione del pene maschile attraverso un intervento chirurgico. La necessità di questa chirurgia plastica può sorgere per vari motivi.

Indicazioni per la procedura

Le indicazioni per la falloplastica negli uomini includono:

  • lesioni e lesioni del pene , compreso il suo schiacciamento e la perdita completa (amputazione traumatica), ustioni, violazione con successiva necrosi dei tessuti, ecc.;
  • penectomia trasferita per motivi medici (in particolare, con neoplasie maligne dell'uretra o del pene);
  • difetti della pelle del pene che non sono suscettibili di terapia conservativa;
  • localizzazione anomala dell'apertura esterna dell'uretra-epispadia o  ipospadia ;
  • deviazione congenita (curvatura del pene) o deformazione causata dalla formazione di placche fibrose all'interno dell'albuginea dei corpi spugnosi e cavernosi (malattia di Peyronie);
  • anomalie anatomiche congenite: agenesia del pene, micropene,  pene nascosto ;
  • linfedema penoscrotale - elefantismo o elefantiasi del pene.

Inoltre, alcuni uomini che dubitano delle loro capacità sessuali o sono semplicemente insoddisfatti dell'aspetto dei loro genitali - molto probabilmente a causa della  dismorfofobia  - decidono misure drastiche: con l'aiuto della chirurgia plastica, aumentare le "dimensioni" del pene. Tuttavia, nella maggior parte degli uomini non esiste un'indicazione medica per tale operazione e, in questi casi, la falloplastica è estetica e il suo scopo è aumentare l'autostima. [1]

Come i chirurghi allungano il pene, in dettaglio nel materiale -  Operazione legamentotomia . E la pubblicazione è dedicata alla tecnica dell'ingrandimento del pene in volume -  Operazione per ispessire il pene .

La falloplastica di riassegnazione del sesso, che l'American Society of Plastic Surgeons (ASPS) chiama chirurgia di riassegnazione del sesso, comporta anche la chirurgia plastica, ma in questo caso, come nell'amputazione traumatica e dopo la penectomia, si tratta di una falloplastica totale. Nel corso di un intervento chirurgico così completo, viene creato un pene artificiale per un uomo transgender (cioè una donna che si sente un uomo) trapiantando del tessuto dal proprio corpo (autotrapianto), simile per aspetto e funzione a un naturale uno. La differenza essenziale di tale operazione quando si  cambia sesso  da femmina a maschio (da femmina a maschio o FtM) è che l'anatomia maschile originale non viene ripristinata, ma la falloplastica viene eseguita nelle donne con la creazione di un neofallo - un genitale esterno inesistente organo. Va tenuto presente che la modifica artificiale del pene attraverso l'intervento chirurgico non è l'unica procedura chirurgica mascolinizzante che viene utilizzata durante la trasformazione sessuale delle donne con disforia di genere,  un disturbo dell'identità di genere, diagnosticato e confermato da un consiglio di psichiatri .

Preparazione

Indipendentemente dalle indicazioni per la falloplastica negli uomini e dalla tecnica scelta per la sua attuazione, è necessaria la preparazione, in particolare un esame preoperatorio: ECG, ecografia del pene, dopplerografia dei suoi vasi e prima dell'intervento chirurgico per l'ipospadia, ecografia dell'uretra.

Oltre all'analisi del sangue generale e al coagulogramma, sono necessari esami del sangue per malattie sessualmente trasmissibili, HIV, epatite C, nonché un pannello metabolico completo che include più di una dozzina di esami del sangue, inclusi zucchero, elettroliti, albumina, azoto ureico, creatinina, fosfatasi alcalina, proteina C-reattiva, ecc.

I peli vengono rimossi dalla pelle da trapiantare e dalla zona genitale con l'epilazione laser.

E' richiesta anche la preparazione dell'intestino: due giorni prima dell'operazione sono esclusi dalla dieta i fritti e i piccanti, le carni rosse, i legumi, la fibra vegetale grossolana e l'alcol; un giorno prima dell'intervento chirurgico, viene assunta per via orale una soluzione di citrato di magnesio o compresse di bisacodil lassativo (fino a 20 mg) e nel pomeriggio si interrompe il cibo solido e si fa un clistere purificante.

La chirurgia plastica del pene è una lunga operazione eseguita in anestesia generale e un anestesista partecipa alla preparazione. Conosce lo stato del sistema cardiovascolare e respiratorio del paziente, il suo stato allergico e determina i farmaci per la premedicazione e l'anestesia stessa.

Condizioni obbligatorie per la falloplastica durante la riassegnazione del sesso FtM: assunzione di preparati di ormoni sessuali maschili (entro 12 mesi), esecuzione di un'isterectomia (rimozione dell'utero), vaginectomia (rimozione della vagina) e ovariectomia (rimozione delle ovaie), nonché sottocutaneo mastectomia (rimozione delle ghiandole mammarie) – almeno da tre a cinque mesi prima della creazione chirurgica del neofallo.

Tecnica Cos'è la falloplastica?

Dopo una lesione scalpata al pene, un'ustione con perdita significativa (necrosi) della pelle, rimozione di un ascesso o escissione di tessuti in caso di elefantiasi del pene, è necessaria la falloplastica con sostituzione della pelle, per la quale la tecnica classica dell'autodermoplastica viene usato. In questo caso si utilizzano sia lembi cutanei peduncolati (dallo scroto, basso addome o interno coscia) che innesti cutanei liberi: sotto forma di lembi a spessore parziale dalla superficie interna della coscia e lembi a tutto spessore prelevati dall'inguine regione. Il lembo è fissato con suture riassorbibili interrotte e coperto con una benda di supporto; l'area in cui è stata prelevata la pelle viene chiusa con una medicazione occlusiva o sottovuoto.

Nella falloplastica, eseguita nei casi di ipospadia, lo stelo del pene viene raddrizzato; regolare il lume dell'uretra, passando nel pene; l'apertura esterna dell'uretra (meato urinario) viene spostata nel punto apicale della testa; i difetti della pelle vengono chiusi con un autotrapianto.

In caso di curvatura del pene dovuta a alterazioni fibrose della sua albuginea (tunika albuginea), viene utilizzata la tecnica della chirurgia plastica del lembo del corpo del pene (corpo del pene): corporoplastica, plastica con plicatura trasversale, accorciamento di t. Albuginea sul lato controlaterale. Tutti i dettagli sono nella pubblicazione  Malattia di Peyronie .

Il materiale per il nuovo pene in falloplastica totale è:

  • lembo cutaneo radiale libero dell'avambraccio (con un derma sottile, uno strato ottimale di tessuto adiposo sottocutaneo e sufficiente innervazione); i vasi sanguigni e i nervi vengono suturati mediante microchirurgia; l'uretra per la minzione in piedi è formata contemporaneamente - dal tubo all'interno del metodo del tubo;
  • lembo cutaneo (con gambe) della parte anterolaterale della coscia - senza vasi sanguigni e nervi (è possibile formare l'uretra per la minzione in piedi e posizionare un impianto penieno);
  • un lembo cutaneo rettangolare dalla parte sovrapubica della cavità addominale (senza che l'uretra passi attraverso il neofallo, cioè la minzione viene eseguita in posizione seduta);
  • lembo libero del muscolocutaneo latissimus dorsi (muscolocutaneo latissimus dorsi) con vasi toracici e nervo toracodorsale.

La falloplastica totale viene eseguita in più fasi; in primo luogo, viene prelevato un innesto cutaneo con il trattamento appropriato e si forma un nuovo pene, che viene trasferito al pube e cucito nell'incisione praticata. Durante l'operazione da femmina a maschio, l'uretra può essere lasciata nella sua posizione nativa, o portata fuori (sotto forma di urostomia perineale) o allungata fino alla base del pene dai tessuti delle piccole labbra.

Nel sito donatore (il luogo in cui è stato prelevato il lembo), la dermoplastica viene eseguita con un lembo cutaneo diviso. Per il deflusso delle urine viene posizionato un catetere uretrale di Foley, l'innesto cucito viene sollevato di alcuni centimetri dalla parete addominale con un apposito bendaggio.

Nelle fasi successive, la formazione della testa del pene, il ripristino o la creazione dello scroto (scrotoplastica), l'uretra appena creata viene collegata alla vescica; l'ultima fase è il posizionamento della protesi del pene e dei testicoli. Naturalmente, questo non viene eseguito tutto in un'unica operazione: tra le fasi passano almeno tre mesi e una falloplastica completa può richiedere fino a due anni.

Falloplastica con protesi

Per una maggiore densità e stabilità assiale dello stelo neofallico formato da un autotrapianto cutaneo, viene eseguita la falloplastica con protesi, che è l'impianto di un'endoprotesi del pene durante un intervento chirurgico separato. [2]

Si possono utilizzare due tipi di protesi peniene: i dispositivi ad asta semirigida e quelli gonfiabili. Il primo tipo è un'asta in silicone con un'anima flessibile ma rigida; la rigidità non consente di "trasferire" la neopenide in uno stato rilassato e, inoltre, una pressione costante sulla pelle, che porta all'erosione.

Le basi delle protesi peniene gonfiabili idrauliche sono camere cilindriche gonfiabili (posizionate nel pene ricostruito), una pompa (impiantata nello scroto e azionata mediante compressione manuale) e un serbatoio pieno di liquido (che viene cucito nella cavità addominale). [3]

Controindicazioni alla procedura

La chirurgia per ricostruire o correggere il pene è controindicata in:

  • infiammazione acuta o esacerbazione di un processo infiammatorio cronico (qualsiasi localizzazione);
  • malattie sessualmente trasmissibili, AIDS o epatite C;
  • febbre
  • scarsa coagulazione del sangue;
  • diabete
  • sovrappeso (indice di massa corporea ˃30);
  • malattie sistemiche autoimmuni e della pelle;
  • disturbi e malattie mentali.

La falloplastica negli uomini ha limiti di età: non viene eseguita dopo i 60 anni. E la falloplastica quando si cambia sesso non viene eseguita su pazienti di età inferiore ai 18 anni.

Conseguenze dopo la procedura

Immediatamente dopo l'intervento di falloplastica, i pazienti avvertono dolore, anche nel punto in cui è stato prelevato il lembo cutaneo. Ci sono conseguenze della chirurgia come nausea dopo anestesia generale prolungata, segnalazione di tessuti molli ed ematomi nell'area della ferita chirurgica, sanguinamento, bruciore ed ematuria durante la minzione.

Ma l'elenco, che include complicazioni dopo la falloplastica, è più lungo e chirurghi e altri specialisti vi hanno incluso:

  • sanguinamento;
  • infezione batterica che richiede antibiotici;
  • problemi con l'afflusso di sangue al neofallo, che possono portare a necrosi parziale o completa dell'innesto;
  • dolore nella zona pelvica;
  • danno alla vescica o al retto;
  • la formazione di granulomi sottocutanei dolorosi;
  • trombosi venosa;
  • perdita di sensibilità durante la minzione (con la necessità di un uso costante di un catetere uretrale);
  • infezioni ricorrenti del tratto urinario;
  • la formazione di fistole uretrali (fistole) che richiedono uretrostomia;
  • perdita di urina dopo la rimozione del catetere e incontinenza urinaria da stress;
  • violazione della minzione dovuta alla stenosi dell'uretra del nuovo pene;
  • mancanza di sensazione di un pene trapiantato e di un'erezione;
  • grandi cicatrici nel sito da cui è stato prelevato il lembo cutaneo.

Cura dopo la procedura

La cura dopo la procedura richiede igiene e la massima limitazione dell'attività fisica.

Il primo giorno dopo l'operazione, i pazienti non ricevono cibo, quindi - per non sovraccaricare l'intestino - viene prescritta una dieta senza fibre (per un paio di settimane). Il dolore postoperatorio è controllato con analgesici, vengono utilizzate calze compressive per prevenire la trombosi nelle vene delle gambe e viene prescritto acido acetilsalicilico (Aspirina) per prevenire la trombosi delle vene della regione inguinale.

Durante i primi tre giorni, la temperatura corporea viene costantemente monitorata, così come il livello del flusso sanguigno e le condizioni dei vasi sanguigni che irrorano il pene (doppler vascolare). Viene verificata la condizione del sito donatore della pelle, se necessario viene cambiata la benda.

Dopo cinque giorni, è consentito camminare un po', dopo aver indossato biancheria intima di supporto. La prima volta dopo l'intervento chirurgico, la minzione avviene attraverso il catetere sovrapubico e l'area circostante durante la prima settimana dopo aver lasciato l'ospedale deve essere pulita con una spugna. È consentito fare la doccia solo dopo due settimane: sia il pene che il sito donatore sull'avambraccio, sulla coscia, ecc. Devono essere mantenuti asciutti, quindi devono essere coperti dall'acqua. È vietato fare il bagno e nuotare in piscina. [4]

Nella corporoplastica, che corregge la forma del pene, i chirurghi raccomandano di applicare unguento a bacitracina, baneocina o argosulfan (due volte al giorno) sulle incisioni e sulle suture.

Il pene deve essere mantenuto in posizione elevata (anche sdraiato a letto) e deve essere evitata la pressione su di esso, pertanto è impossibile piegare il corpo nella cintura con un angolo superiore a 90°. Anche il sollevamento pesi è controindicato.

E solo un medico, dopo esame e consultazione, può consentire al paziente operato di provare ad avere un contatto sessuale, sempre usando il preservativo. Quando può succedere? Il periodo di recupero - riabilitazione dopo la procedura, soprattutto quando la falloplastica è stata eseguita durante un cambio di sesso - può durare circa due anni.

Analizzando i feedback dei loro pazienti in merito ai reali risultati della falloplastica - funzionale ed estetica - e ai problemi che ne derivano con le sue complicanze, gli esperti ricordano che la chirurgia plastica urogenitale non è ancora riuscita a ripristinare la  fisiologia della funzione sessuale , nonostante il costante miglioramento della le tecniche di questo intervento chirurgico e l'esperienza clinica accumulata.

Translation Disclaimer: The original language of this article is Russian. For the convenience of users of the iLive portal who do not speak Russian, this article has been translated into the current language, but has not yet been verified by a native speaker who has the necessary qualifications for this. In this regard, we warn you that the translation of this article may be incorrect, may contain lexical, syntactic and grammatical errors.

You are reporting a typo in the following text:
Simply click the "Send typo report" button to complete the report. You can also include a comment.